lunedì 17 Gennaio 2022
2.6 C
Venezia

Affitti turistici a Venezia: 14 evasori totali controllavano 100 appartamenti

HomeNotizie Venezia e MestreAffitti turistici a Venezia: 14 evasori totali controllavano 100 appartamenti

Affitti turistici a Venezia: 14 evasori totali controllavano 100 appartamenti

E’ culminata ieri, martedì 17 maggio, con l’esecuzione di un intervento capillare, l’operazione “Venice Journey” contro l’abusivismo nel settore dei B&B e degli appartamenti turistici sul territorio del Comune di Venezia. Polizia Municipale e Guardia di Finanza hanno unito le forze facendo emergere 14 soggetti evasori totali, con l’immediata contestazione delle violazioni amministrative. I soggetti fino ad ora individuati sono risultati gestori di oltre 100 appartamenti a scopi turistici, totalmente sconosciuti al Fisco e alla banca dati comunale sull’imposta di soggiorno.

“La legalità è uno dei valori principali di questa città – ha esordito il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, durante la conferenza stampa che si è svolta questa mattina a Ca’ Farsetti per presentare l’indagine – ed è la condizione necessaria perché vengano fatti gli investimenti. Chi truffa non è ben accolto e sarà perseguito e, anche se stiamo aspettando che il Governo approvi il decreto che dia maggiori poteri, voglio ringraziare il ministro Alfano che ci ha già messo a disposizione quaranta uomini che dalla prossima settimana pattuglieranno anche le zone di via Piave, a Mestre”. Il sindaco ha inoltre sottolineato la collaborazione con la Prefettura, affinché tutti possano lavorare in modo onesto e in sicurezza: “Chi non è in regola fa concorrenza sleale – ha aggiunto Brugnaro – e noi vogliamo che questa ed altre operazioni facciano emergere l’illegalità. Le persone sappiano che le indagini sono ancora in corso e c’è ancora tempo per legalizzare la propria posizione ”.

L’operazione ha visto impegnata la Guardia di Finanza nell’analisi dei vari siti internet con offerte turistiche e la Polizia Municipale nella verifica sul campo degli appartamenti e dei gestori. Incrociando i dati del web e quelli ufficiali, da settembre 2015 ad oggi, sono stati monitorati circa 1200 soggetti per un totale di circa 2 milioni di euro di ricavi non dichiarati. “Si tratta di un’operazione con un’elevata valenza istituzionale – ha spiegato il comandante generale della Polizia Municipale, Marco Agostini – che ci ha visti intervenire anche grazie alle segnalazioni dei cittadini. Abbiamo rilevato sanzioni per la violazione di norme amministrative e di tributi locali, in particolare per quanto riguarda la tassa di soggiorno”.

L’operazione continuerà anche nei prossimi mesi con l’obiettivo di spingere gli stessi operatori a mettersi in regola, come già sta accadendo: “Dall’inizio dell’operazione – ha precisato il generale della Guardia di Finanza di Venezia, Alberto Reda – si è riscontrato un aumento del 517% delle registrazioni delle strutture ricettive definite ‘locazioni turistiche’, a conferma della positività del lavoro congiunto che stiamo portando avanti”.

Redazione | 18/05/2016 | (Photo press office) | [cod abuve]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...