mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Santa Maria di Sala, sindaco chiede ai migranti piccoli lavoretti, rispondono di no

HomeExtracomunitariSanta Maria di Sala, sindaco chiede ai migranti piccoli lavoretti, rispondono di no

Rodighiero: «Non è vero, fa propaganda elettorale». La risposta: «Non vogliono lavorare chiedono solo l’iPhone»

Migranti, hotel requisito a Ficarolo. Malore del proprietario

L’accoglienza dei migranti continua a fare discutere. Il caso di oggi è raccontato puntualmente da un articolo de La Nuova Venezia in edicola dove il giornalista ha raccolto lo “sfogo” del sindaco di Santa Maria di Sala. Il primo cittadino riferisce di aver fatto visita ad un gruppo di profughi ospitati chiedendo che si rendessero disponibili per piccoli lavori di pubblica utilità “in cambio” dell’ospitalità, ricevendo rifiuti in cambio. E’ pur vero che altri profughi, in altre situazioni, non si sono visti rivolgere medesima richiesta, e tra loro parlano, sono in contatto, e si scambiano esperienze. Così, è capitato pure di sentir dire che non è giusto discriminare questi ospiti – chiedendo loro di lavorare – rispetto agli altri a cui “non è stato chiesto…” .

Santa Maria di Sala. Il sindaco propone ai profughi attività socialmente utili: «Mi hanno risposto no».

SANTA MARIA DI SALA. Scoppia il caso profughi a Santa Maria di Sala. Nicola Fragomeni non ci sta e va a trovare i migranti appena arrivati chiedendo di mettersi a disposizione per lavori di pubblica utilità.
Uscito dalla casa alloggio però il sindaco sbotta: «Non ne vogliono sapere, chiedono solo il telefonino».
La replica del centrosinistra non si fa attendere: «Solo propaganda».

Il primo cittadino ha sollevato la questione nei giorni scorsi: «Se l’integrazione passa attraverso il lavoro e questo non c’è o se c’è i profughi non lo vogliono fare, qualcuno mi spiega come facciamo a integrarli?».
Il sindaco, da sempre contrario al “parcheggio” dei profughi nel Salese, ma possibilista in un loro impiego, seppur a numeri ridotti, in lavori di pubblica utilità, era appena andato in sopralluogo nella casa di Tre Ponti dove sono alloggiati 25 africani.

In totale oggi a Santa Maria di Sala sono 32, con gli altri sette sono ospiti nelle case popolari a Caltana. «Ma almeno questi ultimi sono integrati», dice Fragomeni, «quelli a Tre Ponti non intendono lavorare e a me così non sta più bene. Ce ne fosse stato uno che mi abbia detto: sì ok voglio lavorare, mettendosi a disposizione. Uno mi ha chiesto le scarpe da ginnastica, un altro l’Iphone, un altro ancora il telefonino e uno l’Ipod. Continuo a ribadire che questo non è un problema di accoglienza, ma di integrazione. L’accoglienza non si nega, è l’integrazione che non possiamo garantire. E se l’integrazione passa attraverso il lavoro e questi non vogliono lavorare, come facciamo a integrarli?».

Fragomeni afferma di avere le mani legate: «Mi trovo in difficoltà perché anche per dei semplici lavoretti socialmente utili ho in coda famiglie italiane fuori dalla mia porta ogni giovedì. Prima devo cercare lavoro per loro, residenti del mio Comune che non arrivano a fine mese e hanno i bambini da mandare all’asilo e dopo che mi prodigo per i profughi. Salvo scoprire che è tutto inutile. Allora dico: prima i nostri e poi gli altri e non mi si venga a parlare di accoglienza».

Dalle opposizioni, ci pensa Giuseppe Rodighiero, Civica Insieme, a commentare lo sfogo del sindaco: «Ho fatto visita anch’io ai richiedenti asilo alloggiati a Tre Ponti e nella chiacchierata che ho avuto con loro non ho avuto la sua stessa impressione. Ho… (l’articolo completo su La Nuova Venezia).

(foto di repertorio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. L’unico errore di Fragomeni è quello di aver ” chiesto”. Doveva imporsi….o lavorate o fuori!
    Non se ne può più!

  2. Bravo sono pienamente d’accordo con il Sindaco io sono senza lavoro e mi do da fare ,mi adatto a tutto e loro che vadano a casa sua ,e se no a casa di Rodighiero.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".