Venezia: espulso kosovaro, preparava attentato a Venezia

ultima modifica: 17/12/2019 ore 19:28

1441

polizia irruzione appartamento

La DIGOS della Questura di Venezia, con la collaborazione dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Treviso, ha eseguito questa mattina l’espulsione disposta dal Ministro dell’Interno nei confronti del cittadino kosovaro MORINA Arjan, per motivi di prevenzione del terrorismo.

Il giovane kosovaro faceva parte della “cellula” jihadista che aveva collocato la sua base in un appartamento a San Marco, nel cuore del centro storico lagunare, sgominata nel marzo 2017 dopo lunga ed articolata attività d’indagine coordinata dalla Procura di Venezia, Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo. Un’indagine iniziata nel settembre del 2015 dalla DIGOS di Venezia.

I componenti del gruppo erano stati tutti sottoposti a custodia cautelare in carcere il 30 marzo 2017 e poi condannati in via definitiva.

Tra loro vi era il MORINA Arjan, all’epoca dei fatti minorenne, ed i maggiorenni BEKAJ Fisnik, HAZIRAJ Dake e BABAJ Arjan.

Al momento degli arresti la cellula veneziana aveva raggiunto una capacità organizzativa tale da costituire un concreto pericolo per la collettività, essendo pronta anche a sostenere il progetto jihadista compiendo uno o più attentati nel centro storico lagunare.

Dall’attività di indagine sono emersi numerosi elementi che hanno confermato la costituzione di un nucleo organizzato in modo piramidale, con al vertice il BABAJ Arjan, con il ruolo di principale reclutatore e instradatore dei combattenti mediante una continua attività di proselitismo, mentre gli altri componenti, tra cui principalmente MORINA Arjan, venivano chiamati ad assumere un ruolo operativo e dimostrativo dell’attività che avrebbero svolto una volta entrati a far parte dell’Isis, nonché di addestramento al combattimento e di rafforzamento degli intenti jihadisti di natura terroristica negli arruolati.

All’epoca, infatti, il MORINA, dicendosi soddisfatto di alcuni attacchi effettuati dall’Isis in Turchia, affermò che fosse giunto il turno dell’Italia e richiamava perciò l’attenzione degli altri sull’opportunità di organizzare un attentato dinamitardo nella città di Venezia, obiettivo che, data l’elevata presenza di monafik (ossia, ipocriti), avrebbe fatto guadagnare loro direttamente il paradiso.

Il MORINA, come gli altri imputati, sosteneva in prima persona tesi radicali arrivando a programmare gesti estremi, dalla partenza verso i territori teatro di guerra all’attentato contro i miscredenti a Venezia.

Questi desideri di azione e i riferimenti agli attentati sono stati ripetuti più volte dal giovane anche in contesti di quotidianità, a testimonianza della sua piena e convinta adesione alla causa.

Il giovane kosovaro ha lasciato stamattina il territorio nazionale, con scorta della Polizia di Stato, dall’aeroporto Marco Polo di Venezia.

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Carnevale di Venezia 2020
➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here