mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Venezia e Mestre hanno un futuro solo se divise

HomeLettereVenezia e Mestre hanno un futuro solo se divise

Venezia e Mestre hanno un futuro solo se divise

Venezia e Mestre, due Comuni che, per il bene reciproco, non possono più stare insieme.

Dopo la tutt’altro che democratica (oltre che assurda e disinformata) sentenza del Tar, è doveroso continuare a dar battaglia affinché la separazione tra Venezia e Mestre divenga realtà.

Sono passati ormai cent’anni dallo sciagurato accorpamento avvenuto in epoca fascista, che erroneamente legò una città di “terraferma” (con le esigenze di una città di terraferma) e una città di mare (con altre esigenze, altre priorità e altri problemi da affrontare).

Come conseguenza, un futuro tutt’altro che roseo per Mestre, spesso dimenticata dall’Amministrazione comunale (per certi versi a ragione, vista la distanza e l’eccessiva superficie che oggi include il territorio comunale veneziano).

Quale soluzione, se non il naturale ripristino dei due Comuni autonomi e distinti?

Mestre avrebbe certamente tutte le capacità per rilanciarsi a livello turistico, più di quanto possa fare ora: Venezia risulta interessata esclusivamente al centro che, per quanto bello in tutto il mondo, non tiene conto di una fra le città venete più popolose e storiche (più di Venezia stessa) ora imprigionata in un Comune unico. Un caso eclatante è la mancata realizzazione di un vero e proprio Museo dedicato alle memorie di Mestre (che già conta innumerevoli patrimoni storici e Forti).

Con Mestre ai mestrini e Venezia ai veneziani si garantirebbe inoltre una maggiore vivibilità e attenzione ad entrambi i centri, che per storia e natura non saranno mai completamente compatibili l’uno con l’altro. Come ha evidenziato anche l’avvocato Stefano Chiaromanni, “l’autonomia consentirebbe da subito di accedere a quei finanziamenti europei da cui oggi il Comune Unito è escluso”.

Basti osservare cosa è successo con la recentissima fusione tra due comuni calabresi, Corigliano e Rossano. Si tratta di due città profondamente diverse, unitesi nel 2018. Dopo pochi giorni dalla fusione, voluta pensando di sistemare i conti in rosso dei Comuni (che invece si sono logicamente trasferiti nel nuovo “Comune fuso”) con la garanzia di non ridurre i servizi (ma con la permanenza dei conti in rosso tutto ciò può venire meno, così come la sbandierata “diminuzione delle tasse” che per questo motivo può trasformarsi in aumento), ecco che i problemi non sono tardati ad arrivare: strade con profonde buche, scarsa manutenzione alle tubature dell’acqua con conseguenti perdite, mancato pagamento dell’impresa di pulizie che operava per il Comune, marciapiedi ricoperti dalle erbacce.

Situazione fortunatamente non così tragica ma simile, a Valsamoggia, maxi-comune creato anti democraticamente nonostante la bocciatura da parte dei tre ex comuni più importanti. Se la situazione in precedenza non era rosea, ora è divenuta nera.

Insomma, la logica del “grande uguale a bello” viene sempre più smontata dai fatti.

Ricollegandoci strettamente alle fallimentari fusioni degli ultimi anni, non posso che evidenziare nuovamente l’importanza e i vantaggi di una città divisa.

Infatti, l’unione fa la forza soltanto fino a un certo punto, oltre il quale si crea soltanto disordine.
Se vengono uniti due Comuni agli antipodi, non potrà mai esservi uno scambio reciproco: vale per un Comune di mare e uno non di mare o per un Comune di lago e uno di montagna.

Stare insieme deve essere un vantaggio, ma qualora non lo fosse, per il bene di tutti e per avere un futuro, la divisione è l’unica soluzione. Cavallino-Treporti, che ha sempre avuto esigenze da “paese” e non da “città”, non manca di celebrazioni dedicate alla scissione dal capoluogo veneto: le imposte sono state tagliate, l’attenzione e la sensibilità verso i cittadini sono maggiori.

Ovviamente, una volta divisi, si potrebbe ragionare invece sulla messa in comune di alcuni servizi: con questo tipo di sinergia si otterrebbero degli effetti positivi per i residenti e i vari centri.

Occorre infine smontare coloro che sostengono come Venezia possa non essere più capoluogo di Regione dopo la separazione: il numero di abitanti, come è già stato detto, non ha per nulla a che fare con lo statuto di capoluogo o capitale. Washington è capitale degli Usa pur avendo 600.000 abitanti, contro gli 8 milioni di New York!

In Italia, Pescara (119.000 abitanti) è più popolata de L’Aquila (69.000), eppure il capoluogo di regione è soltanto quest’ultimo.

Nonostante gli ostacoli posti continuamente dal sindaco e dai Signori della “Città unica”, non posso che invitare i vari Movimenti e le associazioni autonome a continuare la propria battaglia per un futuro sostenibile. Che può avvenire soltanto con due città divise.

A.B.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...