21.5 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Covid nel mondo: Francia verso terzo lockdown, Gran Bretagna: record di decessi

Homecoronavirus nel mondoCovid nel mondo: Francia verso terzo lockdown, Gran Bretagna: record di decessi

Covid nel mondo con apparenti contraddizioni e differenti approcci da parte dei vari paesi dopo – praticamente – un anno di pandemia.
Francia verso un terzo lockdown, mentre Mosca apre tutto e, contariamente alle linee guida UE, ogni paese si riorganizza individualmente.
Le varianti Covid stanno mettendo in allarme rosso il mondo intero facendo diffondere il virus sempre più velocemente.
In Europa la Francia sembra ormai rassegnata ad un terzo lockdown, mentre la Germania guida un fronte di rigoristi che chiedono un’ulteriore stretta sui viaggi tra i 27.
La Gran Bretagna nel frattempo ha chiuso a 22 Paesi ed il Portogallo ha sospeso i collegamenti con il Brasile.
La variante britannica è già arrivata in 70 Paesi, 10 in più in una settimana, mentre sono 31 quelli dove è stata tracciata la sudafricana, come ha rilevato l’Oms nel suo ultimo rapporto.
Si tratta di una nuova conferma che queste mutazioni corrono.
E, nel peggiore dei casi, potrebbero risultare più mortali del ceppo originario, anche se non ci sono dati definitivi al riguardo.
L’Europa, come sappiamo, si trova in grande affanno con le vaccinazioni, tanto che è in atto un duro contenzioso con le aziende farmaceutiche che hanno rallentato la fornitura delle dosi.
In questo scenario la stretta alla mobilità viene ritenuta la soluzione più realistica nell’immediato.
A cominciare dalla Francia, dove il governo sta valutando l’opzione più estrema, un “lockdown molto rigido”, che sarebbe il terzo dall’inizio dalla pandemia.
Il coprifuoco anticipato alle 18 su tutto il territorio nazionale:

“non frena in modo sufficiente” la propagazione del Covid, ha spiegato il portavoce dell’esecutivo Gabriel Attal, rilevando che le varianti “si stanno sviluppando a un ritmo importante”.
C’è poi la Germania, in lockdown da oltre un mese, che guarda con preoccupazione ai propri confini, soprattutto quello con la Repubblica Ceca, con percentuali elevatissime di contagi e vittime.
Berlino sta chiedendo un inasprimento a livello Ue delle raccomandazioni proposte dalla Commissione sui criteri per definire le aree rosso scuro, ad alto rischio Covid: stretta che porterebbe di fatto a maggiori controlli sanitari ai confini ed una limitazione dei viaggi.
Con i tedeschi ci sono i Paesi del Nord, mentre quelli a vocazione turistica non vedono di buon occhio la blindatura delle frontiere.
Una decisione a Bruxelles è attesa per venerdì, anche se sembra escluso un divieto generalizzato di viaggi tra i 27.
Nel frattempo, comunque, si procede in ordine sparso.
E’ il caso del Portogallo, che ha sospeso tutti i collegamenti aerei

con il Brasile, per timore della variante rilevata in Sudamerica.
Fuori dall’Ue la Norvegia ha chiuso le frontiere a quasi tutti i non residenti e la Gran Bretagna ha bandito i viaggi con 22 Paesi dell’America Latina e dell’Africa e con il Portogallo.
Residenti e cittadini britannici in rientro da quei Paesi avranno l’obbligo di quarantena in hotel sorvegliati messi a disposizione dal governo.
E comunque nell’isola i viaggi per turismo verso qualsiasi destinazione sono di fatto proibiti.
La situazione oltremanica è drammatica, con il record europeo di oltre centomila morti, tanto che il premier Boris Johnson ha escluso una revisione del lockdown prima del 22 febbraio.
Ma non tutti in Europa soffrono alla stessa maniera, anzi.
A Mosca il sindaco Serghei Sobyanin ha annullato tutte le restrizioni anti-Covid:

bar e ristoranti potranno restare aperti tutta la notte, persino le discoteche.
Un ritorno alla normalità di cui saranno lieti soprattutto i più giovani, nonostante nel resto del Paese i contagi continuino a salire.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.