spot_img
15.3 C
Venezia
venerdì 22 Ottobre 2021

Tampone positivo in farmacia: “Ha frequentato qualcuno?”, “Ero al corteo no Green Pass senza mascherine”

HomeIl casoTampone positivo in farmacia: "Ha frequentato qualcuno?", "Ero al corteo no Green Pass senza mascherine"

L’accertamento di positività al Covid l’ha ricevuta dal farmacista, che l’ha sottoposta al tampone, dopo che la donna si era rivolta al medico per chiedergli un rimedio ai sintomi di un persistente raffreddore.
Al farmacista, che si è interessato alle sue condizioni di salute e che le ha chiesto se si fosse trovata in situazioni di assembramento, o avesse frequentato persone contagiate, non ha potuto evitare di ammettere di aver partecipato recentemente al corteo ‘No green pass’ di Padova che ha radunato il popolo dei convinti a non sottoporsi al vaccino e all’arbitrarietà del certificato verde.

E per meglio dimostrare le loro convinzioni i partecipanti alla manifestazione per l’occasione non hanno usato mascherine, non hanno rispettato i distanziamenti, in nome della loro interpretazione del diritto alla ‘libertà’.
E purtroppo la signora che si è presentata preoccupata in farmacia, da quel corteo ne è uscita contagiata, visto che per sua ammissione, altri posti affollati, non li aveva frequentati.
E così, Il dottor Andrea Collesei, presidente dei Farmacisti non titolari di Padova, che come i suoi colleghi nel corso del suo lavoro ha cercato di convincere i clienti a vaccinarsi, e che da mesi aveva registrato solo tamponi negativi, si è imbattuto in una circostanza di particolare disagio, anche perché la signora è uscita dalla farmacia senza proferire parola.

Il medico, che avrebbe voluto raccomandarle di tutelarsi, stare in casa, seguire con il suo medico di base il corso della pandemia, anche per evitare di contagiare altre persone, ha comunicato la diagnosi alla Regione per la tracciabilità, sperando che la signora si convinca per la sua e altrui sicurezza, a vaccinarsi.
I farmacisti svolgono un ruolo di prevenzione molto importante, faticoso, dietro le quinte, pur in trincea, talvolta in solitudine nell’affrontare le tante persone che si rivolgono loro per i farmaci ordinari, per ricevere consigli.
Le code si allungano mentre il telefono suona ininterrottamente e quelli che praticano anche il tampone devono trovare i tempi e per indossare la tuta di protezione, la visiera, i guanti e ovviamente la mascherina FFP2.

>> vedi anche: Vuoi il Green Pass? 4 euro. Bufera sulla farmacista di Padova

La mia farmacia, ricorda il dottor Andrea Collesei, “di tamponi ne fa come minimo trenta il giorno e in totale le farmacie padovane quotidianamente ne praticano migliaia, ma dal 15 ottobre la situazione sarà ancora più pesante. Noi cerchiamo continuamente di fare opera di convincimento per indurre gli indecisi a vaccinarsi, ma non sempre ci riusciamo».
Già oggi Padova sarà teatro, ancora una volta, del Movimento Veneto No green pass: l’appuntamento è alle 17.00 alla Stazione dei treni, dove i manifestanti, forse migliaia, arriveranno anche da altre città.

sponsor

 

Il copione si suppone sia lo stesso che pare gratifichi i partecipanti al corteo e che la città non sembra gradire, una volta conosciuti gli eccessi, quali gli ignobili accostamenti tra vaccinazione di massa e le persecuzioni naziste verso il popolo ebraico.
[Andreina Corso – 02/10/2021]
       

Dello stesso argomento:
Manifestazione no vax: migliaia di persone bloccano Padova
manifestazione no vax
Manifestazione e corteo no-vax a Padova, almeno 4.000 persone in strada paralizzano il traffico.
E sono stati notevoli i disagi creati al traffico, con alcune strade del centro semi-paralizzate.
Tutto causato dalla discesa in piazza ieri sera di un corteo di circa 4.000 no-vax che ha sfilato a Padova.
Si tratta dell’ennesima manifestazione del popolo contrario alle misure sanitarie anti-Covid che questa volta si è fatto notare di più.

Coronavirus, rientri dall'estero in Veneto: come fare da oggi
Il test del tampone

Viene riportato che sono giunte lamentele di commercianti, per il disagio che queste iniziative provocano nel giorno, il sabato, maggiormente dedicato agli acquisti.
Lunghe file di auto si sono formate in particolare in viale Codalunga, a ridosso del centro storico.
Dal corteo sono partiti i consueti slogan contro il green pass e le misure decise dal Governo.
Di nuovo si sono uditi gli spiacevoli accostamenti tra la vaccinazione di massa e le persecuzioni naziste verso il popolo ebraico.
[Redazione – 26/09/2021]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Penso che tutti i no Vacino siano malati di mente, non hanno ancora capito che questo Vacino è la nostra salvezza? Petra

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements