7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Video e foto di malati, ma l’ex compagno lo denuncia

HomeLa vendettaVideo e foto di malati, ma l'ex compagno lo denuncia
la notizia dopo la pubblicità

Video e foto di malati: comportamenti inadeguati con scatti e riprese inopportune. E’ accaduto nel Veneto orientale.

Se nella vita ogni atto, ogni volontà, ogni intento, merita una spiegazione, quello di un operatore socio sanitario che ha fotografato e ritratto, con la complicità dello smartphone e whatsapp, pazienti terminali, nel suo stesso posto di lavoro, induce a qualche pensiero perplesso.

E confusa appare questa circostanza se la affianchiamo all’abitudine di inviare quei video e foto al compagno, insegnante nel veneziano, che a sua volta ricambiava, inviando foto e riprese della sua classe e dei suoi alunni.

Era un modo per condividere la reciproca quotidianità?
Lo si vedrà in seguito, dopo gli esiti della denuncia che il docente ha sporto nei confronti dell’ormai ex compagno, dove lo si accusa di aver violato la privacy delle persone ricoverate. L’hospice è quel reparto destinato al ricovero e all’assistenza di persone affette da patologie evolutive irreversibili per le quali non esistono trattamenti risolutivi.

È un posto per malati gravi che, non rispondendo più alle terapie curative ordinarie, necessitano di un’assistenza finalizzata al controllo dei sintomi, in particolare del dolore, al trattamento fisioterapico e al supporto psico-sociale. I familiari sanno che quello, purtroppo, è quasi sempre un ricovero senza guarigione.

La discutibile consuetudine, purtroppo molto praticata ai giorni nostri, s’interrompe quando il rapporto tra i due si spezza e anche questa volta le conseguenze si nutrono di ingredienti odiosi.

Litigi, minacce, accuse ricambiate di stalking dell’infermiere all’insegnante, sono lo scenario squallido di due persone che hanno ritenuto di poter fotografare i malati e i bambini. E dovranno in ogni caso spiegarne l’arbitrio e con quale autorizzazione e con quale consenso e di chi.

Può considerarsi innocente riprendere un compleanno, un momento lieto in ambedue i casi, ma la diffusione non è consentita e la discrezione e il rispetto dei malati e dei bambini, avrebbero dovuto indurre alla dovuta tutela.

Vi è poi l’aspetto deprimente di un rapporto amoroso interrotto che ha mostrato la parte peggiore di entrambi, sfociate in accusa di reati.

Il docente avrebbe dovuto sapere che è necessario chiedere il consenso ai genitori prima di fotografare o riprendere gli alunni anche se destinati alla consultazione privata e men che mai alla divulgazione: lo stabilisce il Codice penale.

Così come non si possono riprendere le persone malate, anche se l’intenzione poteva essere innocente, come durante un compleanno, o momenti di convivialità. E peggio ancora trasmetterle a un’altra persona.
Chi lavora in strutture pubbliche e private dovrebbe esserne informato e rispettare le norme di legge destinate alla tutela della riservatezza.

Rimane l’amarezza che un rapporto finito si avvalga di argomentazioni e soggetti, usati come sassi per la propria difesa e i propri individualismi, rasentando livelli di scontro che la deontologia professionale e umana, in questo caso, sembra aver dimenticato.

continua a leggere dopo la pubblicità

leggi anche» Pubblica foto dell’ex su sito porno per vendetta: ragazza di Jesolo tempestata di chiamate

leggi anche» Moglie scopre video hard del marito con l’amante e lo pubblica in rete

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Senza difendere nessuno, Io penso obiettivamente che:
    1 – una relazione dura finché dura (lo dice anche il titolo di un film: “l’amore è eterno finché dura”), e quando finisce non ci devono essere vendette…
    2 – anche il professore ha diffuso immagini delle lezioni in classe (mi auguro nono con minorenni…) e quindi anche lui ha violato le leggi…
    3 – le foto dei malati NON sono state strumentalizzate per qualcosa, ma secondo me inviate meramente per mostrare come le malattie riducono certe persone, o almeno così posso dedurre per logica e dalla lettura dell’articolo.
    4 – una relazione, così come un fidanzamento o un matrimonio, non possono essere un contratto perché ai sentimenti non si comanda. Purtroppo la necessità e l’istinto di vivere in coppia creano relazioni che poi, tra separazioni, divorzi, tradimenti, noia ecc. sono tra le cause principali di inquietudine e contenziosi nel mondo, purtroppo anche con risvolti tragici. Servirebbe un po’ di saggezza e di controllo dei sentimenti, anche se solo restando da soli si risolverebbe davvero il problema. Ma non molti possono vivere così.

    Prof. Fabio Mozzatto.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Morto turista tedesco, dipendente del campeggio di Cavallino indagato

Morto il turista tedesco ricoverato all'Angelo dopo un litigio in un camping di Cavallino-Treporti, il dipendente ritenuto responsabile potrebbe a momenti essere accusato di omicidio In base alle risultanze d'indagine, infatti, la Procura della Repubblica deciderà nelle prossime ore se indagare l'aggressore...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...