lunedì 17 Gennaio 2022
2.6 C
Venezia

Vuoi il Green Pass? 4 euro. Bufera sulla farmacista di Padova

Homegreen passVuoi il Green Pass? 4 euro. Bufera sulla farmacista di Padova

“Green Pass? Certo, glielo possiamo stampare: sono 4 euro”.
Con tanto di scontrino, per carità.
Ma, alla fine, è proprio quello scontrino che finisce sui social ed è bufera per un servizio che dovrebbe essere gratuito.
La farmacista, di Montegrotto Terme (Padova), ha fatto pagare quattro euro la stampa del green pass ad un cliente.
Il proprietario della carta verde covid free ha poi postato lo scontrino sui social scandalizzandosi perché le informazioni generali dicevano che le farmacie avrebbero dovuto stamparlo gratuitamente.
Ed è vero.

La farmacista si è scusata in seguito al clamore nato per la vicenda.
Ha anche detto di essere esasperata per il continuo via vai di persone.
Inoltre la farmacia, negli ultimi tempi, proprio a causa delle nuove direttive sul green pass, si sarebbe trasformata in una copisteria da talmente tante stampe che vengono fatte.

Sui fatti è intervenuto anche l’ordine professionale dei Farmacisti che ha bacchettato la professionista per il comportamento “anomalo”.
Tuttavia, a ben vedere, resta il problema della gratuità della stampa, un costo vivo che ad oggi è unicamente sulle spalle dei farmacisti.
Nelle intenzioni del governo, che ha stabilito la norma, evidentemente, quei costi possono essere ben assorbiti con i guadagni delle farmacie.
C’è da dire però che nessuno paga volentieri un “nuovo balzello” a fondo perduto.

La farmacista di Montegrotto Terme non è comunque l’unico caso di “green pass a pagamento”.
Casi simili si sarebbero verificati anche ad Asiago, Firenze, Napoli e Roma, con tariffe che vanno dall’euro e mezzo ai quattro euro.
Non c’è, ovviamente, un listino per questo “abuso”.

Vedi anche:

Venezia, lo scavo rivela una realtà inaspettata: un ponte interrato e reperti

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Trovo più vergognoso chiedere 30€ di una chiamata notturna, in una farmacia di turno con medico presente in sede,per un medicinale ordinato in un pronto soccorso!
    E senza scontrino!!!!!!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

No Vax passano alle minacce: lettera con proiettile a dottoressa di Padova

No Vax passano alle minacce: l'immunologa Viola a Padova finisce sotto scorta a causa di una lettera con proiettile. C'è grande riserbo dagli inquirenti ma si è saputo che la lettera di minacce No vax conteneva un proiettile ed è stata...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.