3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Italia Nostra, Sos a Unesco, Venezia muore

HomeVenezia cittàItalia Nostra, Sos a Unesco, Venezia muore
la notizia dopo la pubblicità

Italia Nostra, Sos a Unesco, Venezia muore
Venezia muore. Questo, in buona sostanza, l’allarmante messaggio che Italia Nostra invia oggi all’Unesco. Grandi navi, turismo opprimente, mancanza di interventi necessari ed esecuzione di interventi per “favorire” qualcuno. Questi gli obiettivi fondamentali dell’allarme di questa mattina.

Venezia soffre il turismo aggressivo, senza freni e spesso ‘mordi e fuggi’, con traffico continuo di grandi navi e milioni di turisti in transito; i progetti di sviluppo di grande impatto e gli interventi non necessari fatti per compiacere qualche archistar.

E poi l’inquinamento, che distrugge l’ambiente e minaccia la salute dei cittadini: “ecco perché Venezia sta morendo, nella miope incuranza delle istituzioni locali e nazionali”.

Questo l’allarme lanciato dall’Associazione Italia Nostra che oggi a Roma ha annunciato di aver chiesto all’Unesco di inserire la città veneta e la sua laguna nella ‘danger list’, la lista dei siti a rischio e bisognosi di massima tutela.

A poche settimane dall’incidente, potenzialmente pericolosissimo, del 2 giugno scorso nel Canale della Giudecca, arriva ora la richiesta di un gesto simbolico che però, secondo la storica associazione, non può più essere rimandato: dal 30 giugno al 10 luglio si svolgerà, quest’anno a Baku, la riunione annuale del World Heritage Committee in cui si delibererà anche su Venezia.

Senza tutela da parte dello Stato, secondo l’Associazione, che già nel 2011 e nel 2012 aveva spedito 3 lettere all’Unesco ottenendo dall’organizzazione internazionale l’invio nel 2015 di una commissione di esperti cui sono seguite alcune raccomandazioni “rispettate solo in parte dall’Italia”, non ha molto senso mantenere Venezia nella World Heritage List.

Le 580 grandi navi che ogni anno entrano ed escono dalla laguna, unite ai milioni di turisti e ai posti letto in continuo aumento (con il proliferare degli alloggi “casalinghi” messi a disposizione dai residenti), per l’Associazione rendono ormai la situazione insostenibile per la città.

Proprio per questo, oltre a chiedere l’iscrizione nella ‘danger list’, Italia Nostra ha presentato anche un contro dossier di 80 pagine per sottolineare da un lato le omissioni contenute nei rapporti che il Comune di Venezia ha presentato nel 2018 all’Unesco, dall’altro per invitare gli esperti dell’organizzazione a analizzare con più attenzione la reale condizione in cui si trova la città con la sua laguna.

Dopo le raccomandazioni espresse dall’Unesco nella Decision 40 Com 7B.52 del 2016, il Comune di Venezia aveva inviato una prima relazione in cui dichiarava i passi in avanti fatti, documento grazie al quale aveva ottenuto una proroga di due anni per raggiungere i risultati sperati.

La proroga scadrebbe il prossimo luglio, ma secondo Italia Nostra a Baku l’Unesco concederà un ulteriore allungamento dei tempi di un anno, almeno a giudicare dalla bozza della Draft Decision 43.Com.7B che verrà presentata in quella sede in cui si ritiene soddisfacente l’attività svolta fino a questo momento dal Comune (e descritta nell’ultima relazione del 2018 dell’amministrazione comunale).

“Se questa è la tutela dell’Unesco, allora meglio non essere tutelati”, dice Mariarita Signorini, Presidente Italia Nostra, “noi vogliamo le grandi navi fuori non solo dal Canale della Giudecca, ma da tutta la laguna”.

“Confutiamo i report del Comune di Venezia, perché in realtà non esiste nessun vero progetto per la città: all’Unesco non sanno che il percorso alternativo per le navi da crociera a Marghera è stato già cancellato dall’attuale Governo, né che stanno nascendo nuovi alberghi e che la città è la più inquinata d’Italia, con il rischio che la morfologia della laguna e il suo ecosistema spariscano per sempre”, aggiunge Lidia Fersuoch, Presidente Italia Nostra Venezia, “quello che chiediamo nell’immediato è l’installazione di filtri nei camini delle navi e l’uso di carburanti diversi”.

“Poi che ci siano tempi certi per prendere delle decisioni, attraverso un dibattito pubblico. Vorremmo che venisse presa in considerazione l’opzione zero che noi proponiamo: ossia riconvertire la marittima a una portualità compatibile con la delicatezza della laguna”, conclude la Presidente Italia Nostra Venezia.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Basta grandi navi fuori da Venezia e dalla laguna… Ci fanno morire lentamente con quei fumi neri pieni di polveri sottili dai camini dei mostri

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...