18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Matrimonio gay a Grosseto: il giudice dà ordine allo stato civile del Comune di registrarlo

HomeCronacaMatrimonio gay a Grosseto: il giudice dà ordine allo stato civile del Comune di registrarlo

matrimonio gay tra uomini ora possibile

Stefano e Giuseppe: una coppia sposata, e qui si intende coniugi a tutti gli effetti. La coppia gay ha tutti i diritti di una coppia sposata e, ovviamente, anche i doveri.

La coppia omosessuale si ritrova sposata in Italia grazie ad un dispositivo del Tribunale di Grosseto che ha obbligato alla trascrizione nei registri del loro Comune il matrimonio che Stefano e Giuseppe avevano contratto all’estero, a New York, nel dicembre del 2012. E automaticamente l’atto è diventato valido per la nostra legislazione.

Ma il matrimonio gay in Italia è possibile? A quanto pare sì, basta sposarsi all’estero. La decisione, contraria al parere del pubblico ministero, è stata presa dal giudice di Grosseto senza alcun dubbio: la trascrizione dell’atto di matrimonio fra persone dello stesso sesso negli elenchi comunali non è contraria all’ordine pubblico. Dunque è possibile e, a quanto pare, non è contraria ad alcun ordinamento.

Dunque, da ieri, Stefano e Giuseppe possono vivere in Italia con gli stessi diritti di cui avrebbero goduto se fossero rimasti a vivere a New York. Non era mai successo prima, e sicuramente l’evento imprimerà una notevole accelerazione ad affrontare il problema nel nostro ordinamento giuridico ma anche nella coscienza pubblica.

Il matrimonio gay tra Stefano e Giuseppe rappresenta il primo caso in Italia, precedentemente, analoga richiesta era stata respinta e il caso era arrivato fino alla Cassazione nel 2012.

Nella sentenza in cui ordina all’Ufficiale di stato civile di Grosseto di trascrivere nei registri del comune il matrimonio fra Stefano e Giuseppe, il giudice ha richiamato i problemi di ordine pubblico, evidenziando inoltre una serie di considerazioni, ad esempio ricordando che: «il matrimonio celebrato all’estero è valido, quanto alla forma, se è considerato tale dalla legge del luogo della celebrazione».

Paolo Pradolin

[10/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Attenzione che questo è solo il primo grado di giudizio, poi c’è l’appello. Inoltre bisogna capire che cosa comporta questa trascrizione sul registro civile in termini di diritti fiscali, testamentari, pensionistici, e anche civile come di accesso ospedaliero, ecc.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.