26.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

”Festival di Sanremo senza pubblico”: doccia fredda sulla kermesse

HomeFestival di Sanremo''Festival di Sanremo senza pubblico'': doccia fredda sulla kermesse

Le dichiarazioni del prefetto cancellano ogni speranza su un Festival di Sanremo con il pubblico.

Le parole del prefetto di Imperia non lasciano spazio a interpretazioni: “Il Festival di Sanremo 2021 non sarà un evento pubblico“. Dopo la prima ipotesi di “isolare” gli spettatori in una nave da crociera e quella di invitare medici “già vaccinati” ecco le dichiarazioni di Alberto Intini: “Se il nuovo Dpcm, in vigore fino al 5 marzo, non consente spettacoli aperti al pubblico nei teatri e nei cinema anche all’aperto, non c’è alcuna ipotesi di presenza di pubblico né pagante, né su inviti”. In attesa di un nuovo decreto, rimarrebbe esclusa la serata finale, quella del 6 marzo.

Il prefetto: “Festival di Sanremo 2021 senza pubblico”

Il prefetto di Imperia ha avuto ieri il primo faccia a faccia con la Rai sul piano di sicurezza per il Festival in programma dal 2 al 6 marzo. In attesa dei prossimi incontri, che vedranno la presenza della Asl e del sindaco Alberto Biancheri, Alberto Intini ha specificato: “E’ ancora tutto in itinere e prima di compiere valutazioni bisognerà capire l’evolversi della situazione” mettendo in chiaro però “che la norma è chiara e Sanremo non sarà un’eccezione“. Non solo: tenendo conto del gran numero di giornalisti e addetti ai lavori che gravitano attorno al Festival, il prefetto ha specificato “il programma televisivo sarà tarato in base ai riverberi che può avere sulla città”. Ergo: oltre agli assembramenti in sala si eviteranno anche quelli urbani. Le ipotesi dell’Ansa parlano di un massimo di 70/80 accreditati alla sala stampa ospitati al Palafiori o al Casinò, mentre ai fotografi verrebbe riservata la galleria dell’Ariston. Secondo AdnKronos, la Rai potrebbe equiparare l’Ariston a uno studio televisivo aprendo la platea a un numero ridotto di “figuranti contrattualizzati“.

Il sindaco di Sanremo: “mai parlato di pubblico”

Il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri ha spiegato come “la presenza del pubblico pagante” fosse “ovviamente esclusa in partenza“. “È il dpcm che lo dice – ha aggiunto – e infatti per questa edizione non è mai stato proposto dalla Rai. D’altronde non ho mai sentito parlare nemmeno di invitati”. “Nei prossimi giorni – ha concluso Biancheri – ho un incontro proprio col prefetto, col questore e il dirigente sanitario, per valutare il protocollo sanitario che è stato presentato dalla Rai circa la gestione della sicurezza sanitaria del Festival di Sanremo. Valuteremo tutte le proposte della Rai con molta attenzione”.

Le reazioni dei discografici

Il presidente della Fimi (Federazione Italiana dell’Industria Musicale) Enzo Mazza ha chiesto che il Festival di Sanremo, oltre a “un evento sostanzialmente televisivo” venga limitato “alla pura esibizione degli artisti”, senza “altre attività collaterali che possono fare esplodere i contagi” e con un “protocollo concordato con il Comitato tecnico scientifico e trasmesso a tutti gli operatori”. Sergio Cerruti, presidente dell’Afi (Associazione Fonografici Italiani) e i produttori musicali indipendenti della Pmi si sono rivolti al ministro della Salute Speranza e al Cts per “intervenire quanto prima per definire le linee guida necessarie a garantire la sicurezza sanitaria del Festival di Sanremo“. “La scelta di confermare la kermesse per il prossimo mese di marzo senza un chiaro protocollo – ha concluso – è eticamente sbagliata. Non si può rischiare con la salute delle persone“.

Marie Jolie

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.