7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Policy – Note Legali

HomeAltre NotiziePolicy - Note Legali
la notizia dopo la pubblicità

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara:
www.lavocedivenezia.it è definita “prodotto editoriale” diffuso al pubblico con periodicità regolare di natura quotidiana contraddistinto da una testata.

Ai sensi della Legge n.47, 8 febbraio 1948, si dichiara:
La testata, denominata “La Voce di Venezia”, risulta iscritta negli elenchi del Tribunale della circoscrizione di Venezia (atto 14, 12/06/07).

Direttore Responsabile della testata è Mattia Cagalli, iscritto negli elenchi dell’Albo Professionale dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto

Lo stampatore è identificabile in:
SupportHost
Am Datacenter-Park 1, Falkestein, Germany.

La testata si pone unici obiettivi di utilità pubblica al servizio dei cittadini. Sono garantite l’osservanza delle vigenti leggi e la continua vigilanza sulla pubblicazione dei contenuti.
Se la divulgazione di uno di essi potesse offendere in qualche modo un qualsiasi diritto civile, morale, etico o religioso di qualsivoglia soggetto esso può essere rimosso al ricevimento della segnalazione.

Mission.

La “Voce di Venezia” è una testata giornalistica con regime di aggiornamento quotidiano.
Il suo obiettivo precipuo è dare un contributo all’informazione locale e generale che sia agevolmente e gratuitamente fruibile dai cittadini, e da chiunque interessato a notizie sulla città di Venezia e oltre.
Gli scopi sono la divulgazione di notizie, la diffusione di cronaca, il contributo alla promozione di eventi, il sostegno ad iniziative inerenti arte e cultura, agevolando le informazioni sulla città di Venezia.
La testata pone i sui spazi a disposizione degli Enti Locali ed Istituzioni, qualora in favore dei cittadini e del pubblico interesse, nell’ottica di poter offrire un servizio di pubblica utilità.
La testata pone altresì spazi a disposizione dei lettori e dei cittadini, nell’esercizio della libertà di pensiero garantita dalla Costituzione e nel rispetto delle vigenti leggi.
Le opinioni dei lettori, i commenti, le lettere al giornale, si devono ritenere autonomamente e singolarmente espresse e non riflettono le linee di pensiero del giornale.

Privacy.

In osservanza della Legge 196, 30/06/2003, si dichiara:
La “Voce di Venezia” non richiede nè conserva a scopo di riutilizzo alcun tipo di dato personale di utenti e fruitori del servizio.
Per la declaratoria sui “cookie” si invita a prendere visione della normativa estesa ad essa dedicata (vedi spazio a fondo di ogni pagina).

Copyright.

I marchi, il sito e i contenuti in esso pubblicati appartengono alla proprietà intellettuale dell’editore.
Sono proibite duplicazioni e diffusione degli stessi in mancanza di esplicito consenso scritto (e.mail).
E’ consentita la citazione che correttamente riporti origine con link alla fonte originale (www.lavocedivenezia.it).

Materiale pervenuto.

La Voce di Venezia non può assicurare la restituzione del materiale pervenuto anche se non pubblicato.
Si raccomanda l’invio di materiale (testo, foto, creazioni e idee opere di ingegno) libero da diritti d’autore.

Diritto D’autore.

La direzione e la redazione vigilano costantemente sulla pubblicazione dei contenuti in osservanza alle norme sul diritto d’autore. Se tuttavia nelle pagine del giornale dovesse essere riscontrato materiale che possa confliggere con tale norma si prega di farne segnalazione ( [email protected] ) e il contenuto verrà immediatamente rimosso.

Obbligo di rettifica, diritto all’oblio e all’aggiornamento della notizia.

Il giornale, il suo editore, il comitato di redazione, hanno autonomamente elaborato e instaurato il seguente codice di autoregolamentazione.

La Legge n. n.47, 8 febbraio 1948, punisce la diffamazione, cioè l’offesa alla dignità e all’onore delle persone, la diffusione di immagini raccapriccianti e impressionanti, le pubblicazioni, che possano “corrompere” adolescenti e fanciulli. Obbliga i direttori alla rettifica delle notizie inesatte e alla pubblicazione delle sentenze dei tribunali a tutela dei diritti dei cittadini.

In osservanza a sentenza di Corte di Cassazione (n. 5525 del 05/04/2012):
L’interessato può far valere il diritto all’aggiornamento della notizia che lo riguardi. Tale aggiornamento, completo di data e ora, verrà pubblicato sotto l’articolo originale con pari evidenza.
In osservanza a sentenza Corte di Giustizia UE (causa C-131/12 del 13/05/2014):
L’editore non è responsabile dei link esterni (altri siti) che rimandano o diffondono un articolo pubblicato sul proprio giornale.
Si ricorda che il trattamento dei dati personali per finalità giornalistica, specificatamente regolato dal nostro Codice sulla Privacy (art. 136 e ss.) permette specifica deroga all’obbligo del consenso della persona interessata. Tale deroga si applica esclusivamente al trattamento «effettuato nell’esercizio della professione di giornalista e per l’esclusivo perseguimento delle relative finalità» o «effettuato dai soggetti iscritti nell’elenco dei pubblicisti o nel registro dei praticanti di cui agli artt. 26 e 33, legge n. 69/1963».
Il diritto all’oblio (Cass. Civ., sez. III, n. 5525/2012) viene qui ritenuto garantito esercitandone richiesta ( [email protected] ) una volta assolta la funzione informativa della notizia, evidenziando parimenti come ne’ l’editore, ne’ la testata giornalistica, abbiano potere o funzionalità che permettano la cancellazione dai motori di ricerca o dai risultati dei motori di ricerca della stessa.
Il diritto all’Oblio è immediatamente esercitabile in caso di assoluzione o archiviazione dell’inchiesta giudiziaria.
Si formalizza con l’invio al Giornale ( [email protected] ) di sentenza o dispositivo in corso di efficacia e richiesta con documento di identificazione ovvero atto di incarico di esercente la legale rappresentanza l’interessato.

L’editore non è responsabile dei commenti del pubblico sugli articoli letti. Laddove possibile le discussioni sono moderate con sorveglianza continua contro tutti i casi di commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, ma le opinioni dei lettori vanno considerate espressioni della libertà individuale della persona non correlate all’esercizio del Giornale.
L’editore, parimenti, non è responsabile dei commenti di terzi su social network, sui quali non ha alcuna operatività, originati dal riporto della pubblicazione di articoli di giornale su tali social.
L’editore, infine, non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali siti collegati tramite link, in entrata e in uscita, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Fiscali.

La Voce di Venezia è testata giornalistica senza finanziamenti pubblici
gestita da associazione di volontariato senza fini di lucro
Iscrizione Regione Veneto cod. cl. PS/VE0226
prospetto costi/entrate 2019 come da Dgr n. 223 del 28 febbraio 2017
E’ possibile sostenere sostenere questa informazione libera con una donazione: fai una donazione
E’ possibile, inoltre, sostenere il giornale anche con il cinque per mille:
5 x mille a La Voce di Venezia

L’editore.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...