Venezia, tornano i turisti ma la città non è pronta: code e disagi per i trasporti. Mercoledì l’incontro in Prefettura

ultimo aggiornamento: 26/05/2020 ore 15:23

8788

pontile burano gente sale vaporetto coda up 640
Venezia, tornano i turisti ma la città non è pronta.

I turisti sono tornati a Venezia, lo si vede dalle prime code: sul ponte della Libertà, alle biglietterie Actv e al garage comunale. E dai numerosi ciclisti diretti alle isole di Chioggia e Pellestrina, dai “selfie” in Piazza San Marco e sul Ponte di Rialto, dal numero delle persone che girano con zainetti e mascherine, in alcuni casi anche con i trolley. Ma soprattutto lo si nota dalla quantità di viaggiatori a bordo dei mezzi pubblici, che ora faticano a far fronte alla situazione.

Gente ce n’era parecchia oggi in giro, dopo il periodo di restrizioni e chiusure forzate la Serenissima è stata una delle mete preferite dai veneti e non solo, perché tra calli e ponti si sentiva spesso parlare con accenti del sud e friulani, ma anche stranieri, inglesi e spagnoli.

E’ stata una domenica di passione a Venezia e in alcune zone della provincia, alcune biglietterie sono ancora chiuse e le code son tornate a vedersi. Pur con gli sforzi e le aggiunte degli ultimi giorni, come il rafforzamento dei ferry boat e le linee balneari e dei bis diretti al Lido, Actv è andata in sofferenza.

L’azienda dei trasporti veneziani, Avm, si trova ora tra l’incudine e il martello: da una parte ci sono le difficoltà di bilancio dopo il periodo dell’emergenza sanitaria che non permettono di mettere in campo gli stessi servizi dell’anno scorso. All’appello mancano circa 108 milioni di euro per l’ammanco della vendita dei biglietti di questi ultimi mesi e buona parte del personale è ancora in cassa integrazione. Dall’altra parte però c’è una pressione turistica in crescita, l’esigenza di mantenere un minimo distanziamento sociale a bordo dei mezzi e non creare situazioni d’assembramento, il disagio dei lavoratori che chiedono risposte.

Mercoledì tutte le sigle sindacali che rappresentano i dipendenti della municipalizzata incontreranno il prefetto Zappalorto a Ca’ Corner e sarà l’ultimo tentativo di mediazione con l’azienda e l’amministrazione comunale prima di mobilitarsi con una manifestazione di protesta in giro per la città.
Una sorta di flash-mob che potrebbe tenersi il 3 giugno, data non casuale dato che proprio quel giorno si riapriranno i confini.

ferry boat lido discesa pubblico biciclette up 640

Pochi giorni fa Avm ha installato nei palmari dei marinai un’applicazione per contare i passeggeri al momento dell’imbarco e sbarco dei mezzi, un’app che avrebbe dovuto aiutare il personale della navigazione ora che la capienza consentita si è alzata rispetto alle scorse settimane. Al momento però in pochi la utilizzano, preferendo avere le mani libere al momento dell’approdo.

Tra le segnalazioni dei disagi di oggi, la coda di ciclisti in attesa con le mountain bike e le mascherine a Chioggia, Vigo, alla biglietteria. Code se ne sono viste anche alle biglietterie di Piazzale Roma e a quella della stazione di Santa Lucia, alcuni vaporetti della linea 1 che viaggiavano verso il Lido erano molto carichi e le distanze sociali, in alcuni casi, inesistenti. Anche alcuni autobus della terraferma hanno viaggiato con numerosi utenti, per mancanza di spazio molto vicini tra loro. Una lunga fila di persone in attesa si è vista al pontile di Burano per salire sul vaporetto. Qualche protesta si è sentita a Punta Sabbioni per la biglietteria ancora chiusa.

coda biglietteria piazzale roma venezia up 600

Ieri fortunatamente con l’arrivo dei turisti le biglietterie hanno ricominciato a rivendere i titoli di viaggio dedicati ai visitatori, quelli della durata di 24 ore.

“Oggi con l’implementazione della “fase 2″ – commenta il segretario regionale della Fit Cisl Veneto, Marino de Terlizzi – si è assistito al ritorno dei turisti a Venezia con code alle biglietterie ed ai Park. Non è possibile indugiare oltre! Tale evenienza certamente positiva per il riavvio delle attività economiche che darà anche un input all’incremento dell’occupazione dei lavoratori delle strutture ricettive e commerciali, deve avere una conseguente risposta anche nel trasporto pubblico locale di Actv a Venezia”.

“Il servizio deve seguire – aggiunge de Terlizzi – da una parte l’effettiva domanda di trasporto, dall’altra la necessità di mantenere il distanziamento a bordo dei mezzi e nelle strutture e pontili a terra. Occorre maggiore disponibilità della flotta navale soprattutto in collegamento delle isole e dei bus, per cui è necessario richiamare lavoratori Actv dalla cassa integrazione per dare servizi adeguati ed effettuare i controlli per il rispetto delle regole previste dai DPCM e Ordinanze regionali Covid 19″.

biglietteria piazzale roma coda estiva up 640

Il problema del bilancio però rimane, i vertici di Avm e dell’amministrazione comunale hanno spiegato che andare oltre il servizio esistente non è possibile per ora, altrimenti nel giro di pochi mesi si rischia il fallimento.

“Il 3 giugno è prossimo – prosegue il segretario – e tutto lascia fortunatamente intravedere un aumento degli arrivi a Venezia e nel Litorale Jesolano. La prossima settimana vi sarà un incontro con la Prefettura, la direzione aziendale e l’amministrazione comunale”.

“Abbiamo fiducia si possa definire un protocollo – conclude de Terlizzi – che determini un percorso in considerazione della continuità aziendale, della salvaguardia di tutti i dipendenti del Gruppo Actv, Vela, Avm, individui tempi congrui per il ritorno alla normalità dei servizi di mare e terra, in grado di dare una risposta alla necessità dell’utenza. I lavoratori e l’utenza hanno necessità di avere risposte immediate. Altrimenti i problemi di ordine pubblico ed i disagi potrebbero essere fuori controllo”.

Giorgia Pradolin

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here