4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

HomepensioniPensioni: cosa vuol dire Quota 102
la notizia dopo la pubblicità
continua a leggere dopo la pubblicità

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102.
Ma che cos’è “Quota 102” che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni?
Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall’anno prossimo sarà valida per due anni (non è chiaro se ci potranno essere proroghe).
Prevede la pensione con un’età minima di 64 anni e almeno 38 anni di contributi.
Circa 50mila i lavoratori che potrebbero esserne interessati nel complesso.
Si tratta della platea di coloro che avrebbero i requisiti, ma naturalmente saranno poi i singoli lavoratori che dovranno individualmente decidere se andare in pensione o meno prima dell’età di vecchiaia e quindi il numero effettivo degli utilizzatori potrebbe essere più basso.

Dopo due anni, però, la quota tra età e contributi per andare in pensione potrebbe anche salire, secondo le ipotesi sul tavolo del Governo, a 104.
Quota 102 potrebbe avere un impatto limitato rispetto a quello avuto da Quota 100 (oltre 340 mila persone in pensione fino allo scorso agosto con una spesa di 18,8 miliardi), perché di fatto continua ad escludere chi era rimasto escluso da Quota 100 per età e include solo coloro che non hanno potuto approfittare della misura simbolo del Governo gialloverde perché non avevano contributi sufficienti.

A maggior ragione risulta restrittiva Quota 104 anche se dipenderà se sarà libera o con una base minima di età e contributi.
In pratica nel 2022 con Quota 102 potranno andare in pensione le persone nate nel 1958, ovvero quelle che in presenza di 38 anni di contributi, potevano andare anche quest’anno, e nel 2023 quelle nate nel 1959 che potevano andare anche quest’anno sempre in presenza dei contributi sufficienti.

Non potranno andare invece in pensione quelle nate nel 1960, anche se dovessero avere 41 anni di contributi, le stesse che non potevano andare quest’anno perché non avevano ancora 62 anni.

continua a leggere dopo la pubblicità

Potranno invece usare la nuova misura per andare in pensione l’anno prossimo coloro che sono nati prima del 1959 ma che quest’anno avevano meno di 38 anni di contributi, ovvero quelli che hanno cominciato a lavorare non prima dei 25 anni (con una carriera continua).
Si tratterebbe di meno di 50mila persone in due anni.

Secondo dati diffusi nei giorni scorsi in una audizione dal presidente dell’Inps Pasquale Tridico l’uscita a 64 anni con 36 di contributi nel 2022 dovrebbe costare 1.189 milioni e nel 2023 2.213 ma poiché la richiesta minima di contributi sarà di 38 anni la spesa dovrebbe essere minore.

Gli altri interventi in materia pensionistica dovrebbero essere l’allargamento dell’Ape sociale con la proroga della misura fino al 2026 che dovrebbe costare solo 126,7 milioni nel 2022, 337,1 nel 2023 e 520,7 nel 2024 con un totale inferiore a un miliardo per tre anni e il recupero dell’inflazione da parte degli assegni in essere.

Resta invece sullo sfondo l’ipotesi sostenuta da Tridico sulla possibilità di uscita a 63/64 anni solo con la quota contributiva che si è maturata per poi prendere la pensione piena compresa la quota retributiva solo al raggiungimento dell’età per la vecchiaia ora fissata a 67 anni.
Il costo per questo provvedimento si aggirerebbe attorno a 453 milioni il primo anno e 935 milioni il secondo per circa 116 mila potenziali interessati.

Aggiornamento delle ore 21 di ieri sera (martedì).
L’esecutivo a fine giornata ha rilasciato la seguente nota:
“Vengono previsti interventi in materia pensionistica, per assicurare un graduale ed equilibrato passaggio verso il regime ordinario”.
E’ quanto si legge nel comunicato stampa del Consiglio dei ministri sul Documento programmatico di bilancio che disegna la cornice della prossima manovra.

» leggi anche: “Pensioni, taglio dei coefficienti: chi va nel 2021 ha pensione più bassa di chi è andato nel 2020

» leggi anche: “Ape per la pensione anticipata, tutte le regole

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. È assurdo che con 61 anni di età e 42 anni di lavoro non si può andare in pensione. Abbiamo DIritto alla pensione! Dopo 42 anni di lavoro, se non possiamo andare in pensione, dovrebbero restituirci quelli che abbiamo versato! Ci pensiamo noi a pagarci la nostra pensione!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...