Parigi e l’orrore del male

ultimo aggiornamento: 16/11/2015 ore 08:24

196

Parigi e l'orrore del male

Ad ogni orrore, ad ogni lacerazione che nasce dall’odio, vien da pensare che più in là di così, il male non possa arrivare.
E’ terribile, ma ci stiamo abituando ad accettare la violenza, anche nelle sue espressioni più temibili e raggelanti.

La vita umana sembra non contare più, si ammazza, ci si ammazza, assistiamo tutti i giorni a scene drammatiche, i nostri figli seguono dal televisore, dal computer o dal loro cellulare vicende quotidiane di decapitazioni, di corpi smembrati in faville che confondono visioni che non ci sembrano vere, tanto forte è lo smarrimento che ci prende ogni volta che succede.


Ancora Parigi, ma i terroristi hanno fatto sapere che anche il nostro paese riceverà pan per focaccia e la corrente che scalda la paura, è già accesa.

Per una naturale e comprensibile debolezza, i fatti lontani ci toccano, ma rimangono lontani, mentalmente riusciamo a percorrere lo spazio tempo in modo di poterci rassicurare. Il nostro spirito di sopravvivenza lo richiede. E un po’ anche il nostro egoismo, che si mostra, quando la vita viene minacciata.
Il silenzio cala sui nostri pensieri, ci chiediamo cosa sia successo all’umanità, se siamo anche noi responsabili di tutto questo.

E’ come se la Terra improvvisamente espellesse l’uomo e tutta la sua storia insieme alla civiltà. Le religioni, i fanatismi, lo sguardo cieco di cuori spenti assetati di vendetta, ma anche l’economia, il potere, le dittature, il razzismo, l’intolleranza, l’ignoranza,l’incoscienza, l’emarginazione e perfino il disamore sono parte degli ingredienti che fanno dell’uomo di oggi, un uomo vinto, sconfitto dal suo stesso essere un non-uomo in grado di prevenire ed evitare questa deriva.
In grado di esserci ed esistere per migliorarlo questo mondo e non per insanguinarlo.
Se è vero che l’uomo è una folla, come ci ha detto Pessoa, vien da chiedersi chi sia mai quell’ uomo che esce dalla folla e diventa suicida e insieme assassino.


O forse il poeta voleva dire che ognuno di noi è una folla, siamo un po’ veri e un po’ finti, un po’ buoni e un po’ cattivi, un po’ primitivi e un po’ evoluti…
O forse voleva dire che la folla umanità è incontenibile se non se ne conosce la storia e il respiro, o forse già sapeva che anche questa volta a Parigi avrebbero pagato folle innocenti, nel vivere ed esistere e che troppe domande rimangono senza risposte, fino a zittirle, senza quiete.

Andreina Corso

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

4 persone hanno commentato questa notizia

  1. L’articolo mi ha fatto riflettere e ho scoperto che io non saprei dire chi sono quei ragazzi che ammazzano per fanatismo, non riesco a immaginarli mentre vanno a scuola o giocano con il telefonino, ma chi sono realmente, come si riconoscono!

Please enter your comment!
Please enter your name here