lunedì 17 Gennaio 2022
9.6 C
Venezia

”Walter Zenga aveva un’amante a Padova, voleva che cambiassi cognome”: parla il figlio Nicolò

HomeGrande Fratello''Walter Zenga aveva un'amante a Padova, voleva che cambiassi cognome'': parla il figlio Nicolò

A Live - Non è la D'Urso il figlio Nicolò parla della vita privata di Walter Zenga.

Walter Zenga: non si placano le polemiche intorno all’ex portiere della Nazionale e al suo atteggiamento verso i figli. Al Grande Fratello VIP Andrea Zenga aveva detto che per lui “non c’è mai stato”: parole confermate a Domenica Live anche dal fratello Nicolò. E dopo che a difendere Walter fossero intervenuti sia la prima moglie Elvira Carfagna che il primo figlio Jacopo, a Live – Non è la D’Urso sono emerse altre rivelazioni.

Il libro di Nicolò Zenga sul rapporto con il padre

Barbara D’Urso si è messa in collegamento con due dei cinque figli di Walter Zenga: Jacopo, figlio della prima moglie Elvira Carfagna, e Nicolò, nato dal secondo matrimonio con Roberta Termali e fratello di Andrea. A esordire è stato il primo, premettendo di non essere mai andato d’accordo con papà perché caratterialmente diversi. “Mio padre – ha aggiunto – ha detto che la mamma di Nicolò e Andrea potrebbe aver raccontato cose errate a loro due per mettere il rapporto su una piega sbagliata”. Ma ecco lo scoop: Nicolò Zenga starebbe preparando un libro incentrato su papà. “Noi siamo in possesso dell’introduzione – ha detto la D’Urso – di questo libro che non è ancora stato fatto. Tu, Jacopo, sapevi di questo libro?”. “No” ha risposto il fratellastro.

“Walter Zenga aveva un’amante a Padova”

“L’introduzione è abbastanza lunga – ha continuato la conduttrice – sono quattro pagine” ed è passata alla lettura di qualche stralcio. Ecco il primo: “Fin da piccolo mio padre mi ha sempre trattato come fossi un peso, quasi come se gli dessi fastidio. Uno dei primi ricordi che ho risale a quando con mia madre e mio fratello ci eravamo stabiliti vicino a Como. All’epoca lui giocava a Padova, diceva che la vita di città era troppo stressante. Ma solo successivamente abbiamo scoperto che lui a Padova aveva un’amante con la quale viveva in pianta stabile. Quando tornava dopo la partita io non vedevo l’ora di abbracciarlo, ma per lui era più importante leggere la Gazzetta in pace”.

“Walter Zenga voleva che cambiassi cognome”

Barbara D’Urso ha quindi proseguito la lettura. “Mi è mancato il coraggio di dirgli quanto mi facesse soffrire vedere che in realtà lui a fare il padre era capace, semplicemente non aveva voluto farlo con noi. E così un pomeriggio mi sono messo a scrivere, gli ho detto quanto ho sofferto la sua assenza. Purtroppo la sua risposta è stata pesante: mi ha detto che io non ero nessuno per poter giudicare la sua vita, che non potevo permettermi di criticarlo, che adesso lui aveva questa nuova famiglia ed era giusto che pensasse solo a loro, concludendo che per noi lui non esisteva più. Addirittura domandandomi se avessi mai pensato di cambiare cognome“.

Jacopo Zenga ha dichiarato di conservare ancora la mail del padre, ma di non averla portata in studio per non puntare il dito contro nessuno. “Io e Andrea siamo ragazzi comunque cresciuti bene grazie ad altre persone – ha concluso – questa mail non l’avrei voluta fatta uscire, però esiste ed è una cosa che comunque ti segna”.
Barbara D’Urso gli ha fatto presente che Walter Zenga “da Dubai sente e poi reagisce a modo suo”, anticipando di fatto la sua presenza alla puntata del Grande Fratello VIP di venerdì. Ci sarà?

Marie Jolie

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.