mercoledì 19 Gennaio 2022
8.5 C
Venezia

Veneto in zona gialla? Nuovi colori alle regioni: cosa cambia

HomeDpcmVeneto in zona gialla? Nuovi colori alle regioni: cosa cambia

Veneto in zona gialla? Un’ipotesi molto probabile per la nostra regione, come per altre parti d’Italia visto il miglioramento della situazione dei contagi da coronavirus.
Domani, venerdì 29 gennaio 2021, si aggiorna la mappa delle regioni e cambiano i colori, per molte vi sarà un miglioramento, quindi colori più chiari (zona bianca, gialla, ma qualcuno resterà in arancione e rossa) e di conseguenza qualche apertura in più, per un diverso modulaggio delle restrizioni per combattere la pandemia da Covid-19 che indichiamo punto per punto.
Ma andiamo con ordine.
Domani l’Istituto superiore di sanità (Iss) come ogni venerdì renderà noto il monitoraggio settimanale dei dati sulla base del quale il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà le ordinanze per assegnare i colori alle regioni italiane. Secondo quanto è presumibile ipotizzare in attesa dei dati definitivi, e soprattutto dell’indice di trasmissibilità Rt, molte regioni potrebbero

schiarirsi e passare da arancione a giallo, come il Veneto. Questo perché è stata monitorata una diminuzione della curva dei contagi. Oggi il Veneto è in zona arancione, e così il suo capoluogo lagunare, Venezia.
LA SITUAZIONE OGGI: COLORI E ZONE AL 28 GENNAIO 2021
Oggi l’Italia è in questa situazione, i colori regione per regione.
Zona rossa: Provincia Autonoma di Bolzano, Sicilia. 
Zona arancione: Sardegna, Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Veneto, Piemonte, Puglia, Umbria, Valle d’Aosta, Lombardia.
Zona gialla: Campania, Basilicata, Molise, Provincia autonoma di Trento, Toscana.
COSA CAMBIA DOMANI, 29 GENNAIO 2021
Come si diceva, domani la situazione delle regioni italiani muterà. Forse non per tutte, ma per molte

sicuramente. Domani è il giorno dell’assegnazione dei nuovi colori alle regioni in base alla situazione dei contagi da coronavirus. E se non per tutte è scontata la “schiaritura”, ad esempio la Lombardia dovrebbe restare in zona arancione, come forse Lazio e Piemonte, chi dovrebbe invece cambiare colore è la nostra regione, il Veneto, ma anche l’Emilia-Romagna e la Calabria stanno andando verso la zona gialla e domani il passaggio potrebbe essere definito.
Le risposte arriveranno domani pomeriggio, dopo la cabina di regia tra il ministro della Salute Roberto Speranza, il Comitato tecnico scientifico (Cts) e l’Istituto superiore di sanità (Iss) che

produrrà l’aggiornato report sulla situazione epidemiologica in tutta Italia.
LUCA ZAIA
Le anticipazioni sulla zona gialla per il Veneto arrivano dal governatore della regione Veneto, Luca Zaia: il Veneto ieri aveva un Rt (l’indice di trasmissione del virus) di circa 0,62. Quindi sotto il limite di 1 fissato per restare in zona arancione. Si attendono anche le rilevazioni di oggi ma in tutta probabilità dalla prossima settimana il Veneto dovrebbe tornare in zona gialla, con allargamento delle attuali restrizioni. Non bisogna però cantare vittoria e ritenere che il miglioramento corrisponda alla fine dell’epidemia: il governatore Zaia ieri non ha nascosto la preoccupazione per la riapertura delle scuole: il ritorno di alunni e professori nelle classi rischia di tradursi in nuovo possibilità di contagi da coronavirus, come già accaduto in autunno.
Ad ogni modo, Zaia ha spiegato ieri che secondo i tecnici della Regione, che hanno svolto un calcolo in casa, l’Rt in Veneto si aggira attorno allo 0,62. Secondo questa previsione il requisito per cambiare zona ci sarebbe già, considerando che i numeri negli ospedali migliorano lievemente

giorno dopo giorno. Le dimissioni dei pazienti affetti da coronavirus superano i ricoveri e la situazione sta
progressivamente migliorando, con lo svuotamento dei posti letto degli ospedali.
VENETO IN ZONA GIALLA
Se le previsioni fossero confermate e da questo week-end il Veneto tornasse nuovamente in area gialla, dopo 3 settimane di area arancione, molto cambierà, a cominciare dalla possibilità degli spostamenti tra comuni e la riapertura dei locali, bar e ristoranti, fino alle 18.
Ecco tutte le regole e le restrizioni, ma rispetto alla situazione di oggi si possono quasi chiamare “aperture” della zona gialla:

– divieto di spostamento tra Regioni (per ora fino al 15 febbraio anziché fino al 5 marzo);
– consentiti gli spostamenti solo tra le 5 e le 22 solo all’interno della propria Regione o Provincia autonoma, con l’eccezione di comprovate esigenze di lavoro, salute o necessità;
– visite consentite una sola volta al giorno, tra le 5 e le 22, solo in 2 persone (oltre ai conviventi non autosufficienti o minori di 14 anni);
– consentiti gli spostamenti verso le seconde case, solo per il proprio nucleo familiare;
– ristoranti e bar aperti fino alle 18;
– scuole in presenza al 100% per infanzia, elementari e medie. Alle superiori didattica in presenza alternata per minimo il 50% e fino al 75% degli studenti;
– università aperte o chiuse su decisione autonoma di ciascun ateneo, in base all’andamento dell’epidemia;
riempimento massimo al 50% dei mezzi di trasporto pubblico locale, ad eccezione del trasporto scolastico dedicato;
– divieto di asporto per i bar (locali senza cucina) dopo le 18;
– asporto fino alle 22 per i ristoranti (locali con cucina);
– sempre consentita la consegna a domicilio;
– vietato consumare cibi e bevande in strade o parchi dalle 18 alle 5;
– piscine, palestre, cinema e teatri chiusi;
– musei e mostre aperti solo nei giorni feriali;
– centri sportivi aperti;
– chiusi i centri commerciali nel weekend, nei giorni festivi e prefestivi. Ma restano aperti al loro interno le farmacie e le parafarmacie, i presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari. Così le tabaccherie, edicole, librerie e vivai;
– impianti sci chiusi fino al 15 febbraio;
– sospese attività di sale scommesse, bingo, sale giochi e slot machine, anche in bar e tabaccherie.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Quando i no vax finiscono in ospedale e cambiano idea sul vaccino. Di Andreina Corso

Aumentano di giorno in giorno le persone contrarie al vaccino, colpite dal Covid, che dopo un’esperienza ospedaliera traumatica scelgono di vaccinarsi e cercano di convincere gli altri a fare altrettanto. Quando la malattia ancora non ti tocca, quando ti è sconosciuta la...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...