Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
13C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021

SEGNALAZIONI

HomeCronacaItaliani, maccheroni. La presa in giro di Charlie Hebdo sul sisma all'italiana

Italiani, maccheroni. La presa in giro di Charlie Hebdo sul sisma all’italiana

Italiani, maccheroni. La presa in giro di Charlie Hebdo sul sisma all'italiana
Maccheroni, pomodori al sangue, lasagne, ingredienti di italiani cialtroni, quasi tutti mafiosi, che dovevano aspettarsela, in fondo, di finire sotto le macerie.

Chissà cosa avevano in mente i vignettisti (o il vignettista) di Charlie Hebdo, quando hanno sfogato la loro indignazione e forse la loro vera rabbia, quando hanno agitato la matita, tirandone fuori gli stereotipi e i simboli più scontati, ammuffiti, razzisti in fondo, sugli italiani.

Una matita snob (sine nobilitate – ndr), scomposta e priva di ragionevolezza, forse perché era difficile produrla quella vignetta e a costo di tutto e tutti, volevano essere incisivi, originali, i redattori della famosa rivista francese. Proviamo a capire, nonostante la ripulsa.

Volevano forse dire che il piatto servito agli italiani a base si sisma, è colpa di questa “inconsistenza italiana”, dell’ignavia di chi doveva ricostruire, dell’indifferenza dei politici, dei ladri che hanno approfittato della finta ricostruzione e hanno tradito ricostruendo per modo di dire? Non si è capito, si è colta solo la distanza di chi non li vede quei morti, non lo sente, quel dolore, non ha interesse vero e partecipato per un’Italia ferita.

La seconda vignetta, che pare voglia aggiustare il tiro e spiegarsi, dopo la valanga di critiche alla rivista, che vuole autoassolversi, cambia registro e dice: italiani, non è colpa della rivista, ma della mafia, se vi sono crollate addosso le macerie che vi hanno ammazzato.

Ma guarda un po’!? Dalla luna di un tavolo redazionale parigino, giunge questo avvertimento, per informare chi in queste giornate si sta macerando nel dolore per aver perso tutto, i vignettisti impegnati nell’essere originali, non conoscono i pensieri di chi ha vissuto e vive le conseguenze dei delitti di mafia, non sanno, non hanno interesse al rispetto dei vinti. Insistono, anzi, mentre avrebbero fatto meglio a scusarsi immediatamente e a riconoscere l’errore nella loro l’ambizione satirica.

Uno sghignazzo irriverente quella vignetta che gli autori chiamano libertà d’espressione, penosa e rivelatrice di un modo di considerare la libertà di stampa, libero arbitrio di calpestare il silenzio che abita nei cuori dei terremotati che piangono i loro morti, ai quali è ben difficile strappare un sorriso.

Andreina Corso

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.