Spiagge del Lido e Pellestrina censurate dalla promozione della Regione Veneto [video]

ultimo aggiornamento: 06/07/2020 ore 13:54

1250

Spiagge del Lido e Pellestrina censurate dalla promozione della Regione Veneto


Riceviamo e pubblichiamo.

Spiagge del Veneto: perché il litorale del Lido e Pellestrina è stato censurato dalla nuova campagna promo?


“Spiagge Venete The Land of Venice e Venezia non c’è. Si sfrutta il nome della nostra città senza alcun ritorno, inducendo danno d’immagine ed economico – spiega Vittorio Baroni, Presidente di Lido Oro Benon comitato per il marketing territoriale – si promuovono le spiagge del Veneto con il logo della Regione e il marchio Venice Sands, ma del Lido e Pellestrina non c’è alcuna traccia”.

SPOT PROMO E CENSURA
Tra i “mari della tranquillità”, come recita il titolo del video promo (visualizzabile qui sotto, ndr) è stato completamente censurato il Lido con i Murazzi e gli Alberoni, nonché tutta l’Isola di Pellestrina che comprende San Pietro in Volta e Portosecco. Idem nel secondo slogan del videoclip “Le spiagge del divertimento”, che non necessariamente equivale a dire movida, poiché al Lido ci sono tante proposte per famiglie, giovani e adulti per un sano divertimento in battigia o nelle dighe, in bici e monopattini, con i propri cani o in sella ai cavalli, in barca o a pescare anche negli ittiturismo. Innumerevoli proposte per fare sport sono state ignorate come giocare a golf o a tennis in campi storici e tra i più belli del mondo, a provare emozioni uniche in elicottero o in aereo, a nuotare in piscina o a pattinare, a vogare o fare canoa, nonché gustare cose buone a km zero nei tanti ristoranti, osterie, chioschi pizzerie, gelaterie di prima qualità.

DOPPIO DANNO
Tutto il bello e buono delle spiagge del Lido e Pellestrina non compare nella promozione che sembra essere stata pagata con soldi pubblici. Ciò porta un doppio danno. Da una parte un danno di immagine, come a dire non esistete, il Lido e Pellestrina non fanno parte delle spiagge venete. Dall’altra un danno economico di mancata promozione che si ribalta negativamente su tutte le attività commerciali legate all’ospitalità. Si tratta di un danno che va ad aggiungersi a quello del Coronavirus e all’ultima Acqua Alta che ha colpito duramente il Lido e Pellestrina. Al posto di aiutare ed essere solidali con le isole del turismo c’è come l’impressione di volerle affossare ancora di più.


LE RICHIESTE URGENTI
“Lido Oro Benon – evidenzia Baroni – chiede in primo luogo alla Regione del Veneto e a Venice Sands di intervenire con urgenza per l’immediata sospensione della campagna di promozione. Poi serve rimediare rapidamente ai danni di immagine e di mancata promozione. Su questo punto – informa Baroni – abbiamo la conferma che il Consigliere Comunale, Delegato alle isole Alessandro Scarpa Marta, si attiverà direttamente con il Sindaco e le Istituzioni per trovare una soluzione”.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

  1. Usano il nome di Venezia solo per sfruttarlo ! Zaia in giro per Venezia non ci deve essere mai andato, figurati al Lido ! Come il bonus vacanze, non può essere usato per pagare le capanne , perchè ? sarebbe stato una boccata di ossigeno per tanti veneziani per i quali l’unica vacanza è andare al Lido dalla mattina alla sera.

Please enter your comment!
Please enter your name here