7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Portogruaro, montata antenna 5G al confine dei giochi dei bambini. Flash mob di protesta. Lettere

HomePortogruaroPortogruaro, montata antenna 5G al confine dei giochi dei bambini. Flash mob di protesta. Lettere
la notizia dopo la pubblicità

Portogruaro. Lettere: "Nuovo 5G dove giocano i bambini". Comune: "Non è prevista distanza minima"

È partita la prima di una serie di manifestazioni di protesta del quartiere Giorgione a Portogruaro (Venezia) contro l’installazione, da poco conclusa, di un’antenna per la rete mobile 5G su un traliccio.

Un gruppo di bambini e genitori, debitamente distanziati e protetti di mascherine e dispositivi di sicurezza, ha deciso di “salutarla” con un flash mob e di indirizzare una lettera al sindaco della cittadina.

L’antenna, posta al confine dell’unico parco giochi del quartiere, è stata realizzata in piena emergenza Covid-19 con un blitz della ditta costruttrice, nonostante i lavori di installazione non rientrassero tra le attività economiche indispensabili previste dal DPCM dell’8 Marzo.

I cittadini del quartiere lamentano i possibili rischi per la salute che le onde elettromagnetiche, emesse dall’antenna, potrebbero provocare sui bambini che giocano nell’unico spazio libero della zona.

Gli animatori della protesta hanno raccolto 123 firme in poche ore, e le hanno consegnate la settimana scorsa in Comune. Al sindaco contestano di aver preso la decisione senza neppure aver consultato gli abitanti del quartiere. “Non siamo i soli in Italia e nel Veneto a protestare contro questa nuova tecnologia non ancora studiata in tutti i suoi possibili effetti negativi sulla salute dell’uomo”, dicono i rappresentanti del quartiere Giorgione.

Una prudenza mostrata, a differenza del comune di Portogruaro, dalla conferenza dei sindaci del Veneto orientale che sta coordinando i comuni aderenti nella emanazione di atti per la tutela delle comunità.

Per non parlare della presa di posizione, ancora più radicale, del suo collega Sindaco di Vicenza, che ha deciso di sospendere l’attivazione di impianti di telefonia mobile 5G fino a quando non saranno fornite, dagli enti competenti, adeguate garanzie circa la tutela della salute.

Sempre su questa linea anche il sindaco della vicinissima Fossalta di Portogruaro che, con ordinanza del 29 04 2020, ha deciso Di sospendere con effetto immediato l’utilizzo della nuova tecnologia.

Sempre a Portogruaro è nata da poco un’altra protesta degli abitanti contro l’installazione della seconda antenna 5G nelle vicinanze della stazione ferroviaria.

Comitato di quartiere Giorgione

Portogruaro 11 maggio 2020

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. MARCO AURELIO
    Maria Teresa SENATORE, leggo in Wikipedia, è stata eletta da una lista Lega Nord – Forza Italia.
    Prossimamente ci saranno le lezioni in quel Comune… chi non è soddisfatto delle scelte fatte, non dovrà far altro che andare a votare e votare CONTRO chi ha acconsentito queste scelte.
    Si chiama DEMOCRAZIA.

  2. Sarebbe interessante approfondire in base a quali criteri avviene il posizionamento di queste antenne e chi ne da l’autorizzazione. Se vi sia unicamente un criterio basato sul numero di utenze o anche altro…
    In particolare sarebbe utile capire se queste antenne vengono installate anche nelle vicinanze di persone che hanno un certo potere e prestigio sociale, quali giudici, politici, manager importanti o altri presunti “elevati” che potrebbero avere la “forza” di respingere una potenziale installazione. Grazie e saluti

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto