7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

All’Angelo: “Chiedevamo mascherine adatte, dicevano no. Adesso 9 di noi sono contagiati”. Lettere

HomeOspedale dell'AngeloAll'Angelo: "Chiedevamo mascherine adatte, dicevano no. Adesso 9 di noi sono contagiati". Lettere
la notizia dopo la pubblicità

Coronavirus Venezia, altre 7 morti, 3 All'Angelo. Deceduta signora di Rialto

“Chiedevamo mascherine adatte, non ce le hanno date. Adesso 9 di noi sono contagiati”. La segnalazione arriva in redazione nel pomeriggio e squarcia l’atmosfera fatta ormai di routine di dati e numeri.
Arriva dall’Ospedale dell’Angelo e pare confermare, ancora una volta, come vi sia una discrepanza tra quello che viene comunicato attraverso i canali in qualche modo codificati che arrivano alla stampa e la situazione raccontata dai protagonisti della “prima linea” che a volte appare completamente diversa.
Ci riferiamo a quella che si vive nei reparti, nei servizi, nei rapporti con i pazienti

e nelle modalità di lavoro degli operatori sanitari.
La domanda che più spesso si è letta sui social all’epoca della tragedia del Cardarelli era: “Sbagliato fare il video dell’uomo che è morto in bagno, ma se non fosse stato pubblicato si sarebbe saputa la verità?”.
Le situazioni, i fatti che vengono alla luce attraverso testimonianze dirette sono a volte completamente diverse dalle realtà che ci raccontano i giornali.
Poco importa da chi arriva la “denuncia”, potrebbe essere un medico, un infermiere, un O.S.S., ciò che è essenziale è la “verità” che viene segnalata dal “di dentro”.
Questa quella di oggi:

“Cluster Covid su 9 operatori sale operatorie ospedale dell’Angelo”.
“Da almeno 1 mese si chiedeva di fare indossare mascherine di tipo ffp2 ma la direzione affermava che bastavano le mascherine chirurgiche”.
“Oggi arriva un ordine di servizio: indossare mascherine di tipo ffp2”.
“Se lo si faceva prima 9 infermieri probabilmente non sarebbero stati contagiati”.

Gli operatori sanitari, quelli che affrontano ogni giorno la malattia davvero guardandola in faccia, avrebbero quindi chiesto più volte di essere più “protetti” durante il servizio venendo dotati di mascherine ffp2, ritenendo che le chirurgiche non offrissero, in quel contesto, sufficienti garanzie.
Sono loro

che hanno il polso della situazione, come si fa a non ascoltarli?
Dall’altra parte la “direzione”, i “capi”, quelli nominati “responsabili”, che hanno quasi sempre uno stipendio più alto ma che lavorano al telefono o dalla scrivania firmando disposizioni.
Sono questi ultimi che, secondo la segnalazione, hanno detto “no”, ritenendo che le mascherine chirurgiche fossero sufficienti.
Oggi però, a distanza di molti giorni, un nuovo ordine di servizio della direzione sarebbe stato diffuso tra gli operatori in cui si dice che il personale deve operare con ffp2 addosso.
Peccato che, intanto, 9 infermieri siano già stati contagiati.
Tra di loro positivi sintomatici,

quindi in una situazione delicata di malattia e convalescenza, con l’ulteriore preoccupazione che per ognuno occorre cominciare il tracciamento dei contatti, la quarantena (sperando sempre sia sufficiente) e l’isolamento che prevede anche il distaccamento dalla famiglia.
Ognuno ne tragga le proprie considerazioni, ma ci sia consentito dire che se succedono queste cose in cui il personale sanitario non si sente ascoltato o, peggio, protetto e tutelato, vuol dire che c’è anche una realtà che non è quella che viene diffusa attraverso i comunicati.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.