3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

L’Uomo Vitruviano al Louvre, Italia Nostra: prestare il capolavoro è pericoloso

HomeLettereL'Uomo Vitruviano al Louvre, Italia Nostra: prestare il capolavoro è pericoloso
la notizia dopo la pubblicità

L'Uomo Vitruviano di Leonardo al Louvre: prestare il capolavoro è pericoloso

Per celebrare i cinquecento anni dalla morte di Leonardo, le Gallerie dell’Accademia organizzano la mostra “Leonardo da Vinci. L’uomo modello del mondo”, dal 17 aprile al 14 luglio 2019.
Al centro dell’esposizione, ovviamente, il prezioso Uomo Vitruviano.

Qualche mese dopo il Louvre realizzerà un’analoga mostra, con prestiti anche dalle stesse Gallerie, e vorrebbe anche l’Uomo.

Non occorre entrare nel merito della polemica sui prestiti, che temiamo aumentati nel numero. La questione dell’Uomo è comunque senza possibilità di interpretazioni capziose essendo la legge stessa a vietare quel prestito, ex art. 66, comma b del Codice dei Beni Culturali, che regola l’uscita temporanea per manifestazioni.

L’uscita è vietata per «i beni che costituiscono il fondo principale di una determinata ed organica sezione di un museo, pinacoteca, galleria, archivio o biblioteca o di una collezione artistica o bibliografica».

È ovvio che tra le opere che costituiscono fondo principale delle Gallerie dell’Accademia, secondo la lista redatta dal Comitato scientifico delle stesse Gallerie, ci sia l’Uomo Vitruviano, al pari de La tempesta di Giorgione e del Ciclo di Sant’Orsola di Carpaccio.

Ma c’è un altro motivo, non bastasse il rispetto della legge, ed è lo stato di conservazione del capolavoro: da Roma sappiamo dell’esistenza di una relazione dei tecnici delle Gallerie che dichiarano l’estrema fragilità dell’opera e la necessità che dopo l’esposizione prolungata di Venezia torni al buio del caveau per non essere ulteriormente danneggiata.

E sempre il Codice dei Beni Culturali, art. 66, comma a, decreta che non possono uscire «i beni suscettibili di subire danni nel trasporto o nella permanenza in condizioni ambientali sfavorevoli».

La direttrice uscente, di conseguenza e in ottemperanza alle prescrizioni dell’Istituto Centrale de Restauro, ha affermato l’impossibilità di prestare l’Uomo Vitruviano, se non altro in quanto già in mostra a Venezia da aprile a luglio.

Potrebbe essere assicurato per 200 milioni di euro, ma se lo perdessimo si cancellerebbe una parte fondamentale della nostra storia.

Si teme tuttavia che per ragioni di opportunità politica e di mantenimento di buone relazioni con la Francia vinca ancora una volta un malinteso concetto di ‘valorizzazione’ piuttosto che la corretta tutela prescritta dalla legge.

Italia Nostra, preannunciando una richiesta di accesso agli atti per poter leggere la relazione dei restauratori, chiede dunque che il Ministro dei Beni culturali e il Segretario Generale Panebianco, nonché Direttore per avocazione delle stesse Gallerie, senz’altro in linea con le stringenti norme di tutela, si oppongano con fermezza a qualunque eventuale pressione politica contraria alla corretta tutela del capolavoro leonardesco e neghino il prestito, come loro dovere, al potente Louvre.

Lidia Fersuoch
presidente della Sezione di Venezia di Italia Nostra

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...