COMMENTA QUESTO FATTO
 

(lettere) Come diventare razzisti: scusi, si può spostare? Ma vaf... italiano di m...

A Sua Eccellenza il Prefetto di Venezia

In relazione alla vicenda riguardante una spiaggia definita “fascista” sita nel comune di Sottomarina-Chioggia, che ha avuto grande eco sulla stampa locale e nazionale,
caso sollevato e trasmesso a S.E. tramite segnalazioni della Sinistra Italiana, Anpi, PD, Centri sociali,
ammirando la determinazione e il tempestivo Suo intervento atto certificare e a verificare i permessi, denunciare il gestore, inviare la Digos,

AUSPICO

che Sua Eccellenza voglia parimenti disporsi a far rispettare le leggi nazionali sul territorio di Sua competenza ed in particolare:
– vietando ed arrestando i clandestini e venditori abusivi circolanti sul territorio che causano gravi problemi alla sicurezza dei cittadini;
– imponendo la chiusura dei Centri Sociali di Venezia, covo di illegalità, dove vengono evase regole normative e costituzionali.

Il Prefetto, massima autorità dello Stato sia solerte e vigile nel contrastare ogni situazione di illegalità, specialmente dove essa si sviluppa e radica
e viene già segnalata da anni senza intervento alcuno.

Si veda ad esempio la situazione di gravissimo disordine pubblico e riguardante situazioni incresciose
di criminalità, abusivismo che si perpetra da anni in piazza San Marco a Venezia. Lo Stato, Prefetto, Questore non hanno capacità di mantenere l’ordine e il rispetto delle leggi in una piazza di 200 metri? Situazione deplorevole e vergognosa che viene da anni costantemente segnalata anche dalla stampa con articoli e servizi giornalistici.

CHIEDO

pertanto alla S.V.I. il Prefetto di intervenire immediatamente e con la stessa urgenza adottata per lo stabilimento balneare di Chioggia-Sottomarina
a provvedere alla chiusura dei centri sociali di Venezia, Mestre, Marghera e risolvere ogni situazione di disagio, degrado, criminalità,
riferito agli immigrati irregolari, venditori abusivi, così come già richiesto dallo scrivente con audizione e financo nota formale il 26 gennaio 2016, richiesta disattesa nonostante anche gravi azioni perpetrate contro la stessa mia persona e riportate dalla stampa anche nazionale.

Essendo S.E. il garante dell’ordine pubblico e massima autorità dello Stato sul territorio,
riterrò pertanto Sua Eccellenza responsabile di qualsivoglia azione illegale perpetrata contro lo scrivente dai soggetti sopra indicati e dai centri sociali,
e già occorsi ed oggetto di segnalazioni sempre inevase.

Distinti saluti.

Alessandro prof. dott. Tamborini
Plenipotenziario per il patrimonio storico-artistico
Cattedratico di Scienze Religiose, Teologia, Storia e Simbolismo dell’Arte Antica e Medievale

► Abusivi alla Stazione di Venezia, piaga in aumento
► Brugnaro, prime parole da sindaco: “Lavoreremo per la città e stop ai centri sociali”

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here