Caldo, da 150 anni mai un luglio così. A Venezia morta coppia di anziani

ultimo aggiornamento: 23/07/2015 ore 06:40

203

caldo mai così luglio a venezia morta coppia anziani

Caldo. Troppo. Erano 150 anni che non si registrava un caldo così, l’hanno detto gli esperti.
«In Veneto temperature più alte di quelle registrate a Bangkok e Jakarta» e nel veneziano numerose famiglie sono rimaste al buio a cause di sovraccarichi energetici, mentre i deceduti a causa del caldo sono saliti a 16.

Caldo, ma quanto? Ieri si sono registrate temperature comprese fra i 35 gradi (Belluno) e 37 (Treviso e Verona), ben superiori a quelle di Singapore, Bangkok, Jakarta e Manila e le conseguenze come al solito sono gravi, soprattutto per anziani e malati.

Ieri mattina alle 8.30 a Venezia sono stati trovati morti nella loro casa, Santina Lacchin di 92 anni e Sergio De Nobile di 85, lui sarebbe morto da un infarto per soccorrere la donna colta da malore.
A Caorle è toccata la stessa sorte ad un turista svizzero di 77 anni, una volta entrato in acqua è crollato a pochi metri dalla riva.
A Bibione un 70enne è stato ricoverato in Rianimazione a San Donà di Piave, dopo essere svenuto in spiaggia.

A Padova è morto Fabrizio Ruffini di 57 anni, cardiopatico e fratello maggiore dell’ex presidente del consiglio comunale Daniela e Carlo Zara, un 72enne che viveva da solo in un appartamento senza aria condizionata e soffriva di una grave forma di cardiopatia.

In provincia di Treviso invece, è deceduto, probabilmente sempre per le temperature troppo alte, un 36enne originario di Villafranca Veronese, ritrovato senza vita nel suo alloggio, nella tenuta di Ca’ Tron a Roncade (Treviso), dove lavorava come giardiniere e custode.
Grave anche un 52enne di Volpago del Montello, ora ricoverato al Ca’ Focello di Treviso, che alle 15 è andato a lavorare nei campi, nonostante la temperatura percepita superasse i 40 gradi.

Chi può cerca di stare meglio con l’aria condizionata, anche se ieri, proprio a causa dell’uso dei condizionatori, si sono registrati diversi problemi alle linee elettriche: i blackout hanno colpito Chioggia nei giorni scorsi, ieri pomeriggio Mira (al buio da 12 alle 18) e Spinea (20.40 a mezzanotte).

Per il surriscaldamento poi, ieri a Conegliano si è sviluppato un violento incendio in un appartamento interno ad una palazzina di quattro piani: uno specchio ha incendiato col riflesso una tenda e l’intero palazzo è finito in fiamme.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here