7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Si ‘rompono le acque’ per strada: a Cannaregio l’intervento più tempestivo mai visto

HomeOspedale Civile VeneziaSi 'rompono le acque' per strada: a Cannaregio l'intervento più tempestivo mai visto
la notizia dopo la pubblicità

coronavirus a venezia colpiti operatori suem

Una bella storia a lieto fine nel centro storico veneziano.

L’episodio è accaduto un paio di giorni fa a Venezia: sono da poco trascorse le 13 quando una giovane donna, di 26 anni, pare sentirsi male per strada, nel sestiere di Cannaregio.

Chi in quel momento attraversa la strada si ferma a soccorrere la giovane per quello che, almeno all’apparenza, sembra un semplice malessere dovuto al caldo oppure ad un affaticamento. Fin da subito sono infatti chiare ai presenti le condizioni della donna che si trova in dolce attesa, e Venezia con i suoi ponti e le sue distanze non è semplice da girare.

La situazione però è più complicata del previsto e appena i presenti si avvicinano comprendono il motivo del malessere e l’urgente bisogno di assistenza: la futura mamma sta per partorire da lì a momenti, è in fase di travaglio e le si sono rotte le acque.

Qualche momento di incertezza tra i presenti su come meglio agire – oltre alla chiamata ai soccorsi – ma la fortuna ha voluto che, proprio in quel momento passasse un’idroambulanza dell’ospedale Civile di Venezia che doveva raggiungere la zona di Piazzale Roma per un servizio programmato.

I presenti, avvistata l’ambulanza, sono corsi sulla riva e hanno iniziato a sbracciarsi e gridare per richiamare l’attenzione degli operatori che si sono subito avvicinati alla fondamenta.

Mai intervento fu più tempestivo: quando i soccorritori sono arrivati sul posto, la donna aveva già iniziato il travaglio ed era pronta a partorire, con tanto di contrazioni in strada.

Una volta stabilizzata la ventiseienne, è iniziata la corsa verso l’ospedale con gli infermieri che, dopo le domande di rito sulle condizioni di salute, avvisano via radio il pronto soccorso e la sala parto dell’arrivo della ‘gravidanza a termine’ (cioè quella il cui parto avviene tra le 37 e le 41 settimane).

Vista la situazione d’urgenza, all’arrivo però gli operatori decidono di saltare il passaggio al pronto soccorso e, una volta ormeggiata la barca, si dirigono subito al padiglione Jona e alla sala parto in gran fretta, spingendo la donna sulla portantina e rassicurandola.

Così, mentre l’ospedale si attivava per informare che l’appuntamento concordato di Piazzale Roma avrebbe subito un ritardo per ‘cause di forza maggiore’, in sala parto si concludeva il lieto evento.

Tutto è bene ciò che finisce bene. Con una famiglia che festeggia la nascita e gli operatori che ricevono considerazioni e ringraziamenti sull’operato e l’ottima organizzazione. E con la città che festeggia l’arrivo di un nuovo residente veneziano, un nascituro di circa 3 chili a cui tutti augurano tanta fortuna e un futuro radioso.

Giorgia Pradolin

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...
spot

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...
Advertisements

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...