Bambina si spara con pistola del padre agente, è stato un incidente

ultimo aggiornamento: 01/01/2015 ore 20:31

147

bambina si spara pistola padre agente

L’incidente di Trento, quello per cui una bambina di 11 anni si è sparata con la pistola del padre rimanendo uccisa, vicino a Riva del Garda, deve essere considerato appunto per tale, un incidente.

Dopo la prima ricostruzione dei fatti, gli inquirenti non hanno avuto dubbi sulla dinamica della morte della bambina: si tratta di morte accidentale.
La figlia del proprietario della pistola, un agente della polizia stradale, è rimasta uccisa da un colpo partito accidentalmente mentre ella stessa maneggiava la pistola del padre. Si è trattato, quindi, di una tragica fatalità.


L’arma si trovava in una custodia nel cassetto della scrivania del padre, un agente della polizia stradale, e la disgrazia si è verificata mentre i genitori stavano lavorando nel giardino dietro alla casa.
La bambina avrebbe trovato la pistola nel cassetto e l’avrebbe presa in mano, poi è partito il colpo.

I genitori sono subito accorsi e hanno lanciato l’allarme, ma per la bambina ormai non c’era più nulla da fare. Inutile l’intervento dell’elicottero di Trentino Emergenza.

La famiglia da pochi mesi viveva a Pregasina, che si trova a pochi chilometri da Riva del Garda, dove la ragazzina frequentava il primo anno della scuole medie.


Monica Manin

[02/01/2015]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here