martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

Un altro anno pesante per la qualità dell’aria a Venezia

HomeInquinamentoUn altro anno pesante per la qualità dell'aria a Venezia

Nonostante il 2021 abbia presentato condizioni meteorologiche migliori per quanto riguarda le condizioni per la dispersione degli inquinanti, anche l’anno che si sta per chiudere è caratterizzato da dati pesanti per quanto riguarda la qualità dell’aria.
Infatti anche nel 2021 tutte le centraline del nostro territorio hanno registrato un numero di sforamenti del PM10 ben superiore a quello previsto dalla normativa: alla centralina del Parco Bissuola oggi sarà il cinquantesimo giorno di sforamento (dei 50 μg/m3 da non superare più di 35 volte all’anno risulta oltrepassato per più del doppio di giornate), ma ben peggio sta andando in altre stazioni, come quella di via Tagliamento, che oggi toccherà quota 65 sforamenti.

Nella stagione invernale (dal 1/1/21 al 31/3/21 e dal 1/10/21 ad oggi – 181 giorni) in via Tagliamento sono stati registrati ben 63 sforamenti, vale a dire più di un giorno ogni tre.

Ancora una volta appare necessario un cambio di passo importante, per incrementare in modo efficace gli sforzi per migliorare la qualità dell’aria!

Le mosse del Comune invece appaiono timide e contraddittorie, che sembra essersi limitato a recepire l’aggiornamento dell’accordo di bacino padano applicandolo in maniera estremamente timida.
Le domeniche ecologiche, ad esempio, sono state pubblicizzate pochissimo, ed anche i controlli preventivi per evitare l’entrata degli automobilisti nel centro non si sono visti (le pattuglie ai varchi d’ingresso che si vedevano alcuni anni fa sono solo un ricordo).
Inoltre nemmeno in queste giornate è stato potenziato il trasporto pubblico locale, e pertanto non sono state offerte adeguate alternative alla cittadinanza.

Vanno fatte azioni per ridurre le emissioni degli impianti di riscaldamento (anche su questo punto oltre a provvedimenti sulla carta non si registra granché) e delle altre fonti di inquinamento.
E’ inoltre necessario estendere i provvedimenti anche alla città d’acqua, con particolare attenzione alle emissioni dei motori marini diesel: durante la sessione di bilancio abbiamo presentato un emendamento su questo punto che però è stato respinto. Non si tratta solo di limitare il traffico acqueo, ma anche è necessario studiare provvedimenti che favoriscano un progressivo passaggio a motori con minori impatti.

Il dato di via Tagliamento inoltre richiama l’attenzione sulla necessità di provvedimenti specifici per ridurre l’inquinamento derivante dalle infrastrutture che attraversano il nostro territorio. Va pertanto portato avanti con estrema urgenza il progetto della Tangenziale verde e bisogna prevedere ulteriori misure a tutela dei residenti, compreso il riavvio dell’indagine epidemiologica per approfondire gli effetti sanitari di questo fenomeno.

Alessandro Baglioni
Consigliere Comunale

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Io penso che:
    …e il comune cosa fa invece contro le polveri?Espande l’Aeroporto e cementa mezza Tessera tra stadio, palasport ecc. e pure consente una nuova linea ferroviaria per l’aeroporto, con tanto di espropri…!
    E contro il biossido di azoto, presente prevalentemente i Rio Novo, Ferrovia e Piazzale Roma, coma da dati Arpav su monitoraggio con “radielli”, ancora il nulla di risolutivo: nemmeno la previsione di transiti a targhe alterne…
    E se i dati del 2020 e 2021 sul biossido si “salvano”, lo si deve solo ed esclusivamente alla riduzione del traffico di natanti dovuta al COvid, e non certo alle Ordinanze e ai provvedimenti delle amministrazioni…!
    Contro le polveri oltretutto, i provvedimenti regionali e dell’Accordo per il Bacino Padano non nono minimamente applicabili al Centro Storico, dato che a Venezia non ci sono né mucche, né allevamenti né contadini che bruciano sterpaglie…
    E i falò “panevin”, nonostante i gradi dati di inquinamento , sono stati bloccati solo per l’emergenza sanitaria e non per lo smog che producono!
    Infine, a Venezia ANCORA UNA VOLTA NESSUNO HA PREVISTO IL BLOCCO DEL TRAFFICO di natanti per inquinamento, ne’ le domeniche ecologiche al pari della terraferma: evidentemente qualcuno ha piacere che veneziani, studenti e turisti si ammalino di smog! Grazie amministrazioni.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...