5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Venezia, 3 donne hanno chiesto aiuto al Centro antiviolenza del Comune

HomeViolenza contro le donneVenezia, 3 donne hanno chiesto aiuto al Centro antiviolenza del Comune
la notizia dopo la pubblicità

15enne di Pordenone ricattata da senegalese: sesso o soldi o pubblico tuo video
Venezia, 3 donne hanno chiesto aiuto al Centro antiviolenza del Comune negli ultimi 20 giorni.

Nessun calo di richieste d’aiuto con l’emergenza sanitaria, anzi, la permanenza in casa di questo periodo può acuire problemi di questo tipo. L’attività del Centro del Comune di Venezia non si ferma in questi giorni, anzi, l’impegno aumenta in considerazione del fatto che l’impossibilità di uscire dalla propria abitazione potenzialmente può peggiorare contrasti o situazioni di difficoltà domestica per le donne.

I numeri, infatti, non mostrano una flessione di richieste di assistenza in queste settimane: dal 10 marzo sono state 3 le donne che infatti si sono rivolte al Centro.

Dall’inizio dell’anno, fino al 6 marzo, sono state 32 le donne che si sono rivolte al Centro per un primo colloquio, mentre sono state 46 le donne con cui si sono svolti colloqui di approfondimento, il cui numero in questi giorni è raddoppiato anche grazie a videochiamate.

Sono 37 invece le donne proseguono il percorso di assistenza, accolte anche in case rifugio o in strutture esterne: le situazioni più delicate sono monitorate più volte a settimane, specie in questo periodo.

Chi si trovasse in difficoltà può contattare il numero unico del Centro 0412744222: all’altro capo del telefono troverà operatrici opportunamente formate del Comune e della Cooperativa La Esse che gestiscono segnalazioni e richieste di aiuto. Psicologhe, assistenti sociali, educatrici professionali lavorano tutte in modalità smart working in questo periodo, ma nelle situazioni in cui si rendesse necessaria la presenza fisica intervengono “di persona” con le dovute precauzioni.

E’ in funzione 24 ore su 24 anche una segreteria telefonica per raccogliere segnalazioni giorno e notte. L’accesso alla struttura durante l’emergenza Coronavirus avverrà solo previo appuntamento telefonico (attraverso il numero unico) o via mail.

“E’ un servizio fondamentale per la città e il mio plauso non può che andare a tutte quelle persone che in queste ore si stanno dando da fare per aiutare le nostre concittadine – commentano la vicesindaco Luciana Colle e l’assessore alla Coesione sociale Simone Venturini – Dall’inizio dell’anno fino al 6 marzo sono state 32 le donne che si sono rivolte al Centro per un primo colloquio, mentre sono state 46 le donne con cui si sono organizzati colloqui di approfondimento, il cui numero in questi giorni è raddoppiato anche grazie a videochiamate e tecnologie apposite”.

“Si informa a tutto tondo sull’emergenza Covid-19, si fornisce supporto psicologico e alla genitorialità, si mantengono i rapporti con avvocati e servizi sociali – continuano – Senza dimenticarci dei minori ospiti delle case rifugio, che hanno bisogno di aiuto per l’attività didattica online e per le apparecchiature informatiche necessarie”.

Sono 37 le donne che stanno continuando il loro percorso, accolte anche in case rifugio o in strutture esterne ad hoc: le situazioni più delicate vengono monitorate più volte a settimane, specie in questo periodo. “Un’assistenza su tutti i fronti – sottolineano Colle e Venturini – sono quindici per esempio le donne che hanno richiesto da inizio anno consulenza legale e tredici quelle che a marzo sono state inserite in percorsi mirati di orientamento professionale e supporto nella ricerca attiva di lavoro. La tecnologia ci sta supportando. Da inizio emergenza infatti ulteriori 6 donne hanno intrapreso con le operatrici un percorso di supporto psicologico”.

Le donne ospitate nelle case rifugio, protagoniste di situazioni non facili, sono state rifornite di mascherine e vengono seguite in stretto contatto con i Servizi sociali del Comune. “Voglio ringraziare tutti gli operatori che in questi giorni stanno continuando ad aiutare le persone fragili della nostra Città – concludono – La nostra è una comunità che non lascia indietro nessuno. L’impegno dell’Amministrazione è massimo in questo difficile momento”.

Come contattare il Centro Antiviolenza:
via telefono – Numero Unico del Centro Antiviolenza 0412744222. E’ sempre in funzione una segreteria telefonica, attiva 24 ore su 24, al numero 0412744222.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...