7.3 C
Venezia
domenica 24 Gennaio 2021

Venezia e Mestre hanno un futuro solo se divise

Home Lettere Venezia e Mestre hanno un futuro solo se divise
sponsor

Venezia e Mestre hanno un futuro solo se divise

sponsor

Venezia e Mestre, due Comuni che, per il bene reciproco, non possono più stare insieme.

commercial

Dopo la tutt’altro che democratica (oltre che assurda e disinformata) sentenza del Tar, è doveroso continuare a dar battaglia affinché la separazione tra Venezia e Mestre divenga realtà.

Sono passati ormai cent’anni dallo sciagurato accorpamento avvenuto in epoca fascista, che erroneamente legò una città di “terraferma” (con le esigenze di una città di terraferma) e una città di mare (con altre esigenze, altre priorità e altri problemi da affrontare).

Come conseguenza, un futuro tutt’altro che roseo per Mestre, spesso dimenticata dall’Amministrazione comunale (per certi versi a ragione, vista la distanza e l’eccessiva superficie che oggi include il territorio comunale veneziano).

Quale soluzione, se non il naturale ripristino dei due Comuni autonomi e distinti?

Mestre avrebbe certamente tutte le capacità per rilanciarsi a livello turistico, più di quanto possa fare ora: Venezia risulta interessata esclusivamente al centro che, per quanto bello in tutto il mondo, non tiene conto di una fra le città venete più popolose e storiche (più di Venezia stessa) ora imprigionata in un Comune unico. Un caso eclatante è la mancata realizzazione di un vero e proprio Museo dedicato alle memorie di Mestre (che già conta innumerevoli patrimoni storici e Forti).

Con Mestre ai mestrini e Venezia ai veneziani si garantirebbe inoltre una maggiore vivibilità e attenzione ad entrambi i centri, che per storia e natura non saranno mai completamente compatibili l’uno con l’altro. Come ha evidenziato anche l’avvocato Stefano Chiaromanni, “l’autonomia consentirebbe da subito di accedere a quei finanziamenti europei da cui oggi il Comune Unito è escluso”.

Basti osservare cosa è successo con la recentissima fusione tra due comuni calabresi, Corigliano e Rossano. Si tratta di due città profondamente diverse, unitesi nel 2018. Dopo pochi giorni dalla fusione, voluta pensando di sistemare i conti in rosso dei Comuni (che invece si sono logicamente trasferiti nel nuovo “Comune fuso”) con la garanzia di non ridurre i servizi (ma con la permanenza dei conti in rosso tutto ciò può venire meno, così come la sbandierata “diminuzione delle tasse” che per questo motivo può trasformarsi in aumento), ecco che i problemi non sono tardati ad arrivare: strade con profonde buche, scarsa manutenzione alle tubature dell’acqua con conseguenti perdite, mancato pagamento dell’impresa di pulizie che operava per il Comune, marciapiedi ricoperti dalle erbacce.

Situazione fortunatamente non così tragica ma simile, a Valsamoggia, maxi-comune creato anti democraticamente nonostante la bocciatura da parte dei tre ex comuni più importanti. Se la situazione in precedenza non era rosea, ora è divenuta nera.

Insomma, la logica del “grande uguale a bello” viene sempre più smontata dai fatti.

Ricollegandoci strettamente alle fallimentari fusioni degli ultimi anni, non posso che evidenziare nuovamente l’importanza e i vantaggi di una città divisa.

Infatti, l’unione fa la forza soltanto fino a un certo punto, oltre il quale si crea soltanto disordine.
Se vengono uniti due Comuni agli antipodi, non potrà mai esservi uno scambio reciproco: vale per un Comune di mare e uno non di mare o per un Comune di lago e uno di montagna.

Stare insieme deve essere un vantaggio, ma qualora non lo fosse, per il bene di tutti e per avere un futuro, la divisione è l’unica soluzione. Cavallino-Treporti, che ha sempre avuto esigenze da “paese” e non da “città”, non manca di celebrazioni dedicate alla scissione dal capoluogo veneto: le imposte sono state tagliate, l’attenzione e la sensibilità verso i cittadini sono maggiori.

Ovviamente, una volta divisi, si potrebbe ragionare invece sulla messa in comune di alcuni servizi: con questo tipo di sinergia si otterrebbero degli effetti positivi per i residenti e i vari centri.

Occorre infine smontare coloro che sostengono come Venezia possa non essere più capoluogo di Regione dopo la separazione: il numero di abitanti, come è già stato detto, non ha per nulla a che fare con lo statuto di capoluogo o capitale. Washington è capitale degli Usa pur avendo 600.000 abitanti, contro gli 8 milioni di New York!

In Italia, Pescara (119.000 abitanti) è più popolata de L’Aquila (69.000), eppure il capoluogo di regione è soltanto quest’ultimo.

Nonostante gli ostacoli posti continuamente dal sindaco e dai Signori della “Città unica”, non posso che invitare i vari Movimenti e le associazioni autonome a continuare la propria battaglia per un futuro sostenibile. Che può avvenire soltanto con due città divise.

A.B.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...
commercial

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
sponsor

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...
commercial

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.