mercoledì 19 Gennaio 2022
7.6 C
Venezia

MSC Grandiosa ha ripreso il mare, è la prima crociera del 2021

HomeGenovaMSC Grandiosa ha ripreso il mare, è la prima crociera del 2021

MSC Grandiosa ha ripreso il mare: salpata il 24 gennaio è la prima crociera ufficiale del 2021.
L’ammiraglia MSC è ritornata in mare offrendo crociere di 7 notti verso il Mediterraneo Occidentale.
La nave toccherà in Italia Genova, Civitavecchia e Napoli, ma farà tappa anche a Malta.
“Grandiosa”, il primato della ripartenza ce l’aveva già, perché dopo il primo lungo lockdown era stata la prima al mondo a riprendere il mare.
Msc Grandiosa consolida oggi questo primato ed è partita dal porto di Genova Genova per la prima delle crociere 2021 nel Mediterraneo.

NORME COVID E SICUREZZA
La sicurezza prima di tutto: per poter compiere questo straordinario passo, la Compagnia torna ad applicare quella serie di protocolli di sicurezza che consentiranno ai passeggeri di vivere la crociera in un ambiente protetto.
Il terminal crociere è il primo punto di controllo, dove gli ospiti dovranno sottoporsi ai controlli previsti dal protocollo di salute e sicurezza, tra cui il tampone antigenico.
I passeggeri poi potranno salire a bordo, entrando di fatto in una sorta di ‘bolla’ sanitaria e di protezione sociale per tutta la durata della crociera.
I visitatori che scenderanno a terra per visitare i luoghi toccati dalla nave continueranno – in qualche modo – a restare all’interno di questa protezione che impedisce contatti con chi non è stato sottoposto a tampone e prevede solo visite in aree sanificate e protette.
La Compagnia di crociere specifica che ciò è anche a tutela delle popolazioni locali che, in tal modo, non entreranno a loro volta in contatto con i crocieristi.
Le escursioni saranno possibili esclusivamente in questa ‘modalità protetta’, e saranno organizzate solo nelle zone gialle e arancioni.

“Siamo consapevoli che gli occhi del mondo, e in particolare quelli del settore turistico, ancora fermo per la pandemia, continuano ad essere puntati sull’Italia. Un Paese che per primo è riuscito a rimettere in moto un comparto come quello crocieristico, che a livello nazionale vale 14 miliardi di euro e genera occupazione per 120.000 persone, rappresentando così un importante volano anche per altri settori attualmente ancora fermi” spiega Leonardo Massa, managing director di Msc Crociere.
Tampone quindi per tutti gli ospiti prima di salire a bordo e a metà settimana e settimanale per l’equipaggio, distanziamenti sociali, mascherina nelle aree pubbliche, braccialetto smart per tracciare i contatti più stretti avuti durante la crociera, discesa a terra solo con escursioni protette.

Tamponi e protocolli di sicurezza garantiscono che a bordo della nave non solo è possibile godersi pienamente l’esperienza della crociera così come avveniva prima della pandemia ma, grazie alla riduzione della capacità passeggeri, ci sono maggiori spazi a disposizione.
In nave così diventa possibile fare tutto ciò che sulla terra ferma ormai non è più possibile apprezzare da un anno: andare al ristorante e a teatro, utilizzare piscine e area fitness e centro benessere.
“Il protocollo ci ha già consentito, tra agosto e dicembre 2020 – sottolinea Massa – di portare in crociera in piena sicurezza oltre 30 mila persone, e viene oggi utilizzato come modello per supportare la possibile ripartenza del settore crociere insieme ad altri comparti dell’ospitalità in altri Paesi del mondo”.

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...