7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Venezia, le ore più lunghe. I video dell’acqua alta

HomevideoVenezia, le ore più lunghe. I video dell'acqua alta
la notizia dopo la pubblicità

venezia acqua alta 12-11 video

L’acqua alta che ha inginocchiato Venezia il 12/11/2019 dalle 22 ce la ricorderemo per sempre, nello stesso drammatico modo in cui i nostri genitori ricordavano il ’66.

L’elenco dei danni provocati dall’impetuosità della marea si allunga ogni minuto. Ne parleremo in un articolo a parte fingendo che, dalle prime luci dell’alba, Venezia e i veneziani riescano velocemente a rimettersi in piedi ancora una volta, come già tante volte hanno fatto, nonostante le sirene abbiano già suonato, di nuovo, questa mattina.

Video di questa pagina: girati da nostri collaboratori questa notte, ufficiali delle forze dell’ordine e giunti in redazione attraverso mail e Whatsapp.

Video e foto sono pervenuti talmente numerosi e diffusi, anche medesimi da soggetti diversi, che in alcuni casi non è più possibile distinguerne la proprietà. Se qualcuno ne volesse riconoscere il possesso può chiederne la pubblicazione dei credits e, se invece non intendesse concederne l’uso a beneficio del pubblico in questa sezione, contatti la redazione per la sua rimozione.

La presente pagina verrà aggiornata costantemente con l’aggiunta di nuovi video nel corso della giornata di oggi.

Le immagini rendono l’idea del disastro meglio di qualsiasi parola.

  

– – – O – – – 
    
  

Acqua alta del 12/11/2019: cronaca di una notte da incubo a Venezia
(Notizia correlata del 12 novembre 2019, ore 2 di notte)

Acqua alta del 12/11/2019: cronaca di una notte da incubo a Venezia

Imbarcazioni affondate, vaporetti e gondole che finiscono sui ponti e sulle rive. La via Garibaldi coperta dall’acqua, con una corrente tale da sembrare un fiume in piena. Le persone non riescono a spostarsi.

Una marea che investe tutto, con raffiche di vento a 100 chilometri orari. L’imbarcadero dei Giardini che si stacca, le vetrine della Cassa di Risparmio che vanno in frantumi, un chioschetto che prende fuoco. Plateatici distrutti in tutta la città, lampioni e alberi che cadono, a Sant’Elena sembra passata una tromba d’aria.

E poi la luce che salta in alcune zone, black-out in Rio Marin, Santa Margherita San Basilio, le previsioni che da 155 vanno al rialzo fino a 190 centimetri. E’ la cronaca di una notte di paura a Venezia sulle note di una sirena dell’acqua alta che continuava a suonare.

Tutti i soccorsi sono in acqua, mentre sulle strade si urla di paura: è tornata l’acqua granda, la più alta di sempre. Invece è la seconda, che arriva a 187 centimetri sul medio mare, mentre quella storica del 1966 è arrivata 194 centimetri. Ma ci si è andati vicini. Troppo vicini. Per alcune ore le informazioni arrivano a singhiozzo: le isole sono allagate, Torcello va sotto di mezzo metro, si pensa di evacuare Pellestrina, dove notizie parlano di due persone rimaste uccise di cui una morta fulminata.

Ma anche Lido e Malamocco non se la passano bene, alla Giudecca è pericoloso camminare perché la marea è così alta che rischia di trascinare la gente dalla fondamenta nel canale.

Per il forte vento si stacca l’imbarcadero Actv dei Giardini e dentro c’è un uomo, che scivola e si ferisce ad una gamba. Resta isolato sul pontone che galleggia in mezzo al Canale, chiama aiuto, e fortunatamente in quel momento passa una barca.

Non una barca qualsiasi, ma il motoscafo del sindaco Luigi Brugnaro che in quel momento attraversava la zona e si ferma a soccorrerlo. Sono attimi di paura a Venezia, paura che domani si tradurrà nella conta dei danni. Perché la marea poi pian piano si ritira e lascia ovunque macerie e detriti.

Oltre a barche, taxi, vaporetti e gondole sulle fondamenta e sui ponti. Danni ingenti per i quali il sindaco ha già annunciato, ieri sera da Piazza San Marco, lo stato di calamità per la città d’acqua e la richiesta al governo di “Partecipare e capire a che livello è l’organizzazione del Mose – ha detto Brugnaro – perché qui si rischia davvero di non farcela più”.

Parole che pesano come macigni e anticipano la notizia che le scuole resteranno chiuse per tutto il centro storico di Venezia. Anche perché al mattino è atteso un altro “picco” di acqua alta e come annunciano le previsioni la marea si manterrà su valori eccezionali.

Le foto giunte in redazione mostrano tutto il disastro di una notte da incubo. L’ultima mostra la fondamenta delle Zattere e il posto vuoto che prima era occupato dall’edicola, ora trascinata via dalla corrente. (foto sotto)

acqua alta venezia 12-11-2019 edicola zattere sparita ns 620

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione