8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Madonna della Salute a Venezia, il dono dell’Indulgenza Plenaria anche attraverso le parrocchie

HomeMadonna della SaluteMadonna della Salute a Venezia, il dono dell'Indulgenza Plenaria anche attraverso le parrocchie
la notizia dopo la pubblicità

Tutte le indicazioni sul grande appuntamento di affidamento e preghiera dei veneziani alla Vergine Maria.

Madonna della Salute a Venezia che sarà celebrata anche quest’anno come grande appuntamento di affidamento e preghiera dei veneziani alla Vergine Maria, seppur con quelle limitazioni e quelle prudenze che il tempo di pandemia ha purtroppo imposto.

Il Patriarcato di Venezia invita a celebrare la Festa della Salute in maniera diffusa, come già lo scorso anno, in tutte le parrocchie e santuari della Diocesi, con la celebrazione della Santa Messa sia nei giorni vicinia alla Festa, sia nella giornata di domenica 21 novembre, così come si invita alla preghiera del Santo Rosario in parrocchia, in famiglia e personalmente.

Le parrocchie possono proporre anche altri momenti di preghiera, così come invitare i fedeli alle varie celebrazioni che verranno offerte presso la Basilica della Salute nei giorni che precedono la Festa. La Festa della Salute è infatti un momento importante per il Popolo di Dio che è in Venezia, celebrato anche presso la chiesa di Santa Maria della Speranza a Mestre e presso la parrocchia di Catene che porta proprio il titolo della Madonna della Salute.

Il dono dell’indulgenza plenaria.

La Festa si caratterizzerà anche quest’anno per il dono dell’indulgenza plenaria concessa dalla Santa Sede: avrà una estensione che andrà dal 18 al 21 novembre, sia per i fedeli che pregheranno piamente per congruo tempo alla Salute che per coloro che si recheranno in pellegrinaggio presso una qualsiasi delle altre chiese di tutto il territorio del Patriarcato, sia parrocchiali che rettoriali (compresi, quindi, cappelle, oratori e piccoli santuari).

Anche gli infermi o coloro che sono accolti presso ospedali, case di riposo, infine anche i carcerati delle case circondariali, potranno ottenere l’indulgenza, se pregheranno il Santo Rosario dinanzi ad una immagine della Vergine.

L’indulgenza plenaria comprende, ovviamente, anche la S. Messa del 21 presieduta dal Patriarca, sia per i fedeli presenti che per coloro che partecipano attraverso i nuovi mezzi di comunicazione sociale, come ad esempio la diretta sulla pagina Facebook di Gente Veneta. L’indulgenza sarà concessa alle solite condizioni: esclusione di qualsiasi affetto al peccato, anche veniale, confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice. Si tratta perciò di un dono ampio, che la Santa Sede ha esteso con particolare larghezza, in modo da poter abbracciare tutti i fedeli della Diocesi, soprattutto quelli che non potranno recarsi alla Salute.

I principali appuntamenti e avvisi della Festa.

Giovedì 18, in tarda mattinata, il  ponte votivo sarà aperto dal patriarca Francesco Moraglia e dal sindaco Luigi Brugnaro alla presenza delle altre autorità civili e militari.

Sabato 20, alle 18.15, sarà la volta del pellegrinaggio diocesano dei giovani, alla sera, con un rosario processionale che andrà da campo San Maurizio alla Salute, passando per il ponte votivo. Come sempre sarà introdotto e guidato dal Patriarca, che offrirà ai fedeli la sua riflessione subito dopo la proclamazione del Vangelo. Giunti presso la Basilica i giovani compiranno un breve atto di affidamento alla Vergine.

Novità di quest’anno, saranno proposti tre momenti di preghiera, una sorta di “triduo”, caratterizzati da una forma prolungata di adorazione eucaristica, nelle sere di mercoledì 17, giovedì 18 e venerdì 19 novembre: mercoledì e venerdì dalle ore 21 alle 22, mentre la sera di giovedì dalle 19 alle 22. Si svolgeranno nella Basilica della Salute: sarà un modo per consentire ai fedeli un accesso più ampio e prolungato alla Basilica, avendo anche un orario serale nei giorni feriali, così da evitare eccessivi assembramenti nel fine settimana e offrire, a quanti lo desiderano, un clima di preghiera più disteso.

Nei giorni della Festa l’ingresso alla basilica della Madonna della Salute sarà libero, nei limiti dei protocolli sanitari e nel rispetto del distanziamento interpersonale.

Nei giorni di sabato 20 e domenica 21 novembre saranno predisposti dei percorsi guidati per consentire a tutti i fedeli di passare dinanzi l’immagine della Salute e regolamentare il flusso dei pellegrini.

Le regole di contingentamento imporranno alcune accortezze ulteriori: sarà possibile partecipare alle Sante Messe previste dall’orario, ma solo nel limite dei posti disponibili in chiesa: potranno essere presenti 75 fedeli nei posti a sedere.

Le candele.

Sarà possibile offrire una candela alla Madonna, ma non vi sarà assembramento presso le cosiddette “torciere”: infatti alcuni volontari saranno impegnati nell’accendere una parte delle candele appositamente raccolte nei contenitori posti in basilica.

Come già si è fatto l’anno scorso, tutte le candele saranno fuse e il ricavato della cera venduta sarà destinato alla Caritas Veneziana. Così l’offerta votiva si trasformerà in un gesto di carità.

Sarà tolto il banner pubblicitario.

In questi mesi la facciata della Salute è in restauro: sarà rimosso il banner pubblicitario che copre le impalcature e sarà sostituito da una immagine sacra.

Dirette streaming.

Per consentire una partecipazione anche a coloro che non potranno muoversi da casa per ragioni di salute o per impedimenti fisici, la pagina Facebook di Gente Veneta offrirà delle dirette streaming dei principali appuntamenti.

Il sussidio diocesano.

È già stata inviata una comunicazione del Coordinamento della Pastorale contenete una preparazione spirituale proposta dalla Diocesi: consiste in un sussidio per la preghiera in famiglia.

La Festa infatti conserva il suo carattere trasversale e soprattutto famigliare. Con questo sussidio si vuole favorire una adeguata preparazione per poter poi celebrare l’Eucaristia con tutta la comunità.

La Diocesi invita le famiglie a riscoprire la bellezza della preghiera in casa, in particolare la devozione alla Vergine Maria.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...