5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
19.2 C
Venezia
lunedì 17 Maggio 2021

Venezia, continua il progetto #Riscrivereilfuturo della città d’acqua: “Non solo turismo”

HomeVeneziaVenezia, continua il progetto #Riscrivereilfuturo della città d'acqua: "Non solo turismo"

I problemi di Venezia: il prof. Mozzato ha scritto all'Unesco ma non ha ricevuto risposta
Venezia, continua il progetto #Riscrivereilfuturo della città d’acqua e la linea comune è che “La città non può vivere di solo turismo” come accaduto fino ad oggi.

Prosegue il dibattito aperto a cui “Venezia da Vivere” e “Associazione Piazza San Marco” hanno dato vita sul futuro di Venezia sulle scelte di oggi. La città è vuota a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus e in questo frangente si è aperta la riflessione sugli scenari futuri e sulle azioni da intraprendere da parte delle istituzioni.

Hanno partecipato al dibattito Luca Massimo Barbero, direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Cini; Francesca Barbini, della delegazione Fai di Venezia; Gianpaolo Scarante, presidente dell’Ateneo Veneto; Lorenza Lain dell’Hotel Ca’ Sagredo e l’Associazione Veneziana Albergatori (Ava); Alberto Olivetti dell’Hotel Dragomanni e Presidente Consorzio Concave.

Tutti indicano come strada la creazione di economie alternative a quella turistica, incentivi per la residenzialità, nuove visioni da quelli che verranno e rafforzamento delle competenze tecniche della classe politica.

Grande partecipazione anche da parte della cittadinanza alla quale è stato rivolta la domanda “Come vuoi #RiscrivereilFuturo di Venezia?” attraverso i social network: decine di suggerimenti sulla Venezia che i cittadini si augurano di vivere nel prossimo futuro. Tutti questi suggerimenti verranno raggruppati in una speciale infografica alla fine del progetto.

Luca Massimo Barbero: “Dobbiamo ripopolare Venezia, è ormai da decenni che se ne parla. Non possiamo essere semplicemente dei custodi della città, la si deve far ritornare come era in origine: un luogo dove vivere e lavorare e non solo nel campo turistico”.

Francesca Barbini: “Venezia lenta e bellissima può offrire, e al contempo chiedere idee e visioni a coloro che verranno. Penso che questa sia l’unica chiave per il futuro”.

Lorenza Lain: “Rafforzamento dell’’assessorato al turismo e alla cultura, assessorato che deve avere una ampia capacità di rapportarsi con istituzioni locali, regionali e nazionali, e dialogare con key players internazionali”.

Gianpaolo Scarante: “Mi piace immaginarlo legato alla creatività e all’immateriale, a tutti quei mondi produttivi che viaggeranno sulle nuove reti di comunicazione”.

Alberto Olivetti: “Ci si deve rendere conto che il turismo deve convivere con la città e i suoi cittadini. Il tessuto economico non può e non deve dipendere da un unico settore. Si deve diversificare in più settori ma sempre partendo dal presupposto della sostenibilità economico-sociale”.

Data prima pubblicazione della notizia:

Una persona ha commentato

  1. Che Venezia diventi città franca o perlomeno esentasse per artigiani (non sono un artigiano).
    Cosi’ potrà ricominciare a vivere non solo di turismo, come nei tempi passati.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor