29.5 C
Venezia
sabato 24 Luglio 2021

Venezia 1600, lo spettacolo della nostra città (video)

HomeVenezia 1600Venezia 1600, lo spettacolo della nostra città (video)

Venezia 1600, lo spettacolo della nostra città. Da San Marco al Duomo di Mestre, da San Girolamo a Torcello, da San Rocco a San Giacometto: un unico coro di campane a distesa, su tutto il territorio del Patriarcato di Venezia, ha reso omaggio a partire dalle 16 del pomeriggio di oggi, giovedì 25 marzo, alla Città, nella giornata che dà il
via ai festeggiamenti per i 1600 anni dalla sua fondazione.
Un momento solenne che proietta la Serenissima verso le celebrazioni che accompagneranno Venezia fino al 2022.

Venezia ha ricevuto oggi anche gli auguri del presidente Mattarella. “Venezia appartiene al mondo intero. Il suo patrimonio inestimabile di arte e di cultura va difeso e preservato. Come vanno sostenuti e rilanciati anche la sua peculiare vivacità, la sua economia, il suo essere, insieme, comunità locale forte e coesa e punto di riferimento internazionale. Non una città-museo, dunque, ma una città piena di vita e dinamismo. Perché Venezia non può esistere senza i veneziani”, sono le parole del presidente della repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio in occasione dei 1600 anni della fondazione di Venezia.

“Venezia – sottolinea ancora Mattarella nel suo messaggio – è una città veneta e italiana, giustamente fiera dell’originalità e dell’unicità delle sue radici e delle sue tradizioni. Ma il suo carattere e la sua universalità fanno sì che la Città oltrepassi i confini regionali e nazionali. Venezia appartiene al mondo intero”. Nel suo messaggio di auguri per “la significativa, importante, ricorrenza dei mille seicento anni dalla fondazione”, il Capo dello Stato ne ricorda le caratteristiche di città “senza mura e senza esercito, capace di estendere la sua influenza molto al di là del suo limitato territorio. Un successo globale, attestato non soltanto dai veneziani celebri nel mondo: Marco Polo, Vivaldi, Tintoretto, Tiepolo, Bellini, Goldoni. Ma anche dall’attrazione e dal fascino che la città lagunare ha sempre esercitato nei confronti dei più importanti uomini di cultura di ogni tempo: da Shakespeare a Goethe, da Byron a Stendhal, da Wagner a Thomas Mann, per citarne soltanto alcuni. Da sempre ponte tra Oriente e Occidente, luogo di incontro privilegiato tra civiltà, culture, popoli, religioni, Venezia rimane – e certamente rimarrà – simbolo di dialogo, di incontro, di conoscenza. Capace di trovare, nella universalità e nell’apertura, nella cultura e nell’intraprendenza, la sua vocazione e il suo radicamento. Ecco perché la storia e il successo di Venezia nei secoli si presentano come un esempio per l’Italia di oggi”, conclude.

Il video con le immagini di oggi è di “Venezia Unica”.

» ti potrebbe interessare anche: “1600 anni di Venezia e San Giacométo: celebrazioni e curiosità sconosciute

iscriviti al canale youtube de la voce di venezia

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.