5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Mamma con due figli a carico sospesa dal lavoro perché non può vaccinarsi. Lettere

HomeLa pauraMamma con due figli a carico sospesa dal lavoro perché non può vaccinarsi. Lettere
la notizia dopo la pubblicità

Caro Direttore,
mi presento sono la Signora (omissis) di 54 anni, sono separata da quasi venti anni e con due figli a carico, entrambi senza reddito.

Devo dire con molta soddisfazione che sono stata sempre, grazie alla mia voglia di lavorare una donna autonoma e indipendente, una donna che ha affrontato mille difficolta e non solo familiari ma anche lavorativo (mobbing), ma che comunque si è fatta sempre rispettare.

Purtroppo da anni mio malgrado soffro di una malattia che mi ha portato a qualche limitazione, una malattia che molto spesso non viene ritenuta come tale, “ Sono Ipocondriaca” al tal punto che non posso più guidare, stare in luoghi affollati e soprattutto non prendo medicinali ed altro ancora. Un incubo mi creda.

Ed arriviamo al punto, sono vent’anni che l’unico medicinale che prendo è la tachipirina e anche quest’ultima quando la prendo mi provoca attacchi di panico.
La mia paura nasce esattamente all’età di 15 anni, quando dopo un episodio di ematuria nelle urine mi chiesero di sottopormi ad un urografia con mezzo di contrasto.
Grazie all’incompetenza di certi medici diciamo che me la sono vista brutta, nonostante avessi i primi sintomi di allergia al mezzo di contrasto continuarono a insufflarmelo e da lì seguì l’inferno.
Diciamo che mi presero per i capelli dopo giorni di ricovero e cortisone ect.

Purtroppo da allora si sono ripresentate piccole allergie guarite in breve termine, ma che mi hanno lasciato una ferita permanente quella dell’ipocondria…., non ultimo qualche anno fa mi comparse un orticaria per il corpo, qualcosa che non sto nemmeno qui a descrivere per 7 mesi la mattina mi alzavo come un mostro.. altre volte un occhio o un orecchio o altra parte del corpo gonfio ….
Dopo essere stata da svariati medici e aver speso svariati soldi la diagnosi finale è stata “Orticaria Idiopatica di origine sconosciuta”.

Mi scuso di essere stata cosi prolissa, ma questa breve storia della mia vita che breve purtroppo non lo è stata con tutto il suo bagaglio emozionale mi porta meglio a descrivere quello che è la mia situazione attuale.

Il 1 Aprile 2021, mi cade il mondo addosso con l’entrata in vigore del decreto 44: Misure urgenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19.

Io lavoro da 20 anni in un centro di Riabilitazione, sono impiegata amministrativa e mi occupo del front office, dietro un vetro altro 2 metri e assolutamente non a contatto con i pazienti, ciò nonostante mi hanno considerato alla stregua di un operatore sanitario.

Da quel giorno e anche prima è cominciato il mio calvario dove il mio datore di lavoro mi ha pressato, parola molto generica rispetto alla realtà di minacce e mobbing perché dovevo vaccinarmi.

Adesso mettetevi nella mia posizione e cercate di capire il mio stato d’animo, cioè combattere tra due fuochi: da una parte la responsabilità della mia famiglia, e dall’altra le mie paure i miei mostri che non sono mai riuscita a combattere e che crescono nonostante svariate sedute dai psicologi e altro che mi proponevano solo alternativa di cura con i farmaci.
Ma ditemi voi come posso curare una paura ai farmaci con i farmaci…

Ritorniamo alla situazione attuale, la procedura prevedeva che il datore di lavoro dovesse comunicare e solo quello senza distinzione, l’elenco dei lavoratori presenti nel centro senza distinguere i vaccinati dai non , ma questo non accade nel mio centro siamo stati sospesi esattamente 4 giorni dopo l’entrata in vigore del decreto.

Il mio datore di lavoro infrangendo quello che era la mia privacy, ha mandato l’elenco dei non vaccinati nome e cognome al medico competente e il medico competente senza nessun riguardo alcuno sulla privacy ci ha interrogati alla presenza della figlia del titolare ed altre persone che non conoscevamo nemmeno, anche se noi abbiamo invitato quest’ultimi ad uscire, ma senza risultato.

Dopo la visita del medico competente (ci ha chiesto solo se volevamo o no vaccinarci, quando gli abbiamo chiesto delle spiegazioni sulla sicurezza del vaccino si è arrabbiata e ci ha mandato via) ci hanno notificato la non abilità al lavoro al lavoro secondo il decreto 44 senza la comunicazione da parte della Asl, ovviamente e inutile dire senza retribuzione.

E’ mai possibile che dopo 20 anni di fedele lavoro, lavorando anche nel momento più pericoloso con le opportune precauzioni, ora non si consideri la situazione di disagio o di ingiustizia in cui stiamo vivendo?

Oltretutto siamo stati discriminati all’interno stesso del lavoro perché la maggior parte delle persone che si erano vaccinate – e aggiungo per le minacce ricevute e non per convinzione – dopo la diffusione della notizia grazie sempre al nostro datore di lavoro con ci trattavano come alieni o quasi untori.

Io non ho altre entrate per soddisfare il fabbisogno quotidiano dei miei figli se non la mia famiglia che conoscendo le mie paure e avemdo vissuto con me momenti di terrore mi supportano, ma la mia dignità?

La mia denuncia adesso in questo periodo storico è quella della spersonalizzazione del lavoro.
Dietro ogni lavoro c’è un lavoratore , ce una persona non un numero: veniamo trattati come muli, bastonati e ricattati soggiogati e derisi.
Il lavoratore è solo perché combatte contro il datore di lavoro che gli impone trattamenti e comportamenti quasi schiavizzanti, e contro colleghi che non vanno condannati perché proprio a causa dei datori di lavoro che invece di creare pari opportunità e quindi produrre meglio ci aizzano uno contro l’altro e noi cadiamo nella sua rete….
E adesso ci negano anche la Libertà di scelta di come vogliamo morire: inocularsi o morire di fame.

Io non voglio entrare nel merito se è giusto o meno vaccinarsi, non ho le competenze per farlo.
Ne sento milioni di medici ed ognuno dice la propria verità…. io ascolto quello che sento dentro, ascolto le mie paure, le mie angosce i miei mille perchè.
E come se dicessi ad un malato oncologico devi per forza operarti, ma ti dico che le tue probabiltà sono 95% muori il 5% puoi forse guarire la scelta spetta solo e soltanto a lui: non puoi obbligarlo.
Puoi cercare di persuaderlo ma non obbligarlo.
Poi le mie scelte diciamo che non sono scelte sono condizionate dalla mia malattia.

Sono mesi ormai – da Aprile – che vivo in una situazione di angoscia perenne, devo stare ad aspettare un verdetto di una condanna senza aver mai commesso un reato, devo elemosinare per i miei figli quando ho dato sempre tutto per il mio lavoro e ho sempre lavorato a testa alta e con orgoglio.

A questo punto devo fare dei ringraziamenti in primis al mio datore di lavoro che dopo 20 anni di rispetto e duro e sottolineo duro lavoro non ha esitato a buttarci fuori senza nemmeno cercare di trovare una soluzione o un accordo o quantomeno aspettare il giusto procedimento: ci ha messo alla porta.
Quando poi è stato lui a metterci a rischio sapendo che altri avevano il covid e avvisandoci solo dopo le cose avvenute. Lui adesso vuole parlare di legalità, ma ne avrei di cose da dire…

Vorrei ringraziare lo stato che ci ha messo in un situazione di discriminazione.
Volete l’obbligo? Obbligatelo per legge con tutte le conseguenze…

Devo ringraziare il mio presidente della regione De Luca, io che sono stata fin dall’inizio una sua devota elettrice perché lo credevo una persona leale e rispettosa verso i suoi simili, ma come può essere una persona leale e rispettosa se continua a chiamare imbecilli ignoranti ed altro che non mi va nemmeno di pronunciare persone che non la pensano come lui??

Questa è dittatura, non ho altro termine per chiamare questa situazione.
Tu, De Luca mi stai diffamando e voglio ringraziare la magistratura che svolge il suo lavoro seguendo la corrente: nel momento in cui non ti sei vaccinato sei colpevole, qualunque cosa abbia fatto il tuo datore di lavoro hai torto.
Tu magistratura, che dovresti essere super partes e difendere almeno le procedure che la legge stessa impone, invece ci tratti come dei delinquenti.
Ecco come mi sono sentita davanti al giudice che ha deciso la mia causa: una delinquente di chissà quale reato.

E voglio ringraziare il Sindacato che ha giurato fedeltà hai lavoratori.
Il lavoro è la dignità dell’uomo e voi la dovreste tutelare indipendentemente dal resto.

Adesso come adesso posso ringraziare solo i miei figli e la mia famiglia che nonostante tutto mi sostengono anche se qualcuno non è d’accordo con le mie opinioni ma rispettano le mie paure.

Confido in Lei se può pubblicare anche modificando questa lettera per far capire a questa società che ci sono persone che soffrono di certe scelte e che se oggi tocca a me fare delle scelte imposte domani potrebbe toccare a loro di essere.

Grazie

lettera firmata

» leggi anche: “Reazioni avverse al vaccino: 85% non gravi. Ecco il rapporto aggiornato

» leggi anche: ““No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...