domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

HomeVenezia storicaVenezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso dal suo aspetto attuale e dagli inevitabili segni di vecchiaia che porta sul volto.
È ferma, a terra, separata dall’elemento senza il quale non può avere vita ma con dentro una irrefrenabile voglia di tornare a scivolare tra i canali della sua città che quest’anno compie 1600 anni e a cui deve la sua stessa esistenza.

Il suo nome è “Mussin” ed è l’ultimo esemplare originale rimasto in città di una particolare tipologia di imbarcazione tradizionale veneziana.
Ha alle spalle quasi quattro secoli di vita, innumerevoli imprese sulle acque veneziane e una fama legata alla sua velocità che la accompagna ancora oggi.

«Quello che conserviamo nello squero a Castello è l’unico Mussin originale rimasto in città – commenta Giorgio Suppiej, il Presidente dell’Associazione Arzanà per lo studio e la conservazione delle imbarcazioni veneziane che possiede, oggi, l’imbarcazione – Risale al 1977 ed è stato realizzato da Mario Botte, un bravissimo costruttore di barche, noto soprattutto per le linee dei suoi prodotti. Ne esiste una riproduzione fatta da Giupponi negli anni ’80 ma noi abbiamo in mano un pezzo unico, originale e testimonianza di una tradizione veneziana che vogliamo continuare a portare avanti e far conoscere»

Cesare Peris, Caterina Sopradassi, Giorgio Suppiej, Ivo Bratovich
Cesare Peris, Caterina Sopradassi, Giorgio Suppiej, Ivo Bratovich

Apripista nelle regate, e nello specifico in quella Storica, la gara a remi più importante nel calendario competitivo veneziano della voga alla veneta, il Mussin è un’imbarcazione che rientra nella tipologia della gondola da cui prende la forma ma non le dimensioni, il Mussin, infatti, è leggermente più piccolo, è più leggero, meno ornato della tradizionale gondola veneziana, senza ferri di prua e poppa e, soprattutto, è una barca velocissima perché vogata a quattro remi. Proprio la sua velocità, infatti, l’ha portato a essere utilizzato come battistrada nelle regate, dalla Vogalonga alla Regata Storica, per le imbarcazioni pronte a gareggiare.

Oggetto di diverse raffigurazioni dei vedutisti veneziani da Canaletto a Marieschi, questo piccolo patrimonio culturale veneziano, realizzato in legno con i fianchi in compensato, era stato commissionato dall’Associazione remiera I Veci del Canal Salso, che l’ha poi donata all’Arzanà. Oggi, l’Associazione in Calle Pignater, in collaborazione con la Scuola dei Carpentieri e Calafati di Venezia ha l’obiettivo di far restaurare l’ultimo Mussin rimasto in città e farlo tornare a salpare le acque dei canali veneziani.

«Il nostro sogno è quello di rimettere in acqua il nostro Mussin del ‘700 – sottolinea Giorgio Suppiej – vogliamo restaurarlo e farlo tornare a vivere i canali della nostra città così come faceva in passato perché queste tipologie di barche che rappresentano la nostra storia, la nostra civiltà non devono sparire ma continuare ad avere una funzione anche nel nostro presente. Il nostro obiettivo più grande è che il Mussin possa tornare a fare da apripista alla Regata Storica 2022 ma per farlo abbiamo bisogno dell’aiuto dei veneziani ed è per questo che chiediamo loro un piccolo supporto economico»

Il Mussin è un esempio ancora vivo di una storia importante per la città di Venezia, che porta sulle sue spalle 1600 anni di vita sull’acqua. Questa storia, così come il valore di una tradizione di imbarcazioni a remi, nate ognuna con una funzionalità specifica, vuole essere non solo ricordata ma riportata in vita nella Venezia di oggi.

«Venezia è una città di palazzi, arredi sontuosi, quadri ma anche di vita sull’acqua e i veneziani con le loro barche ci vivevano e continuano a viverci – commenta ancora Suppiej – È nel DNA di questa città la conservazione del patrimonio di barche tradizionali. Se perdiamo questo abbiamo perso una sapienza antica e un valore vitale per la città»

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.