Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
17C
Venezia
venerdì 26 Febbraio 2021
HomeDiritto Del Lavoro. A Cura dell' Avv. Gianluca TeatRisoluzione consensuale del rapporto di lavoro e indennità mensile di disoccupazione NASpI: attenzione ai possibili errori!

Risoluzione consensuale del rapporto di lavoro e indennità mensile di disoccupazione NASpI: attenzione ai possibili errori!

Risoluzione consensuale del rapporto di lavoro e indennità mensile di disoccupazione NASpI: attenzione ai possibili errori!

Appare opportuno chiarire una tematica di grande interesse generale che riguarda quei dipendenti e quei datori di lavoro interessati ad addivenire a una risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Infatti, molti lavoratori danno per scontato che, dopo la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, avranno diritto alla indennità mensile di disoccupazione NASpI.

Tuttavia, tale questione non è così semplice. Infatti, l’articolo 3, comma 2, del Decreto Legislativo n. 22/2015 stabilisce che la NASpI è riconosciuta, oltre che nei casi di licenziamento, anche ai lavoratori che hanno rassegnato le dimissioni per giusta causa e nelle ipotesi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenute nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della Legge n. 604/1966.

Ma quali sono i casi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro intervenuti nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della Legge n. 604/1966 in cui il nostro Legislatore riconosce sicuramente l’indennità di disoccupazione?

Tale ultimo articolo si riferisce ai casi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo (in cui rientrano il licenziamento per calo di commesse, ristrutturazione aziendale, sopravvenuta inidoneità psicofisica) intimato all’interno di aziende con più di quindici dipendenti. In tali casi, la Legge prevede una procedura speciale che culmina in un tentativo obbligatorio di conciliazione presso la Direzione Territoriale del Lavoro. Se viene raggiunto un accordo in questa ultima sede e lavoratore e datore di lavoro decidono di risolvere consensualmente il rapporto di lavoro, l’ex dipendente avrà diritto all’indennità mensile di disoccupazione NASpI.

Cosa accade in tutti gli altri casi?

Diritto del Lavoro, a cura dell’Avv. Gianluca Teat

Semplice: non è possibile chiedere tale indennità di disoccupazione nelle altre ipotesi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Siccome tale soluzione legislativa è apparsa ingiusta e irragionevole a molti soprattutto in quanto penalizza i dipendenti delle imprese medio-piccole, è stata proposta una richiesta di chiarimenti alla Direzione Generale Ammortizzatori Sociali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Con nota del 12 febbraio 2016, la Direzione Generale Ammortizzatori Sociali ha chiarito definitivamente che il soggetto disoccupato in seguito a risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con datore di lavoro avente meno di quindici dipendenti intervenuta nell’ambito del tentativo di conciliazione di cui all’articolo 410 c.p.c. (dunque fuori dalla procedura di cui all’art. 7 Legge n. 604/1966 riservata alla imprese più grandi) non ha diritto all’indennità di disoccupazione.

Dunque, riassumendo: sì alla NASpI in caso di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro all’interno della procedura di licenziamento per giustificato motivo oggettivo in imprese con più di quindici dipendenti, no alla NASpI in tutti gli altri casi di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Si tratta di una soluzione discutibile che penalizza soprattutto i dipendenti delle imprese medio-piccole. Sarebbe, pertanto, opportuno un nuovo intervento legislativo in tale delicata materia.

gianluca teat avvocato lavoro

Avv. Gianluca Teat

Potete contattarmi anche via e-mail avv.gianluca.teat@gmail.com o interagire con il mio profilo Facebook Avv. Gianluca Teat

16/04/2016

Riproduzione vietata

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E’ la seconda volta in 3 giorni

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E' la seconda volta in 3 giorni che intervengono i vigili del fuoco nel ristorante cinese "Il...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...
spot

Coronavirus Venezia, numeri tornano oltre 100 nuovi casi in 24 ore

Coronavirus a Venezia e provincia che si mantiene in una situazione stazionaria nonostante il leggero aumento dei 'nuovi casi' dopo la tendenza positiva degli...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.