21.8 C
Venezia
mercoledì 23 Giugno 2021

Ragazzo trovato in fin di vita davanti l’ingresso del villaggio turistico

HomeCronacaRagazzo trovato in fin di vita davanti l'ingresso del villaggio turistico

Ragazzo trovato in fin di vita davanti l'ingresso del villaggio turistico

Fatto di sangue al villaggio turistico di Ostuni, posto di villeggiatura fantastico che a quell’ora era immerso nel silenzio assoluto dell’alba. A terra, davanti alla sbarra che chiude l’accesso al complesso turistico, un ragazzo romano di 16 anni. Privo di sensi, con ferite alla testa, sul volto e anche su una mano. A trovarlo agonizzante sono stati alcuni turisti che alle 4.30 di sabato rientravano al villaggio. Adesso è ricoverato in condizioni disperate — è in coma, con un’emorragia cerebrale — nel reparto di rianimazione dell’ospedale Perrino di Brindisi dove i medici cercano di salvargli la vita.

Il ragazzo si trovava in vacanza in Puglia con il padre (chirurgo in un noto nosocomio della Capitale) e il fratello minore, ha gravi lesioni alla testa provocate forse da una caduta, anche se non si esclude un’aggressione prima che il giovane sia stato abbandonato da qualcuno all’ingresso del villaggio.

Le indagini sono cominciate nella cornice di quello che pare un giallo in un luogo normalmente deputato a vacanza e riposo. Secondo quanto saputo, il ritrovamento in stato di incoscienza del sedicenne di Roma, alle 4 di mattina, è ricoverato in coma nel reparto di rianimazione dell’ospedale Perrino di Brindisi, dove, oltre ad un alto tasso alcolico nel sangue, gli sono stati riscontrati un grave trauma alla testa con emorragia cerebrale, e altre lesioni al viso, al collo e ad una mano. Le sue condizioni sono considerate critiche dai medici che non escludono al momento ci possa essere pericolo di vita.

Ancora oscure le cause delle condizioni del ragazzo su cui indaga la polizia coordinata dal pm Daniela Chimienti, che ha disposto il sequestro del telefonino dell’adolescente.

Per tutto il pomeriggio sono stati ascoltati gli amici del ragazzo che erano con lui ieri sera e che hanno detto ai genitori che avrebbero partecipato a una festicciola in spiaggia organizzata per festeggiare l’ultimo giorno di vacanza.

Sentiti anche alcuni dei famigliari e i responsabili della struttura ricettiva che hanno escluso che all’interno del villaggio possano essere state somministrate bevande alcoliche ai minori.

Il ragazzino è stato trovato nei pressi dell’ingresso del villaggio vacanze, vicino alla sbarra automatica che consente l’entrata solo alle persone autorizzate. Era riverso a terra. E’ stato soccorso e subito trasportato all’ospedale Perrino di Brindisi, dove si trova ricoverato in condizioni critiche.

Gli investigatori cercano di rompere la reticenza dei coetanei per ricostruire l’accaduto. Diverse le ipotesi che vengono tenute in considerazione: il giovane, che si trovava a Ostuni con il padre e il fratello minore, potrebbe essere caduto facendosi male da solo dopo aver bevuto molto. Non si esclude però che possa aver subito una aggressione o che, allontanatosi in moto o in auto, possa essere stato coinvolto in un incidente su cui al momento, però, non c’è alcun riscontro.

Mario Nascimbeni | 08/08/2016 | (Photo d’archive) | [cod ostura]

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor