Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
13.2C
Venezia
mercoledì 03 Marzo 2021
Homemorti per CovidUna famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta dal Covid. Sterminati i genitori e il figlio.
Una tragedia del Veneziano, della nostra provincia, al punto che ha fatto dire a molti sui social “Non abbiamo più lacrime…”.
Arriva addirittura il momento in cui è difficile piangere ancora davanti a disgrazie che sembrano non finire mai?
Deceduti tutti in ospedale: il Covid ha mietuto le sue vittime nell’arco di 18 giorni, la famiglia è stata cancellata.
Ivan Busso, il figlio per primo, poi la madre e il padre.
Tutti colpiti dal virus maledetto, ricoverati e deceduti nello stesso ospedale nell’arco di 18 giorni.
E’ un tragico destino quello che si è accanito

con il Coronavirus che ha determinato la morte per Ivan Busso, 42enne, di professione falconiere, e i suoi genitori, Gina Smerghetto, 65 anni, e Gianni Busso, 72 anni.
Né può essere di conforto sapere che per la morte del povero Ivan la moglie ha presentato un esposto perché potrebbe non essere il virus da solo ad averlo ucciso. Anzi.
I tre risiedevano a Mira, nel veneziano.
Il primo ad essere colpito dal virus, all’inizio di dicembre, era stato proprio Ivan, sposato e padre di una bambina in tenera età.
L’uomo all’inizio non aveva grandi sintomi,

ma poi era andato peggiorando ed era stato necessario il ricovero all’ospedale all’Angelo di Mestre.
Così si sono susseguiti i vari step dell’angoscia: prima la somministrazione di ossigeno, poi l’uomo era stato intubato.
Verso Natale sembrava che il 42enne manifestasse un miglioramento. Ma poi (e a questo fa riferimento la denuncia della moglie) infezioni batteriche sopraggiunte avrebbero cambiato rapidamente il quadro clinico peggiorandolo definitivamente.
Il primo gennaio 2021, abbastanza improvvisamente, l’uomo è deceduto. A soli 42 anni.
Intanto, nel frattempo, i suoi genitori, rimasti contagiati a loro volta, sono stati entrambi costretti al ricovero anch’essi all’Ospedale dell’Angelo.
Anche in questo caso,

i passaggi successivi hanno visto il trasferimento in terapia intensiva fino all’ exitus.
Proprio mentre era in corso il funerale di Ivan, la famiglia ha ricevuto la notizia del decesso della mamma dell’uomo.
Gina Smerghetto, per colpa del virus, si è spenta a 65 anni.
Ma non era finita: sempre all’ospedale all’Angelo di Mestre, dopo una fase che è parsa di miglioramento, si è aggravato anche il papà.
Gianni Busso, 72 anni, dopo aver lottato per la vita diverse ore, si è spento anche lui.
Qualche sera fa i parenti erano riusciti a sentirlo in un’ultima videochiamata.
Poi le sue condizioni generali




si sono aggravate, e alle 4 di questa mattina anche lui è spirato, sempre all’ospedale di Mestre, vinto dal Covid.
Può un destino accanirsi così crudelmente?
Ora è probabile che alle esequie di Gina, già previste per giovedì nella parrocchia di Malcontenta, si possano aggiungere anche quelle del marito.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.