giovedì 20 Gennaio 2022
4.3 C
Venezia

Tentare di evitare il licenziamento per ristrutturazione o sopravvenuta incapacità parziale

HomeDiritto Del Lavoro. A Cura dell' Avvocato Gianluca TeatTentare di evitare il licenziamento per ristrutturazione o sopravvenuta incapacità parziale

Tentare di evitare il licenziamento per ristrutturazione o sopravvenuta incapacità parziale

L’obbligo di repêchage (letteralmente ripescaggio) è una particolare elaborazione di origine giurisprudenziale sviluppata con riferimento al licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Cos’è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo?
Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo può essere intimato per «ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa». Tale nozione è legislativamente prevista all’art. 3 della storica Legge n. 604/1966.

Si tratta pertanto di un licenziamento intimato per due grandi ordini di ragioni:
1) particolari esigenze aziendali che richiedono la soppressione di un posto di lavoro (ad esempio un calo di commesse o una ristrutturazione dell’attività produttiva);
2) situazioni personali riferibili al lavoratore che non costituiscono però una forma di inadempimento imputabile a quest’ultimo (ad esempio una sopravvenuta inidoneità fisica del dipendente a svolgere le sue mansioni).

L’obbligo di repêchage è intimamente correlato all’art. 5 della Legge n. 604/1966 in base al quale «l’onere della prova della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo di licenziamento spetta al datore di lavoro».

Infatti, nel caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, il datore di lavoro deve

Diritto del Lavoro, a cura dell’Avv. Gianluca Teat

dimostrare la sussistenza delle ragioni di carattere produttivo-organizzativo indicate nell’atto di recesso e il loro legame causale con la posizione del dipendente licenziato.

La giurisprudenza, al fine di tutelare maggiormente i lavoratori, ha elaborato la nozione di repêchage, ovverosia il datore di lavoro deve anche dimostrare di non essere in grado di impiegare il dipendente adibendolo ad altre mansioni (equivalenti) all’interno della propria struttura. Pertanto, il controllo del giudice si estenderà a tale aspetto, fermo restando che le scelte datoriali con riferimento all’organizzazione aziendale sono insindacabili in sede giurisdizionale.

Proviamo a chiarire questo complesso principio di diritto con un esempio.

Ipotizziamo che esista un’impresa di trasporto urbano presso la quale lavorano 1000 autisti, 40 controllori, 25 meccanici e 100 impiegati. Un’autista, a causa di una notevole riduzione della vista, a un certo punto non è più in grado di condurre mezzi di grandi dimensioni. Per poter procedere a un licenziamento per giustificato motivo oggettivo, il datore di lavoro deve dimostrare di non essere in grado di «reimpiegare» l’autista (obbligo di repêchage-ripescaggio) all’interno della sua attività, assegnandoli altre mansioni equivalenti come, ad esempio, quelle di controllore (a breve vedremo anche i limiti entro cui è possibile demansionare il dipendente in casi di questo tipo). Tale impossibilità deve essere motivata da ragioni collegate alla struttura tecnico/organizzativa dell’azienda e/o allo stato di salute/curriculum professionale del dipendente. In un’impresa di simili dimensioni con centinaia di dipendenti e in presenza di un patologia della vista non grave, appare molto elevata la possibilità di ricollocazione dell’autista (ad esempio come controllore). Al contrario, in una piccola impresa con pochi dipendenti, tale possibilità appare più remota. Il datore di lavoro non è tenuto però a modificare la propria struttura organizzativa al fine di «far posto» al nostro autista, creando, ad esempio, una nuova posizione lavorativa ad hoc per tale soggetto.

Ad analoghe considerazioni si giunge con riferimento al licenziamento per giustificato motivo oggettivo conseguente a una ristrutturazione aziendale/calo di commesse.

In tal modo, la giurisprudenza cerca di coniugare valori come l’obbligo di solidarietà sociale (art. 2 Cost.), il diritto al lavoro (art. 4 Cost.), la sicurezza, libertà, dignità umana (art. 41, comma 2, Cost.) («incarnati» nel singolo caso concreto nell’obbligo di repêchage) con la libertà di iniziativa economica privata (art. 41, comma 1, Cost.) («rappresentata» dall’insindacabilità da parte del giudice relativamente alle scelte tecnico-organizzative del datore il quale non può essere tenuto a modificare la propria struttura aziendale per ragioni di solidarietà sociale).

Prima della storica sentenza della Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite 7 agosto 1998, n. 7755, era opinione diffusa che l’obbligo di repêchage fosse limitato tendenzialmente alle sole ipotesi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo dipendenti da scelte strategiche aziendali, mentre era più dubbia la sua applicazione in caso di ragioni connesse alla sfera personale del lavoratore (ad esempio per sopravvenuta parziale inidoneità psicofisica dello stesso). Si rinvia a Cass. 6 novembre 1996, n. 9684 per questo vecchio orientamento.

La sentenza della Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite 7 agosto 1998, n. 7755, ha chiarito che tale obbligo di ripescaggio si applica anche nel caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo dipendente da fatti inerenti alla persona del lavoratore come la sua sopravvenuta parziale inidoneità psicofisica. Tale orientamento è stato successivamente confermato in numerose occasioni (si veda sul punto Cass. 13 agosto 2008, n. 21579, che tocca anche l’annosa questione del demansionamento in caso di repêchage per il quale occorre comunque il consenso del lavoratore).

Tale ultimo punto merita, infatti, una specifica analisi. La giurisprudenza ormai da anni ammette pacificamente la validità del cosiddetto «patto di demansionamento» tra datore e lavoratore al fine di evitare il licenziamento per giustificato motivo oggettivo (Cass. 7 febbraio 2005, n. 2375). Pertanto, è possibile demansionare un dipendente (con il suo consenso) qualora ciò sia necessario a evitare il licenziamento. Tale percorso argomentativo fa parte di quell’ampio orientamento dottrinale e giurisprudenziale che individua nel licenziamento la soluzione a cui si ricorre solamente come extrema ratio. Tale filone interpretativo oggi è rafforzato dal testo del nuovo art. 2103 c.c. (come modificato dal Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 81) che ammette il demansionamento entro certi limiti.

Avv. Gianluca Teat

gianluca teat avvocato lavoro

Autore del Breve manuale operativo in materia di licenziamenti, 2016, Key Editore; Coautore di Corte Costituzionale, Retribuzioni e Pensioni nella Crisi. La sentenza 30 aprile 2015, n. 70, 2015, Key Editore

Potete contattarmi via e-mail all’indirizzo [email protected] oppure attraverso il mio profilo Facebook Avv. Gianluca Teat o visitare il mio sito internet http://licenziamentodimissioni.it/index.html

23/10/2016

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Avv. Gianluca Teat
Avvocato, esperto in diritto del lavoro, autore di libri. Laureato in Giurisprudenza con 110 e lode e in International Relations presso l’Università del Sussex (Regno Unito). Pubblica articoli su 'La Voce di Venezia' e cura il sito http://licenziamentodimissioni.it, è esperto autorevole su tutte le tematiche del Diritto del Lavoro.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Sciopero Actv di 24 ore lunedì 13 dicembre. I servizi garantiti

AVM/Actv informa che l’organizzazione sindacale CUB Trasporti ha confermato la proclamazione di sciopero di 24 ore per lunedì 13 dicembre. Lo sciopero potrebbe interessare il personale Actv e AVM dei servizi navigazione, automobilistici, tranviari, People Mover, degli uffici AVM (sosta e ztl...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...