4.9 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Jacopo De’ Barbari e la “Veduta di Venezia a volo d’uccello”

HomeArte e CulturaJacopo De’ Barbari e la “Veduta di Venezia a volo d’uccello”
la notizia dopo la pubblicità

Oggi desidero parlare di un’opera monumentale conservata nel Museo Correr di Venezia.
Si tratta della “Veduta di Venezia a volo d’uccello”, un’opera spettacolare eseguita dal pittore e incisore Jacopo de’ Barbari.
È una xilografia datata 1500, creata utilizzando matrici in legno di pero, per la cui realizzazione ci vollero tre anni di lavoro.

L’opera è siglata in alto con il caduceo, una figura avente due serpenti attorcigliati attorno a un bastone impugnato da Mercurio, il messaggero degli dei.
Utilizzato dall’artista in altre sue opere, unito alla firma, è dotato di vari significati uno dei quali riguarda la sapienza. Nell’arte occidentale il caduceo veniva usato come emblema del commercio e del successo nelle attività mercantili e produttive.

Esistono una ventina di esemplari realizzati attraverso tre diversi stati della xilografia, che si diversificano per le varie rappresentazioni inerenti il campanile di San Marco.
Nel primo stato realizzato nel ‘500 è presente il campanile che, danneggiato da un fulmine nel 1489, possiede ancora una copertura provvisoria di tavole e tegole.
Nel secondo stato la data M.D. venne sostituita da un tassello non datato, mentre il campanile è raffigurato con la cuspide piramidale e l’angelo sulla cima.
Il terzo stato invece possiede il reinserimento della data M.D. e la copertura ribassata del campanile. La loggia campanaria e l’angelo furono mantenuti.

Fu il commerciante tedesco Antonio Kolb, residente al Fontego dei tedeschi a Venezia, attivo negli scambi commerciali tra la Germania e la città lagunare, a commissionare l’opera.

Quando fu data alle stampe per la prima volta, ricevette da subito un particolare interesse. Era il 30 ottobre 1500 quando la Repubblica di Venezia concesse a Kolb di stamparla.
Il titolo e la data VENETIE MD posti in alto sulla mappa testimoniano l’immagine di Venezia dell’epoca.

Osservando quest’opera monumentale diventa naturale chiedersi come l’artista sia riuscito a creare un capolavoro così immenso, del quale non rimane nessun disegno preparatorio. Ci sono stati vari studiosi che si sono cimentati nel compito di analizzarla.

Ricca di emblemi, la Veduta è arricchita anche dalle immagini delle divinità protettrici Nettuno e Mercurio per difendere le navigazioni dei veneziani e identificare il carattere commerciale. Porto e mercato quindi riferiti al dominio sul mare di Venezia.

Per la maestria dell’intaglio dei legni e per le straordinarie dimensioni (1345×2820 mm), la Veduta di Venezia risulta essere un esempio di cartografia urbana senza eguali nella storia della xilografia italiana di quei tempi, diventando un modello per le diverse vedute di città incise nei secoli successivi.

Le matrici sono costituite da sei blocchi in legno dal cui intaglio si ottenne un documento di grande importanza, che riporta la disposizione planimetrica della città nel ‘500. Basti osservare la minuzia in cui vennero disegnati campielli, calli, facciate e campanili, attraverso accurate rilevazioni e proiezioni.

La presenza di numerose navi e barche evidenziano la potenza commerciale veneziana, mentre sullo sfondo compare il profilo delle Prealpi.
Si distinguono inoltre in modo preciso l’area di San Marco, la basilica dei Frari, le facciate dei palazzi in Canal Grande con un numero complessivo di 114 chiese e 103 campanili. È possibile scorgere il Ponte di Rialto che nel ‘500 era in legno e risalire al periodo in cui i vari palazzi e chiese vennero edificati. De’ Barbari raffigurò anche otto teste di putto, al fine di rappresentare i venti e le direzioni principali, che di solito venivano collocate intorno ai mappamondi e non all’interno di piante a grande scala, come in questo caso.

L’artista dopo aver creato l’opera si recò nel nord Europa, dove lavorò per l’imperatore Massimiliano I di Norimberga, Federico il Saggio di Sassonia, Gioacchino I di Brandeburgo, Filippo di Borgogna e Margherita d’Austria.
A Norimberga nel 1500 l’artista frequentò Albrecht Dürer, ma il loro primo incontro risale alla visita a Venezia nel 1494-95 da parte dell’artista tedesco.

Dettaglio - Jacopo De’ Barbari ''Veduta di Venezia a volo d’uccello'' 1498-1500, xilografia in sei blocchi, mm 1345x2820. Museo Correr, Venezia. Foto di Manuela Moschin
Dettaglio – Jacopo De’ Barbari ”Veduta di Venezia a volo d’uccello” 1498-1500, xilografia in sei blocchi, mm 1345×2820. Museo Correr, Venezia. Foto di Manuela Moschin.
continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Manuela Moschin
Manuela Moschin, scrittrice. E' laureata in Storia dell’Arte - Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali, conseguita presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Curatrice del Blog librarte.eu, dedicato all’arte e alla letteratura.

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Un lavoro magnifico, mi chiedo come l’incisore abbia potuto realizzare con tanta precisione un lavoro del genere, quasi una mappa aerofotogrammetrica. Grazie alla dottoresssa Moschin per avercene parlato.

    • Si, hai ragione. È un capolavoro incredibile e sorprendente, soprattutto se si considera che è stato realizzato nel 1500. Ti ringrazio tanto di cuore cara Luciana. Buona serata.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione