spot_img
spot_img
spot_img
9.5 C
Venezia
mercoledì 20 Ottobre 2021

Su chi graverà il costo dei tamponi dei dipendenti che devono ottenere il Green Pass per poter effettuare la loro prestazione lavorativa?

HomeDiritto Del Lavoro. A Cura dell' Avvocato Gianluca TeatSu chi graverà il costo dei tamponi dei dipendenti che devono ottenere il Green Pass per poter effettuare la loro prestazione lavorativa?

Una delle questioni più spinose al momento è la seguente: il costo dei tamponi dei lavoratori non vaccinati graverà sul datore di lavoro o sui dipendenti stessi?

Il Legislatore, non ha, ad oggi, fornito una riposta.

Di conseguenza, è ragionevole argomentare che la sede “naturale” ove verrà risolto tale problema è quello della contrattazione collettiva, in particolar modo quella di livello aziendale.
Datori di lavoro e rappresentanti dei lavoratori potranno, in virtù della loro autonomia negoziale, decidere come ripartire quest’onere.
Vi potranno essere delle aziende che, per venire incontro alle esigenze dei propri dipendenti, accetteranno di farsi carico di questa spesa.
Non è escluso che alcune imprese stipulino delle convenzioni con delle farmacie e che, di conseguenza, vengano costituiti dei “centri tamponi” all’interno della stessa struttura aziendale al fine di rendere più agevole e semplice l’ottenimento del Green Pass.
Altre aziende potrebbero accordarsi per dividere il costo (ad esempio 50% dipendente e 50% datore). Altre imprese saranno, invece, meno disposte a trattare e riterranno che l’onere economico gravi sul singolo lavoratore.

sponsor

 

Quanto indicato al precedente paragrafo si applica, ovviamente, alle aziende medio-grandi.
Molto diversa è la situazione in una piccola realtà ove, ad esempio, vi sono 5 dipendenti di cui solo uno deve effettuare il tampone ogni 48 ore.
In questo caso non esisterà un livello di contrattazione collettiva aziendale, ma la questione verrà rimessa al rapporto tra singolo datore di lavoro e singolo lavoratore.

Cosa accade in tutti quei casi in cui non esiste un accordo (collettivo o individuale) tra datori di lavoro e lavoratori su come ripartire l’onere economico dei tamponi?

Sul punto è possibile argomentare che ai sensi dell’art. 2087 c.c. e dell’art. 15 del Decreto Legislativo 81/2008 il costo del tampone, in quanto attinente alla materia sicurezza/igiene sul lavoro, è un onere economico che grava sul datore di lavoro. In particolare, l’art. 15, comma 2, Decreto Legislativo 81/2008, stabilisce testualmente “Le misure relative alla sicurezza, all’igiene ed alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori.”

Tuttavia, altri colleghi hanno espresso opinioni differenti, argomentando che il costo dei tamponi grava sul lavoratore siccome non è stato espressamente stabilito dal Legislatore che tale spesa sia a carico del datore.

La questione pertanto rimane aperta. E’ auspicabile che il Legislatore si esprima sul punto il prima possibile.

avvocato Gianluca Teat casella insert autore ns box

Cosa può fare un lavoratore che vuole ottenere il rimborso dei tamponi dal proprio datore di lavoro?

Preliminarmente deve inviare una richiesta/diffida. In caso di risposta negativa o di mancata risposta, deve ricorrere al Giudice del Lavoro, chiedendo il rimborso della spesa sostenuta per effettuare i tamponi. Sarà poi il singolo Magistrato a decidere in assenza di una disposizione normativa specifica che stabilisca come ripartire il relativo onere economico. Non è escluso che vi siano Giudici del Lavoro che forniscono interpretazioni divergenti in tale delicata materia.

Avv. Gianluca Teat

Autore del Breve manuale operativo in materia di licenziamenti, 2018 (Seconda Edizione), Key Editore
Coautore di Corte Costituzionale, Retribuzioni e Pensioni nella Crisi. La sentenza 30 aprile 2015, n. 70, 2015, Key Editore

Potete contattarmi via e-mail all’indirizzo [email protected] oppure attraverso il mio profilo Facebook Avv. Gianluca Teat o visitare il mio sito internet
http://licenziamentodimissioni.it/index.html

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Avv. Gianluca Teat
Avvocato, esperto in diritto del lavoro, autore di libri. Laureato in Giurisprudenza con 110 e lode e in International Relations presso l’Università del Sussex (Regno Unito). Pubblica articoli su 'La Voce di Venezia' e cura il sito http://licenziamentodimissioni.it, è esperto autorevole su tutte le tematiche del Diritto del Lavoro.

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements