pubblicità
pubblicità
11.2 C
Venezia
lunedì 19 Aprile 2021
HomeArte e CulturaIl naufragio di Greta nella visione dell'artista Carlo Pecorelli

Il naufragio di Greta nella visione dell’artista Carlo Pecorelli

Il naufragio di Greta nella visione dell'artista Carlo Pecorelli

Parte da Venezia lo scultore Carlo Pecorelli per giungere a Lampedusa, terra di approdi, di nuove partenze e di destini crudeli.

Nelle acque di Lampedusa davanti a quel lato dell’isola protetta quale l’isola dei Conigli, si scorge un manichino di legno circondato da bottiglie di plastica.

Galleggia dolcemente, il mare è piatto e non tira un filo di vento.

A guardarlo bene non è un manichino anonimo, è Greta Thunberg. Queste acque sono spesso menzionate come luogo di naufragio e questo ovviamente non è un vero naufragio.

L’artista usa questa metafora proprio perché ritiene che l’ immagine di Greta sia divenuta oggetto di troppe polemiche e prese di posizione negazioniste, maschiliste e crudeli.

Vorrebbe salvare Greta da tutto il clamore mediatico che rischia di schiacciarla, e quindi sceglie il naufragio a Lampedusa come la morte non certo della sua persona o del movimento da lei creato ma come la fine dell’abuso e della strumentalizzazione della sua immagine.

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
Advertisements
sponsor