Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
13.2C
Venezia
mercoledì 03 Marzo 2021
HomepandemiaCovid, l'esperto: segni di ripresa dell'epidemia. I pericoli del colore giallo

Covid, l’esperto: segni di ripresa dell’epidemia. I pericoli del colore giallo

Covid: in un Paese che tende al giallo e che comincia a riassaporare riaperture, gli esperti fanno emergere ed evidenziano iniziali segni di ripresa dell’epidemia.
Segni di ripresa dell’epidemia di Covid 19 in Italia che devono forzatamente sposarsi con i segnali di ottimismo.
Alla vigilia del passaggio di molte regioni nella zona gialla, ci stiamo muovendo su un filo sottile, come ha osservato il fisico Roberto Battiston, dell’Università di Trento.
A indicare iniziali segni di ripresa del virus sono i dati sulla percentuale dei casi positivi

sui tamponi molecolari, risultato delle analisi condotte dal matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘Mauro Picone’ del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Iac).
“E’ ormai iniziato l’effetto del rilascio delle misure adottate nel periodo natalizio, e i valori mostrano adesso i segni di una ripresa dell’epidemia, proprio mentre la maggior parte delle regioni sta per entrare nella zona gialla“.
Secondo i calcoli di Sebastiani “la sequenza temporale della variazione percentuale settimanale della curva dei positivi sui tamponi molecolari mostra valori negativi: cosa buona, ma purtroppo in crescita a partire da circa 14 giorni dopo il rilascio delle misure, avvenuto il 7 gennaio”.
Dal 25 gennaio, infatti,

“questi valori sono invece diventati positivi. Questo fa prevedere un significativo aumento dei contagi nelle prossime settimane”.
Un’analisi analoga sulla curva delle terapie intensive “mostra negli ultimi dieci giorni valori oscillanti attorno a un valore negativo. Questo corrisponde a una diminuzione lineare delle terapie intensive: cosa buona, ma sappiamo che i cambiamenti di questa curva avvengono con ritardo rispetto a quella della percentuale dei positivi”.
Quanto alla curva dei decessi, sebbene stia mostrando “un debole decremento” rispetto al valore del picco attorno al 12 gennaio, ha un valore medio di morti negli ultimi trenta giorni che rimane “purtroppo alto”, e pari a circa 475 decessi al giorno.
Per Battiston “siamo su un filo, una linea di equilibrio stretta, ma che sembra tenere”. Sarà però necessario seguire quotidianamente che cosa avverrà nelle regioni che dal primo febbraio passeranno al giallo, per “essere in grado di intervenire rapidamente. Diventa importante avere un monitoraggio

quotidiano”.
Ci sono segnali incoraggianti, ma che potrebbero essere facilmente compromessi da una ripresa dei contagi.
Per esempio, prosegue il fisico, il valore complessivo dell’indice di contagiosità Rt è sotto 1, ma l’epidemia si sta spegnendo molto lentamente.
Attualmente l’indice Rt nazionale è appena sotto 0,9: “siamo appena sotto la soglia di immediato pericolo”.
Inoltre in Italia gli infetti attivi sono ancora circa 463.000, un numero molto grande, che sta scendendo ogni giorno un po’. Anche nella maggior parte delle regioni l’indice Rt è inferiore ad 1: “La situazione è al limite, ma tiene”.
Senza dubbio, prosegue Battiston, il passaggio al giallo di molte regioni “sottopone il sistema a uno stress importante; solo i dati ci potranno dire nei prossimi giorni se questo passaggio ci porterà a valori di Rt superiori a 1 oppure no: in tale caso




sarà però necessario intervenire tempestivamente sui colori“.
Un elemento positivo è che “almeno cinque o sei milioni di italiani sono stati contagiati e sono guariti, più di 1,7 milioni hanno avuto almeno la prima dose di vaccino: sappiamo inoltre che dopo la prima iniezione del vaccino c’è già una protezione. Di conseguenza abbiamo più del 10% della popolazione che gode di un grado più o meno alto di protezione. E’ un dato importante, perché, se è vero che l’immunità di gregge scatta sopra circa il 70% della popolazione vaccinata, è anche vero che per ogni punto percentuale in più di vaccinati è come se riducessimo della stessa quantità l’indice Rt”.
C’è tuttavia l’incognita delle varianti con cui fare i conti, considerando che:




“se dovessero arrivare varianti più contagiose rispetto al virus attuale, anche l’immunità di gregge richiederebbe una percentuale più alta di persone protette.
La partita, ha concluso, è “quella di vaccinare alla massima velocità possibile: questo sicuramente ci aiuta a sostenere il passaggio alle regioni gialle, senza che riparta una nuova fase dell’epidemia”.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.