Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
9.8C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeCronacaProcesso Bossetti, sequela di colpi di scena. La moglie: io cercavo immagini di ragazzine al pc

Processo Bossetti, sequela di colpi di scena. La moglie: io cercavo immagini di ragazzine al pc

Processo Bossetti, sequela di colpi di scena. La moglie: io cercavo immagini di ragazzine al pc

Alma Azzolin, 61 anni, di Trescore Balneario, ora ricorda bene. Al processo per l’omicidio di Yara Gambirasio guarda l’imputato e dice: «È il signor Bossetti». Lui, Massimo Bossetti, è l’uomo che ha visto in auto con una ragazzina, nell’estate del 2010, nel parcheggio del cimitero davanti alla palestra di Brembate Sopra. Con sicurezza, più di quella messa a verbale nel novembre 2014, dice anche che la ragazzina era Yara: «Sì, per me sì».
Ma il giorno del processo a Bossetti riserva anche altre sorprese.

Ester Arzuffi, la madre di Bossetti, che preferisce lasciare irrisolto il mistero sugli anni in cui concepì suo figlio Massimo, accusato di aver ucciso la tredicenne Yara Gambirasio: preferisce non rispondere. Suo figlio Massimo, che la scienza ha stabilito non essere figlio di suo marito ma dell’autista di autobus Giuseppe Guerinoni, morto nel 1999. E per questo, davanti ai giudici della Corte d’assise di Bergamo, davanti ai quali si celebra il processo a suo figlio, si avvale della facoltà di non rispondere come ha fatto l’altro suo figlio, Fabio.

Marita Comi, la moglie dell’accusato che per difendere il marito arriva a viso aperto a vivisezionare la sua vita più intima, attribuendosi la responsabilità delle ricerche a sfondo pedo-pornografiche
trovate nei computer di casa saltate fuori dall’analisi dei pc.
«Sì, le facevo io». L’avvocato Pelillo elenca a Marita una serie di titoli a luci rosse, anche con la parola «ragazzine» e lei se ne assume la responsabilità. Anzi, ribatte: «Perché, è illecito?». Bossetti sbotta: «È intollerabile, basta». Ma la parola «tredicenne», no, quella Marita dice di non averla mai digitata. Bossetti nemmeno.
“Mai fatto ricerche su tredicenni”, quindi per quanto riguarda le ricerche a sfondo pornografico, “qualche volta le facevo io, qualche volta insieme, oppure io da sola”.

Marita, giubbetto di pelle nera, sciarpa di seta al collo, ripercorre il suo rapporto col padre dei suoi tre figli e ribadisce che di quel 26 novembre del 2010 in cui Yara scomparve di casa per essere trovata uccisa tre mesi dopo in un campo di Chignolo d’Isola, a pochi chilometri dalla sua abitazione, non ha ricordi precisi, ma “siamo abitudinari, ceniamo sempre alla stessa ora, se fosse tornato più tardi me ne sarei ricordata”.

“Marita Comi, si ricorda quando in carcere poneva domande insistenti su quel pomeriggio che mandò in frantumi la vostra vita?”, incalza il tribunale. “Ero travolta dalle notizie che arrivavano, che sembravano certezze e io volevo verità”. Se, dopo quelle domande le fossero rimasti dei dubbi avrebbe detto basta: “Anche per tutelare i miei bambini”.

L’udienza è stata una sequela di colpi di scena: Alma Azzolini ha ricordato come nell’estate del 2010, qualche mese prima della scomparsa di Yara, nel parcheggio di un cimitero, vide una ragazzina di 13-14 anni che era salita a bordo di un auto il cui conducente la fissò fino a metterla a disagio. Per lei quella ragazza era Yara e quell’uomo era Massimo Bossetti. “Possiamo dimostrare – hanno spiegato gli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini – che Bossetti non poteva essere lì”.

Poi l’ultimo ‘giallo’: il cognato di Bossetti, Osvaldo Mazzoleni, ha ricordato come il 9 dicembre del 2010 avesse chiesto “un piacere al Massi di andare a prendere della sabbia” per ultimare un marciapiede delle villette alle quali stavano lavorando. Una circostanza che non aveva mai riferito prima nelle sue deposizioni durante le indagini riguardo un fatto che gli inquirenti ritengono sospetto perché avvenne a poca distanza dalla sparizione di Yara e perché l’azienda di Chignolo d’Isola in cui Bossetti acquistò la sabbia non rientrava tra i fornitori di allora della ditta di Mazzoleni.

Mazzoleni ha spiegato di essersene ricordato “due settimane fa”, dopo aver visto durante una trasmissione televisiva i luoghi del cantiere e l’agenda delle presenze e aver fatto “mente locale”.

Mario Nascimbeni
25/02/2016

(cod procebo)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...