mercoledì 19 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Parole e sberle a Mestre tra madre sì vax e figlia che non vuole vaccinarsi

HomeVaccini e vaccinazioniParole e sberle a Mestre tra madre sì vax e figlia che non vuole vaccinarsi

I problemi che attraversano la collettività in merito alla scelta o non scelta di vaccinarsi o no, entrano anche nelle famiglie e i conflitti possono amplificarsi fino ad assumere contorni spiacevoli e contrasti all’apparenza insanabili.
Ne è esempio una famiglia di Mestre coinvolta in uno scontro un paio di giorni fa che ha messo in luce contraddizioni ed esigenze personali che hanno turbato e non poco la tranquillità familiare.
Accade che una ragazza di vent’anni rifiuti di recarsi al Palaexpo di Marghera, nel giorno prefissato per sottoporsi al vaccino, nonostante le sollecitazioni dei genitori che lo invitano alla ragionevolezza e a tener conto del pericolo del contagio.
Vaccinarsi o no?
La madre insiste, vuole proteggerla, anche in ragione dello stato di salute del marito che richiede particolare prudenza e attenzione e forse è stato proprio questo elemento a scatenare la rabbia della donna che di fronte al no irremovibile della figlia, perde la calma.

Volano parole forti, insulti e poi, in un crescendo di tensione cui assiste anche il fratello minorenne della ragazza, lo scontro sfocia in un alterco esasperato, tanto che cominciano a volare pugni e schiaffi, che la madre in preda all’ira e senza controllo, comincia a sferrare contro la figlia.
A questo punto il marito, preoccupato e impaurito da tanta veemenza, dopo aver tentato inutilmente di quietare le litiganti, si arrende, telefona alla polizia e chiede aiuto.
Quando arrivano in casa gli agenti, madre e figlia si erano già calmate e dopo aver esplicitato i reciproci motivi del contendere e le personali convinzioni, la ragione è prevalsa.
Non possiamo sapere se la ragazza accetti alla fine di vaccinarsi o no, se in quella giornata avesse degli impegni, oppure se la sua convinzione sia sostenuta da ragioni di salute, di sfiducia, o di paura, se sia integralmente no vax.
Tutti elementi che sarebbe importante analizzare, che sarebbe bene non fossero vissuti in solitudine, ma condivisi e supportati.
Si sa di certo che la madre, preoccupandosi per la salute del marito e della famiglia, desidererebbe che la figlia si sottoponesse al vaccino.
Sono esigenze diverse che andrebbero analizzate e la famiglia, forse, potrebbe essere aiutata a trovare un punto di conciliazione capace di mettere insieme i cocci di una relazione familiare in crisi.

Le famiglie del resto rispecchiano i problemi che la stessa società sta vivendo nei posti di lavoro, nella sanità, a scuola, dovunque.
Spesso non convincono argomenti come centotrentamila morti in due anni e il calo dei contagi grazie alla campagna vaccinale: non persuadono chi è contrario e respinge l’invito ad adeguarsi, sollevando il tema etico della libertà.
Non c’è altra strada, se non quella dell’armonizzazione delle esigenze e la reciproca disponibilità all’ascolto per meglio comprendere ogni aspetto della nostra e altrui vulnerabilità.

Vedi anche:

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Si come no, si dovrebbero rispettare le misure di sicurezza,ci dovrebbero essere controlli sulle strutture ricettive e invece nulla, nemmeno l anamnesi mi hanno chiesto per il vaccino, va da sé quanto realmente di scientifico c’è nella gestione della pandemia. 20 € di costo e rischi addossati sulla popolazione perché lo stato non vuole assumerli.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

“Ma è normale che il marinaio Actv abbandoni una borsa trovata a bordo in un pontile deserto?”. Lettere

Mi piacerebbe capire se il seguente comportamento è normale: fatto avvenuto la sera del 12 dicembre, a bordo del motoscafo linea 4.1 delle ore 20,16 circa, partenza piazzale Roma, direzione Murano. Alla stazione una coppia scende e dimentica una borsa che il marinaio...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"