giovedì 27 Gennaio 2022
0.2 C
Venezia

Posso fare un’operazione alle Poste di via Garibaldi? Decidono gli impiegati. Lettere

HomeLetterePosso fare un'operazione alle Poste di via Garibaldi? Decidono gli impiegati. Lettere

Desidero rendere pubblico quanto avvenuto all’ufficio Postale di Venezia via Garibaldi come ultimo esempio di come ormai regni l’anarchia in un ambiente evidentemente senza alcun controllo.
Venerdì mio marito si è fatto un’ora di coda per strada (come noto bisogna stare fuori ed entrare solo quando è arrivato il proprio turno) per dopo sentirsi dire che non avrebbe concluso nulla perché per l’operazione era necessaria la mia presenza.
Restava quindi d’accordo con la direttrice che il giorno seguente – sabato – mi sarei presentata io di persona.
E infatti sabato (unica mia giornata di riposo) mi presentavo all’ufficio postale poco dopo le 11 mettendomi in coda: davanti a me 8 persone.
Stare per strada con la bora che tirava non era per niente confortevole, ma

non potevo fare altrimenti perché era un’operazione da fare allo sportello per me importante (con una scadenza).
La coda si muoveva con una lentezza tale che alle 12.25 eravamo ancora in quattro per strada davanti alle Poste ed è stato quando è uscito l’impiegato si è affacciato alla porta ed ha detto: “Ancora due e poi basta” lasciandomi fuori come prima delle due persone escluse.
Dico: “Guardi, faccia una cortesia, sono qua da quasi un’ora e mezza e non posso andar via senza fare questa operazione”.
Mi chiede cosa devo fare allora spiego che il giorno prima mio marito ha parlato con la direttrice che le ha dato uno stampato che però dovevo compilare io (che avevo in mano già compilato)…
Lui dice: “Chiedo alla direttrice” e mette la testa dentro ma fa solo il gesto perché riesce immediatamente un secondo dopo dicendo: “La direttrice ha detto di no”.
Oltre al danno, anche presa per il c… .
Provo ad insistere vista l’importanza della cosa e faccio presente che in tutte le file è sempre stato che 10-15 minuti prima della fine chi gestisce gli uffici avvisa la coda dicendo fino a dove sarebbe arrivato.
La risposta con fare beffardo:

“Signora se mi tiene qua a parlare non facciamo neanche le ultime due persone che sono entrate, io sono contento ma ciò… per carità… se ghe va ben a ea… ciò, no so…” e altre amenità del genere.
“E poi non c’è niente da fare: tra due minuti la centrale ci toglie la linea”.
Io vorrei proprio sapere da qualche responsabile di Poste Italiane:
1 se non ci sono dei tempi medi previsti per calcolare un minimo di clienti che si possono/devono servire in un giorno;
2 se è normale che gli impiegati decidano quanti utenti di Poste Italiane possano essere soddisfatti in una giornata secondo i loro umori;
3 se è vero, con un orario di chiusura previsto di sabato alle 12.40, che la “Centrale toglie la linea alle 12.30”.
Ora io andrò incontro ad altri problemi per non aver rispettato una scadenza per indolenza di impiegati pubblici e questo non è giusto e non è un’opinione.
Calcolando le persone entrate: in un’ora e mezzo sono state servite 6 persone più le ultime 2 entrate.
Otto persone in un’ora e mezzo per due impiegati agli sportelli: 4 persone a testa.
Possibile che tutti avessero operazioni di complessità tale per cui ci voleva quasi mezz’ora per ogni utente?
Dove sono finiti quegli utenti che hanno da pagare una semplice bolletta impiegando 2-3 minuti?
Statisticamente quante probabilità ci sono che siano TUTTI casi da quasi mezz’ora l’uno?
La risposta l’ha data qualcuno in coda mentre aspettavamo e ora dico che aveva senz’altro ragione viste anche le maniere che hanno con il pubblico: “Lo fanno apposta, vanno piano e perdono tempo apposta…”.

lettera firmata

Aggiornamento 06/03/2021: Poste Italiane ha replicato a questa lettera di una lettrice con la nota pubblicata a questa pagina.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Buon giorno mi chiamo Comin Patrizia volevo segnalare anche io che se esiste un posto dove non vorrei mai entrare sono le Poste ed io parlo per quelle della Giudecca e quelle di San Basilio perché a parte le code causa Covid gli operatori sono talmente maleducati ed indisponenti che ancora non sono riuscita a fare lo SPID dato che per fortuna le bollette le ho domiciliate in banca.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità

Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie. Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità. 1) Quando si parla di ambiente,...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

“Vaccini, tamponi e uno squarcio di verità”. Lettere

Questa mattina al Policlinico San Marco di Mestre Sono circa le otto del mattino di oggi, 17 gennaio, quando una donna di settantacinque anni, vaccinata tre volte e altrettante sottoposte al tampone, si reca al Policlinico San Marco di Mestre per un...

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità

Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie. Cari mezzi di informazione e istituzioni, vi vorrei più educativi, più propositivi, più costruttivi, più trasparenti e più verità. 1) Quando si parla di ambiente,...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore