25.2 C
Venezia
venerdì 25 Giugno 2021

Venezia ‘taconada’, questa sarebbe la città patrimonio dell’Umanità?

HomeLettereVenezia 'taconada', questa sarebbe la città patrimonio dell'Umanità?

Venezia 'taconada', questa sarebbe la città patrimonio dell'Umanità?

In allegato le foto che ho scattato in pieno centro storico oggi, zona battuta anche da turismo.
Come potete vedere i “taconi” di legno si sono sostituiti ai masegni.

Era la fine del 2015 quando il sindaco di questa città ha riunito tutti i precari ora disoccupati, per annunciarci che ci era stato prorogato il contratto di lavoro, annunciò che aveva bisogno di stradini e che avrebbe fatto un concorso per questa qualifica, aggiungendo che non era il caso di aprire una gara d’appalto per sistemare il suolo della città.

Siamo ad oggi e di questo concorso sembra si siano dimenticati tutti, anche i “taconi” però costano.

Se mi sono decisa di inviare queste foto è perchè i “taconi” sono in tutta la città, il suolo è una gruviera.

Non solo il suolo, pure i gradini dei ponti e così non si garantisce come si dovrebbe la pubblica incolumità.

Dai canali che sono fogne, alle bricole, all’interramento della laguna…………… almeno salviamo le apparenze e mettiamo i masegni dove vanno.

Questa sarebbe la città protetta dall’Unesco e patrimonio dell’Umanità?

Cordiali saluti.

Patrizia Pensa

► Redentore 2017 segna il punto della città che sta finendo
► Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Condividi la notizia, potrebbe interessare:

Data prima pubblicazione della notizia:

2 persone hanno commentato

  1. la novità è che ieri (martedì 18) ne ho trovato uno dei tanti taconi di legno che non era fissato, sarà definitivo finchè qualcuno non avrà la sfortuna di farsi del male. Ponte de la Panada e ponte dei Mendicanti alle F.mta Nuove vicinanze Ospedale Civile, sono uno schifo, anche erba alta tra i gradini.

  2. Oltre ai “taconi” di legno, si usano anche “taconi” in cemento, colato a riempimento del buco. Dov’è la novità? La NOVITÀ è che sulla colata si usa (da un annetto in qua) incidere la dicitura “PROV.” che – immagino – sta per PROVVISORIO. Encomiabile l’iniziativa! Finalmente un po’ di “trasparenza” o almeno lodevole la dichiarazione di intenti! Solo che alla dichiarazione “PROV” si dovrebbe aggiungere anche la DATA del bel lavoro.
    Se calcate il Ponte del Lustraferi (Fondamenta Misericordia) potete prendere visione di un PROVVISORIO ormai DEFINITIVO, come sopra illustrato.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor