25.3 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Alda D’Eusanio: “negro”, “razza nera”. Al Grande Fratello VIP scoppia la bufera

HomeGrande FratelloAlda D'Eusanio: "negro", "razza nera". Al Grande Fratello VIP scoppia la bufera

"Negro", "razza nera" e non solo: Alda D'Eusanio è stata protagonista di un imbarazzante siparietto ai confini del razzismo.

Polemiche a non finire contro Alda D’Eusanio, la neo-concorrente del Grande Fratello VIP che a 24 ore dal suo ingresso era riuscita a farsi scappare “negro“: un termine inaccettabile che aveva già causato l’eliminazione di Fausto Leali. E sui social era scattata la polemica: “È inutile squalificare una persona – aveva commentato l’ex gieffino Enock Barwuah – per poi vederla dopo girarsi tutti i programmi televisivi, perché tanto sarà così. Servono delle sanzioni in cui tu, quando te ne esci fuori con questi termini, in televisione non ci vai più“. A fargli eco il fratello, Mario Balotelli, che aveva aggiunto: “Perché questo tipo di persone esistono ancora? Perché fa ridere questa battuta? Perché ancora non è punibile con sanzioni a vita? Perché non è più grave di una bestemmia? Perché cavolo non ci arrivate ancora?”.

Alda D’Eusanio: “vedi qualche negro?”

La parola incriminata era sfuggita ad Alda D’Eusanio durante la cena “persiana” di sabato sera. La presentatrice aveva chiesto al “genio” di avere “del pesce”, e Tommaso Zorzi, tra le risate dei commensali, aveva risposto che “dopo tre giorni il pesce puzza”. Al che la donna ha insistito domandando “il pesce di chi?” ma Carlotta Dell’Isola ha replicato: “il pesce bianco, qui si pensa solo a mangiare”. Alda D’Eusanio ha aggiunto: “perché, vedi qualche negro da queste parti?“, ma nonostante i concorrenti abbiano provato a cambiare discorso, la frase è finita sui social innescando un mare di polemiche.

“Invece di ‘nero’ ho detto ‘negro’?”

Nella puntata di ieri Alfonso Signorini ha chiamato Alda D’Eusanio in confessionale. “Purtroppo ti devo rimproverare di qualche cosa – le ha detto – hai combinato un incidente un po’ spiacevole”. È partito il video e la giornalista, che non si era nemmeno resa conto del termine, ha replicato: “cosa sono? I genitori cattolici che si sono risentiti?”. Ma il conduttore le ha ricordato la presenza di precedenti come quello di Fausto Leali che per quel termine è stato squalificato. Alda D’Eusanio si è illuminata: “Ah, invece di ‘nero’ ho detto ‘negro‘?” con Signorini che ha sbottato “magari se riusciamo di evitare di dirlo una seconda volta sarebbe meglio”.

Le scuse di Alda D’Eusanio

La concorrente ha subito chiesto perdono, ma il conduttore le ha ricordato la presenza di un regolamento e di contesti più gravi e più leggeri. “Tu per fortuna – ha continuato – hai rivolto quest’espressione non a una persona com’è accaduto nel caso di Leali ma in una battuta poco felice. Anzi, infelice, perché è una battuta che non fa più ridere nessuno e che può urtare qualche sensibilità”. Alda D’Eusanio ha preso la parola: “chiedo scusa – ha detto – bisogna ricordare che oggi come oggi nel modo di parlare molto spesso sbagliamo, e scambiamo i due termini e non lo facciamo apposta. Perché l’atteggiamento è di totale democrazia e egualitarismo totale. Fino a pochi anni fa si diceva in un modo, poi la parola è cambiata: è come dire non camminante o nomade, non zingaro ma Rom. Non lo si fa apposta e mi dispiace se qualcuno si è offeso, lo dico con molta sincerità”.

Parla Enock Barwuah

Dopo un applauso, Alfonso Signorini ha continuato: “Tra le persone che si sono risentite c’è anche un nostro ex concorrente, Enock Barwuah, che sicuramente ha vissuto anche nella quotidianità una delle offese legata all’uso improprio di questo termine”. Il fratello di Balotelli ha replicato: “Parto dicendo che si può sbagliare, io in primis, mi dispiace di riprendere la signora Alda che è una signora di una certa esperienza. Però questo termine non posso farlo passare perché so cosa vuol dire, so cos’ho passato, so cosa stanno passando tante persone per questo termine”. Lo stesso Signorini è quindi scivolato sul politically correct aggiungendo: “che per voi è sinonimo di emarginazione, di offesa gratuita”.

Alda D’Eusanio: “contro-razzismo”, “razza nera”.

E la D’Eusanio: “però voi dovete anche capire che chi lo dice anche con intenzione di offendere” ma Barwuah: “io questo termine non lo accetto neanche per un complimento”. La giornalista ha continuato: “se invece è perché si sbaglia termine ma non si ha alcun atteggiamento spregiativo sul colore della sua pelle allora è diverso, c’è un contro-razzismo a questo punto. Io capisco tutto quello che il popolo di colore ha sofferto, e da persona di colore bianco chiedo perdono per tutto quello che la razza bianca ha fatto agli schiavi neri. Voglio però chiarire anche un fatto: visto che fino a poco tempo fa si usava un termine, chi non crede nel razzismo ogni tanto può sbagliare. E voi questo dovete perdonarlo. Ha fatto bene a riprenderlo perché è un’offesa che ricorda secoli di schiavismo, di cattiveria e di crudeltà che la razza bianca ha fatto alla razza nera“.

E nonostante gli scivoloni “politicamente scorretti” di Alda D’Eusanio, Enock Barwuah ha sorriso accettando le scuse di una donna nata in un’altra epoca e che, evidentemente, fatica ad adattarsi con le parole. Ciò però non è bastato e Alfonso Signorini si è rivolto alla concorrente annunciandole “un comunicato” con la “decisione” che il Grande Fratello VIP ha preso nei suoi riguardi.

Cos’è successo a Alda D’Eusanio? Ecco com’è andata a finire.

Marie Jolie

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.