2.7 C
Venezia
martedì 19 Gennaio 2021

Paghe da 3,50 euro l’ora: o firmi o sei licenziato. Azienda Zero, quei risparmi sulla vita dei lavoratori

Home Lettere Paghe da 3,50 euro l'ora: o firmi o sei licenziato. Azienda Zero, quei risparmi sulla vita dei lavoratori
sponsor

Riceviamo e pubblichiamo.

sponsor

Azienda Zero: sotto quei risparmi c’è la vita dei lavoratori.

commercial

Paghe da 4 Euro e 60 lordi all’ora (circa 3 euro e 50 netti all’ora), buste paga decurtate del 38 per cento considerando anche l’eliminazione della quattordicesima mensilità, e molto altro.

No, non siamo nei campi di pomodoro del meridione, ma in Veneto – nella locomotiva del Nord. Più precisamente tra i cittadini italiani che lavorano per la sanità: ufficio informazioni, portierato, multiservizi, controllo ascensori, rintracciamento tecnici reperibili per le celle mortuarie ecc.

Questa lettera è stata scritta per reazione ad un articolo in cui veniva celebrata la virtuosa gestione dell’Azienda Zero, un ente unico per gestire acquisti, formazione del personale, accreditamento delle strutture private e monitoraggio dei costi standard delle Ulss venete. Si scriveva di ottimi risultati, tra i quali “un risparmio di 135 milioni […] che derivano dalle minori spese per gli acquisti”.

Ma chi la dentro ci lavora ci terrebbe a far sapere che, parte di questi risparmi, sono stati possibili anche a spese dei lavoratori.

Come? Parlano i fatti: questi dipendenti dell’ospedale S. Bortolo prima avevano un contratto “multiservizi” stessa mansione e stessi livelli che riuscivano in qualche modo a garantire uno stipendio appena dignitoso.

Con l’effettuazione della nuova gara effettuata dalla Azienda Zero i contratti sono stati cambiati, è stato applicato il CCNL dei servizi fiduciari e questo di conseguenza ha penalizzato i lavoratori, queste nuove condizioni hanno decurtato lo stipendio del 38% considerando anche la sottrazione della quattordicesima mensilità, una paga uguale a chi fa turni notturni o festivi, decurtazione scatti di anzianità; straordinari pagati una miseria.

Chi non firmava veniva licenziato.

Queste ingiustizie si sommano ad altre, iniziate già prima dell’arrivo d’Azienda Zero, e che testimoniano il graduale decadimento del sistema ospedaliero (del quale stanno facendo i conti sia dipendenti che pazienti).

Ricordiamo anche, a questo proposito, che l’Ulss 8 – poco prima che terminasse l’appalto precedente ad Azienda Zero – ha soppresso un punto informazioni sito nell’area D: un punto focale di smistamento atto ad indirizzare il pubblico verso il pronto soccorso ginecologico, medicina nucleare, stereotassica (radioterapie per cura dei tumori), bunker, cyberknife. Ma soprattutto l’area D era il punto più comodo per i disabili, che potevano parcheggiare poco distante e lì ottenere le carrozzine. Un luogo di spreco? Forse, ma soppresso mettendo in ferie forzate 5 dipendenti addetti al sito – per un risparmio di 105.000 euro – e spostandoli in altri servizi.

Tornando ad Azienda Zero, speriamo di aver dimostrato con estrema onestà che qui non si tratta di questioni politiche, di idee, di opinioni, o di filosofia. Si tratta della vita di alcune persone – qualcosa di davvero concreto.

Come possiamo rimanere zitti se viene celebrato come virtuoso ed efficace un sistema che grava in questo modo sui suoi lavoratori, ovvero su delle persone?

Questi servizi, ricordiamolo, sono fondamentali: senza di essi l’ospedale rimarrebbe bloccato, e precipiterebbe nel caos più totale. Uno sciopero dove nessuno apre le porte o le sbarre per l’entrata di dipendenti e cittadini, senza controllo della sicurezza, e soprattutto senza informazione all’utenza, sarebbe un inferno per tutti.

L’Azienda Zero, a detta di chi l’ha voluta, doveva essere un sogno, una rivoluzione, un esempio per tutte quelle regioni “spendaccione”. Non possiamo lavorare in queste condizioni e sentire certe frasi o certi slogan (“spendere meno ma spendere meglio”; ma questo “meglio” significa anche trattare così dei lavoratori?). Non è possibile tacere: la sopportazione umana avrà pure un limite.

Chi sarebbe disposto a lavorare sotto queste condizioni? Con contratti ai limiti della soglia di povertà Istat? Cose del genere all’ospedale di Vicenza non sono mai successe.

È inutile scrivere che chi ha fatto queste scelte non lavorerebbe alle stesse condizioni, come è inutile dire che una paga del genere toglie qualsiasi dignità alla persona. E ciò perché, semplicemente, non permette di mangiare, pagare le bollette, la benzina ecc.

Ma è giusto scriverlo, perché, come già detto, qua non sono in gioco opinioni politiche ma la dignità delle persone, e su quelle non si dovrebbe mai tacere.

E di persone che in questo paese stanno perdendo la dignità per questioni simili, ce ne sono sempre di più. E cosa facciamo, le puniamo perché sono costrette a lavorare in nero? Perché sono portate allo stremo e rischiano di diventare ladri? Non è fantascienza questa: è la realtà dei fatti.

L’articolo 36 della nostra Costituzione, sempre che a qualcuno interessi ancora, recita: “Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”.

Non è forse questo il momento per liberarsi da dottrine politiche, dogmi ideologici, pregiudizi, e guardare negli occhi – insieme e come esseri umani – questa miseria?

EX PORTIERI / PORTIERI

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

Covid, ultime notizie e aggiornamentiVaccino obbligatorioConcorso Letterario

sponsor

6 persone hanno commentato

  1. Sto lavorando dal 28 ottobre 2020 lavoro a chiamata pagato a 3 euro l’ora.
    8 ore di lavoro guadagno 24 euro al giorno.
    Io sono di TORINO .E lavoro in Torino.
    Che schifo alzarsi alle 4,30 per andare a lavorare per 3 euro l’ora compreso le festività e senza nessun diritto .senza mutua senza ferie….
    A 55 anni ho accetti ho ti licenziano…

  2. In Germania abbiamo la paga oraria minima garantita e funziona bene. Viene aumentata ogni anno e nessuno si lamenta. Circa 10€ / ora.Il lavoro abusivo è molto perseguito, e purtroppo è diffuso nella edilizia e ristorazione ( soprattutto da concittadini italiani ).
    Per chi vuole lavorare, in Germania si sta benissimo e noi italiani siamo apprezzati ed integrati.
    Io credo che il trucco sia che in Germania ( quasi ) tutti pagano le tasse, la corruzione non esiste, il potere legislativo e quello esecutivo sono forti, e la libertà di TUTTI è rispettata: anche delle minoranze e delle opposizioni.
    Io sono emigrato 30 anni fa, appena laureato, e non è stato facile ma sono contento della mia scelta. Come me molti connazionali, ed ora vi sono facilitazioni.
    Di lavoro ce né in abbondanza a qualsiasi livello: dal manovale qualificato, al direttore di azienda. Tutti quelli/e che vogliono lavorare e fare una vita di qualità e onesta in Germania sono ben venuti. Particolarmente apprezzati sono :

    – paramedici a TUTTI i livelli ( da aiuto infermiere in su )
    – informatici a tutti i livelli
    – insegnanti a tutti i livelli
    – ingegneri meccanici
    – ingegneri edili
    – avvocati
    – laureati in giurisprudenza
    – medici
    – ingegneri agrari
    – assistenti sociali
    – gastronomia
    – imprese di pulizia
    – giardinieri e forestali

    Per trovare lavoro in Germania:

    1)conseguire il certificato TELC B1 ( o meglio B2 ) che si può fare in Italia.

    2) contattare via internet la ditta di interesse: questa là si può trovare facilmente cercando su internet o contattando la camera di commercio (IHK) della regione di interesse.

    Al nordest vi è più spazio, ma il clima è più duro. Al centro e centro nord è molto continentale ed industriale. Il sud (Baden Württeberg) e sud-est ( Bayern) hanno clima più mite, sono molto forti economicamente e con limitati conflitti sociali.

    3) fare un periodo di prova (non pagato ) di 1-2 mesi.

    Quanto desidero, che gli Italiani in Italia decidano di cambiare e – a loro modo – portino ad una rinascita economica e culturale ma soprattutto umana.
    „Capire e non copiare“: questo è il difficile.
    In Germania il volontariato è una colonna portante della Società, possibile anche perché chiunque ha abbastanza tempo libero visto che non necessita di doppio lavoro….

    Lohn-dumping è una strategia fallimentare per tutti e solamente gli imprenditori ignoranti la eseguono, visto che porta a riduzione della qualità e quindi danno e truffa dei consumatori.

  3. Ho lavorato per i stessi soldi 5 euro lordi ….ho perso dignità e solo Dio sa quanto ho dovuto faticare alla soglia dei 60, le offese subite all’entrata e mi accompagnavano tutto il giorno per 10/12 ore e il sabato,contratti capestro fatti firmare …….ho così ho fuori ,stiamo parlando di cooperative venete, non bisogna andare lontano per essere sfruttati. ….e poi dicono che il r.d.cittadinanza ha rovinato il lavoro ,e non si trova nessuno per lavorare ,lavorare si ma non sfruttati e maltrattati per 3euro e 50, e comodo fare i datori di lavoro così con incentivi statali ,regionali,non pagano contributi ……ma dove sono finiti i datori di un tempo

  4. Una cosa vergognosa….qualsiasi mansione anche la piu leggera con orario giornaliero non dovrebbe avere una paga oraria netta inferiore a 7/8 euro piu la maggiorazione del 25% di notte e festivi comprensiva di quattordicesima.Approffitano della disperazione delle persone che hanno bisogno xche se nessuno accettasse contratti cosi umilianti vorrei propio vedere cosa avrebbero da vantarsi tanto.

  5. Purtroppo il caso esposto di AZIENDA zero, e’ sempre piu’ frequente.
    Per inciso, girano A FORTE RIBASSO SALARIALE ccnl firmati un po’ da tutti i sindacati, compreso cgil cisl uil (i quali invece ,per mestare fango su altri sindacati, fanno campagna diffamatoria verso appunto gli altri sindacati e invece sono spesso loro il motivo principale del NOSTRO DECLINO in tema di salario e diritti) .
    Chi conosce questi contratti, ripeto, anche di CGIL CISL UIL, VEDE CON OCCHI LUCIDI , LA comica della SCENEGGIATA CHE STANNO GIRANDO IN QUESTI GIORNi i vari LANDINI , LA FURLAN DELLA CISL ECC CONTRO LA PAROPOSTA DI LEGGE del SALARIO MINIMO.
    Sarebbe da ridere, sapendo che molti contratti di cgil cisl e uil (ed altri) prevedono dei minimi salariali da europa dell’est, invece e’ da piangere e da …organizzarsi.
    Si, organizzarsi , i lavoratori lo devono fare, mai arrendersi, perche’ stare zitti significa appunto DECLINO , oppure complicita’ con la stessa corda che ci hanno messo al collo.
    Ce lo chiede l’EUROPA? Era questa l’europa che ci doveva fare lavorare un giorno in meno, accettata da tutte le fazioni politiche (e che rende ridicola e truffaldina ogni pistolotto ideologico o politico in questa faccenda triste) ma che invece ci sta facendo LAVORARE DI PIU’ E PURE A DI MENO?
    E se non ricordiamo male, il ccnl citato per imprese di vigilanza ecc, prevede pure la mazzetta sulla pelle dei lavoratori, della quota associativa al fantomatico ENTE BILATERALE, cioe’ quell’organismo creato tra sindacati e imprese che dovrebbe riunirsi per redimere le questioni del lavoro , e accrescere il ben essere dei lavoratori.
    UNA BEFFA! Autentica beffa ai danni dei lavoratori, che oltre ad avere uno stipendio basso, pure la mazzetta si vedono decurtata automaticamente, volenti o nolenti dalle loro buste paga.
    Resta che il passaggio da appalto ad altro, doveva esser seguito in ben altro modo dai sindacati, e gestito in maniera anche dura, analizzandolo, confrontandosi e coinvolgendo realmente le istituzioni a tutti i livelli.
    LA LEGGE AFFERMA INFATTI:
    1-In caso di successione di appalto con analoghe prestazioni e termini, la nuova azienda mantiene l’organico precedente senza instaurare un nuovo periodo di prova, purché si tratti di lavoratori assunti da almeno 4 mesi prima della chiusura appalto.
    2 IN CASO DI successione di appalto con differenti termini e prestazioni entro 15 giorni dal nuovo appalto, l’istituzione territoriale competente convoca l’impresa subentrante e i sindacati per discutere la situazione e cercare di trovare un equilibrio tra le nuove esigenze e il personale impiegato, ricorrendo se necessario, alla mobilità, oppure all’assegnazione del part time, oppure alla riduzione dell’orario di lavoro, in modo da cercare di mantenere assunti tutti i lavoratori.
    E far lavorare di domenica e festivo con 71 centesimi LORDI , RIPETIAMO 71 CENTESINI LORDI ad ora,O CON INDENNITA’ NOTTURNA A 5,60 EURO LORDI A TURNO (NEPPURE AD ORA, A TURNO), grida VERGOGNA, VERGOGNA E …VERGOGNA ETERNA!
    ps. e attenzione che c’e’ pure la BANCA ore, dove lo straordinario puo’ pure non esser neppur piu’ pagato una miseria, ma…..addirittura barattato con una ora di lavoro normale….cosi’ grattando e rigrattando il fondo del baratro, e superarlo pure…

    CO. BASE Difesa Lavoratori Nordest (difesalavoratorinordest@gmail.com)

  6. Non va mai bene abbassare gli stipendi dei lavoratori, ma sarebbe interessante sapere a quanto ammontava e a quanto ammonta oggi la busta paga di uno di essi per ogni categoria.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Venezia rialza la testa: si girano tre film

Venezia rialza la testa, al via le produzioni cinematografiche in città. Ciak, si gira. La laguna vuota e semideserta diventa un...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
commercial

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...

La morte di Daiana, 28 anni, mentre cammina in Strada Nova, sconvolge Venezia

La morte di Daiana, 28 anni, ha sconvolto la città. Già quando si riferiva di un improvviso malore per la giovane donna, mentre si...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Il virus torna a scuola: classi che riprendono subito fermate (due a Venezia)

La scuola è ripartita ma nella provincia di Venezia ben otto classi sono state fermate dopo la pausa natalizia. Sono quelle in cui ha...
sponsor

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da...

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

Di Giorgia Pradolin E' un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l'eco di qualche passo sui masegni,...

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

La Milano bene trema: abusi su modelle minorenni, tre manager della moda in manette

Abusi su modelle minorenni, una vittima, "eravamo carne da macello". Anche clienti facoltosi tra gli "incontri". La più giovane è del 2004, ha solo 17...

Baby Gang in tram, Sambo: “Dov’è finito il piano educativo?”. Lettere

Baby Gang in tram. (Riceviamo e pubblichiamo). Ieri è andato in scena l'ennesimo episodio di violenza ad opera di adolescenti. Gli adulti, in particolare quegli adulti che...

Operazione ‘Onda Lunga’: alberghi e appartamenti a Venezia con traffici dei ‘Permessi di Soggiorno’

Operazione 'Onda Lunga' della Divisione Anticrimine della Questura di Venezia: sequestri per oltre un milione di euro. Nella mattinata di oggi si è infatti svolta...
commercial

Multe e denunce dopo le verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni in aeroporto a Venezia

Multe e denunce penali dopo che gli agenti hanno svolto le opportune verifiche alle oltre 10.000 autocertificazioni all'aeroporto Marco Polo di Venezia, e sono...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Pfizer: “Incidenti in linea con previsioni”

23 persone morte dopo il vaccino in Norvegia. Di più: la definizione testuale dice: "La Norvegia registra 23 morti 'legate alla vaccinazione' ". L'agenzia del...

Mestre: all’esame di guida manda l’amico, tanto è nigeriano come lui

Mestre: all'esame di guida manda l'amico. Così un terzo si è sostituito al connazionale per sostenere l’esame teorico di guida. Ma è andata male...

Covid: Veneto, +2.076 contagi e 101 morti. Zaia: “Prolungare orari bar”

Covid in Veneto che segna un altro punto negativo statistico. Sono altri 2.076 i contagi in più con 101 morti i numeri della progressione...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.