Comandante Ris: Yara Gambirasio uccisa da chi ha quel Dna trovato addosso a lei

ultimo aggiornamento: 22/10/2015 ore 08:48

121

Comandante Ris: Yara Gambirasio uccisa da chi ha quel Dna

Il comandante del Ris Giampietro Lago ha spiegato come, mediante le analisi e la comparazione delle tracce di Dna sugli slip e sui leggings che indossava Yara Gambirasio, si giunse sempre allo stesso risultato: si trattava di un Dna maschile e quel Dna doveva essere stato lasciato dalla persona che aveva aggredito la ragazza.

Una volta raggiunto questo risultato, “in considerazione di una massa enorme di informazioni”, forse il problema era “anche economico e di utilizzo delle risorse” di stabilire se esistevano le possibilità di dare un nome alla persona a cui apparteneva quel
Dna. “Poteva trattarsi di un autoctono – ha osservato l’ufficiale – o di una persona straniera, o extracomunitaria, che sarebbe stato difficilissimo trovare”.


Da qui la decisione di una consulenza per la quale ci si rivolse a un Dipartimento legato al Ministero della Giustizia degli Stati Uniti, dal quale si sentì rispondere che le chance per individuare quella persona “erano poche ma era possibile farlo”.

Dalle successive analisi emerse che il Dna trovato sul corpo di Yara apparteneva a una persona che “aveva gli occhi chiari e caratteristiche europee”.
Lago ha anche spiegato che, da un punto di vista forense, è stato rilevato il Dna nucleare (la difesa ha in passato lamentato la mancata corrispondenza tra il Dna nucleare attribuibile a Bossetti e quello mitocondriale trovato sul corpo) mentre, in sostanza, l’esame eseguito su quello mitocondriale era uno scrupolo che, però, non aveva portato a risultati.

Il pm Letizia Ruggeri gli ha chiesto se l’esame del Dna mitocondriale inficiava in qualche modo quello sul Dna nucleare. “Assolutamente no”, è stata la risposta dell’ufficiale che proseguirà venerdì la sua deposizione.


22/10/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here